Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mercato emergente dei detriti orbitali

Mercato emergente dei detriti orbitali

Rendering tecnico della missione ClearSpace-1.

spazio libero

La newsletter sugli investimenti spaziali della CNBC fornisce le ultime notizie, aggiornamenti per gli investitori e interviste esclusive dal settore dell’esplorazione spaziale e della privatizzazione. Iscriviti per ricevere le versioni future Dal corrispondente satellitare della CNBC Michael Sheetz, oltre alle edizioni per soli abbonati, direttamente nella tua casella di posta.

È una triste ironia, ma pur sempre ironia, quella di questa settimana annunciato dall’Agenzia spaziale europea Quel pezzo di detrito spaziale – rimasto in orbita dopo il lancio del razzo Vega di Arianespace nel 2013 e che era l’obiettivo della missione di rimozione – sembra essere stato colpito da altri detriti spaziali.

La missione ClearSpace-1 mira a dimostrare il processo di “rimozione attiva dei detriti” catturando la parte scartata del razzo con un veicolo spaziale dotato di bracci robotici. Il veicolo spaziale è sviluppato e gestito dalla startup svizzera ClearSpace, sostenuta dall’Agenzia spaziale europea e da investitori come OTB Ventures e In-Q-Tel.

Separatamente, la NASA e SpaceX si stanno preparando a lanciare la missione astronauta Crew-7 verso la Stazione Spaziale Internazionale. Ma la stessa Stazione Spaziale Internazionale Potrebbe essere necessario schivare i detriti spaziali questo pomeriggiocon i controllori della stazione che valutano la possibilità di modificarne l’altitudine.

La minaccia rappresentata dai detriti spaziali non è un problema nuovo per l’industria, ma è più urgente che mai. Brian Weeden, direttore della Secure World Foundation e uno dei massimi esperti in materia, ha detto di “non essere troppo sorpreso” nel sentire che l’obiettivo ClearSpace-1 è stato colpito, “perché onestamente non abbiamo buone statistiche su Quello.” Collisioni con detriti molto piccoli.”

READ  La NASA ordina di non fotografare il sito di lancio dopo il lancio della missione lunare

“Siamo abbastanza sicuri che ci siano oltre un milione di ulteriori pezzi di detriti… di dimensioni da 1 a 10 centimetri… ma sono troppo piccoli per essere rintracciati in questo momento, quindi non possiamo prevedere dove si trovano. Non possiamo proprio evitare loro”, ha detto Weeden. “.

I satelliti e i detriti spaziali vengono in gran parte monitorati tramite radar e telescopi terrestri. Weeden ha osservato che l’esercito americano, attraverso Space-Track.org, ha il “catalogo pubblico più completo” di cose. Anche Europa, Russia e Cina hanno le proprie reti di tracciamento. Giappone, Corea e India ci stanno lavorando.

Nel frattempo, le aziende stanno lavorando su servizi di tracciamento commerciale. Weeden ha definito LeoLabs un “grande leader” e ha osservato che anche altre società come ExoAnalytic, Slingshot Aerospace, HEO e NorthStar stanno costruendo reti.

“Stiamo andando abbastanza bene, ma non abbastanza bene”, ha detto Weeden.

La rimozione dei detriti è una parte emergente di un ambito più ampio mercato dei servizi satellitari (Noto anche come servizio aerospaziale, assemblaggio e produzione o ISAM). Ma Weeden ha osservato che ci sono alcuni punti critici che rimangono teorici, poiché “nessuna azienda o governo ha mai richiesto un risarcimento per danni a un satellite spaziale a seguito di una collisione o di detriti”.

Mentre ci sono misure di allentamento per gli operatori satellitari commerciali – come i requisiti FCC su quanto tempo i satelliti possono rimanere in orbita dopo la fine del servizio – la “grande domanda” per Weeden ruota attorno ai governi, che secondo lui sono i più grandi trasgressori: “Come si fa a farlo? Stiamo incentivando i governi a ripulire i loro rifiuti?” Seguito a breve da: “Come lo fanno?”

READ  Un vaccino antinfluenzale non corrispondente può significare una brutta stagione influenzale e un aumento del Covid

Weeden immagina qualcosa di simile al programma cargo commerciale della NASA, in cui il governo aiuterebbe a finanziare la ricerca e lo sviluppo e poi indirebbe una gara per assegnare contratti di servizio alle aziende.

“Ma qualcuno nel governo deve dire: ‘Investiremo i soldi per fare questo'”, ha detto Weeden, “e stiamo parlando di centinaia di milioni o miliardi” di dollari.