Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La visita di Taiwan corona la lunga storia di Nancy Pelosi contro Pechino

In qualità di presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi ha ignorato gli infuocati avvertimenti della Cina ed è arrivata a Taiwan per sostenere il suo governo e incontrare gli attivisti per i diritti umani.

Questo è solo l’ultimo della sua lunga storia di critiche al governo cinese guidato dal Partito Comunista, durante la sua carriera al Congresso degli Stati Uniti.

Visitando Piazza Tienanmen nel 1991

Caricamento in corso

Pelosi è stato membro del Congresso per soli due anni quando il governo cinese ha represso le manifestazioni studentesche a favore della democrazia il 4 giugno 1989, uccidendo migliaia di manifestanti.

Due anni dopo, la giovane deputata si unì a una visita bipartisan in Cina e fece arrabbiare Pechino apparendo in piazza Tienanmen e alzando uno striscione in onore dei dissidenti uccisi nelle proteste del 1989.

Sul piccolo striscione dipinto a mano si leggeva: “Per coloro che sono morti per la democrazia in Cina”.

La polizia cinese ha rapidamente chiuso i battenti, espellendo i giornalisti che seguivano l’evento e costringendo Pelosi a lasciare la piazza.

Negli anni ha continuato a parlare del massacro di Tienanmen, un evento fino ad oggi strettamente controllato in Cina.

Pelosi ha recentemente affermato in una dichiarazione in occasione dei 33 anni dalla continuazione del massacro di Piazza Tienanmen.

Boicottaggio olimpico

Pelosi ha chiesto il rifiuto dell’offerta cinese di ospitare le Olimpiadi dal 1993, sulla base delle critiche ai record dei diritti umani della Cina.

Ha anche invitato il Congresso e l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush a boicottare le Olimpiadi estive del 2008 in Cina, nonostante il loro fallimento.

READ  Canada PM Trudeau positivo al COVID-19

Nel 2022, Pelosi ha nuovamente chiesto un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino e ha criticato il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri e ad altre minoranze.

Un visitatore passa davanti a una statua delle Olimpiadi invernali di Pechino
Nancy Pelosi ha chiesto un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino.(AFP: Ng Han Gwan)

Ha detto che andare in Cina “alla luce del genocidio” solleverebbe interrogativi sull'”autorità morale” per parlare di diritti umani nel mondo.

Un portavoce del Dipartimento di Stato a Pechino ha descritto i commenti di Pelosi come “pieni di bugie e false informazioni”.

Sostieni gli attivisti tibetani

Nel 2008, Pelosi ha criticato la “repressione” cinese in Tibet quando il governo ha represso i manifestanti.

Nel 2002 e nel 2009, Pelosi ha consegnato lettere personali all’allora presidente cinese Hu Jintao, chiedendo il rilascio di prigionieri politici dal Tibet, che Hu ha rifiutato di accettare.

Il Dalai Lama nella sua veste arancione scuro si inchina profondamente mentre la Pelosi dai capelli rossi si inchina, il suo viso tocca il suo cuoio capelluto.
Nancy Pelosi ha incontrato in diverse occasioni il leader spirituale del Tibet, il Dalai Lama.(Reuters)

Nel 2015, Pelosi ha portato un gruppo di legislatori democratici in Tibet, la prima visita del genere dopo i disordini tibetani su larga scala nel 2008, dove ha espresso sostegno al leader spirituale tibetano in esilio, il Dalai Lama, che Pechino considerava un violento separatista.

Ha incontrato il Dalai Lama in più occasioni.

Hong Kong e Taiwan

La Pelosi ha anche espresso negli anni il suo sostegno ai movimenti pro-democrazia di Hong Kong.

In risposta alla protesta contro il disegno di legge anti-estradizione del 2019, Pelosi ha affermato che gli Stati Uniti sono “in solidarietà con il popolo di Hong Kong che ama la libertà”.

Ora, il viaggio di Pelosi a Taiwan corona i suoi decenni come eminente critica statunitense del governo di Pechino, in particolare sulle questioni dei diritti, e sottolinea la lunga storia del Congresso degli Stati Uniti che ha preso una linea più dura rispetto alla Casa Bianca nel trattare con Pechino.

Vista posteriore di un uomo dai capelli grigi con un cappello scuro, che guarda attraverso una lente d'ingrandimento leggendo un giornale su un cavalletto
Un titolo di un giornale in Cina recita: “Pelosi visita l’Asia con l’odore della polvere da sparo”. (Reuters: Tommaso Pietro)

Harris Templeman, esperta di Taiwan presso la Hoover Institution della Stanford University, ha affermato che Pelosi, 82 anni, cercherà di consolidare la sua eredità, pur rilevando il sostegno di Taiwan di fronte alle pressioni di Pechino.

“È meglio della stessa Presidente della Camera dei Rappresentanti inviare quel segnale?” ha chiesto. disse il dottor Templeman.

“Quindi è in una posizione simbolica molto forte prendere posizione contro il PCC”.

ABC/Reuters