Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Morgan Freeman libera il mese della storia dei neri, “afroamericano”

Morgan Freeman libera il mese della storia dei neri, “afroamericano”

Morgan Freeman ha recentemente criticato il Black History Month e il termine “afroamericano” in una rara intervista che riflette sulla sua vita e carriera.

mentre parli con Tempi domenicali Parlando a Londra per promuovere il suo nuovo film, “A Good Person”, l’attore veterano ha identificato Black History Month e il termine “afroamericano” come “due cose che posso dire in pubblico che non mi piacciono”.

“Il Black History Month è un insulto”, ha detto. “Hai intenzione di trasformare il mio appuntamento in un mese?”

Ha continuato: “Inoltre, ‘afroamericano’ è un insulto”. “Non sono abbonato a questo indirizzo.”

Tra i suoi problemi con quest’ultimo c’è che la gente “dice l’Africa come se fosse un paese quando è un continente, come l’Europa”. Jonathan Dean, Senior Writer per The Sunday Times, ha ampliato le osservazioni di Morgan sottolineando che termini come “irlandesi americani” o “italoamericani” sono usati per riferirsi ai bianchi – “non europei americani”.

“I neri hanno avuto cognomi diversi fino alla parola N e non so come queste cose abbiano una tale presa, ma tutti usano ‘afroamericano'”, ha detto Freeman.

“Cosa significa veramente? La maggior parte dei neri in questa parte del mondo sono messaggeri”.

Quando Dean gli ha ricordato che il collega attore Denzel Washington una volta aveva detto: “Sono così orgoglioso di essere nero, ma il nero non è tutto ciò che sono”, Freeman ha risposto: “Sì, esattamente”.

Disse: “Sono completamente d’accordo”. “Non puoi definirmi così.”

Freeman ha anche riflettuto su come si sono evolute la carriera di attore e l’industria dell’intrattenimento da quando ha iniziato negli anni ’60 e ha ottenuto un grande successo a Hollywood negli anni ’80.

READ  Un regista di 84 anni guarda l'anima di un asino in "EO"

“Il cambiamento è che tutte le persone stanno partecipando ora”, ha detto. “Tutti. LGBTQ, asiatici, persone di colore, matrimoni interrazziali, relazioni interrazziali. Ogni attrice. Li vedi tutti sullo schermo ora ed è un enorme salto.”

Anche la star di “Shawshank Redemption” e “Driving Miss Daisy” ha notato un cambiamento nella sua carriera, affermando che è diventato un nome troppo familiare per essere considerato un attore caratteristico.

“Quando ho iniziato la mia carriera nel cinema, volevo essere un camaleonte”, ha detto. “Mi ricordo [Robert] De Niro all’inizio ha interpretato parti molto diverse. Lui stesso è quasi irriconoscibile come attore. Ho avuto opportunità come questa. Ma quando maturi in questo lavoro, alla fine diventi una star. Quindi sei così fottuto… Hai più o meno lo stesso tipo di ruolo: le persone ti assumono e dicono: “Sei tu quello che voglio”. E tu ci convivi”.

Ha aggiunto: “Non credo di aver fatto molto negli ultimi 10 anni e sarebbe stato molto diverso”. “A spasso con Daisy” e “Glory” erano diversi. Ora? è appena . . . IO. Il personaggio si adatterà a te piuttosto che il contrario, quindi faccio quello che mi interessa. A volte si tratta solo di soldi”.