Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno sciopero dei tassisti in Italia aumenta la pressione sul governo di Giorgia Meloni

Uno sciopero dei tassisti in Italia aumenta la pressione sul governo di Giorgia Meloni

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Martedì i tassisti di tutta Italia hanno scioperato, in una dimostrazione di forza contro il governo del Primo Ministro Giorgia Meloni, che è stato sottoposto a forti pressioni da parte dei consumatori arrabbiati per aumentare la disponibilità di taxi.

Lo sciopero arriva settimane dopo che il ministro dell’Industria Adolfo Urso ha incontrato una delegazione di dirigenti dell’app di ride-hailing Uber, facendo arrabbiare la potente lobby dei tassisti che finora è stata in grado di limitare le operazioni della società con sede negli Stati Uniti e di altre app simili , in Italia. .

“Questa lotta non si limita alla difesa degli interessi legittimi dei tassisti”, ha affermato Nicola De Giacobbi, coordinatore nazionale del sindacato Unica, il braccio dei tassisti della CGIL, uno dei tre principali sindacati italiani.

Ha accusato il governo di “abbracciare il libero mercato e privatizzare questo settore” e ha promesso che gli autisti si sarebbero opposti alla “liberalizzazione sfrenata del mercato che sostituirebbe il servizio pubblico con uno guidato dagli algoritmi”.

Ma lo sciopero ha fatto arrabbiare gli italiani già arrabbiati per le carenze croniche che spesso lasciano i viaggiatori che arrivano alle stazioni ferroviarie e agli aeroporti in lunghe e lente code per completare il loro viaggio.

Diverse città italiane si stanno preparando a rilasciare le prime licenze di taxi aggiuntive da decenni per alleviare la carenza, ma queste misure sono considerate insufficienti.

“È uno sciopero contro i consumatori, inaccettabile dal nostro punto di vista”, ha affermato Massimiliano Donna, presidente della Federazione nazionale dei consumatori, che ha lamentato una “carenza strutturale” di licenze di taxi in Italia e ha chiesto una “ragionevole liberalizzazione”. “di taxi. settore.

READ  La Banca Centrale Europea agirà su tassi di interesse e spread mentre l'Italia diventa un creditore netto

Donna ha avvertito che l'”emergenza” per i taxi italiani si aggraverà con la stagione turistica estiva, che porterà milioni di visitatori, aggravando l’ampio gap di offerta.

“Siamo consapevoli che i tassisti hanno acquistato le licenze a prezzi folli e sono piuttosto interessati a mantenere il numero dei taxi al livello attuale”, ha detto. Ma non si può trascurare l’interesse dei cittadini”.

La coalizione tripartita della Meloni – che ha ottenuto il sostegno della potente lobby dei taxi in vista delle elezioni generali del 2022 – ha deciso lo scorso agosto di consentire alle città di aumentare fino al 20% il numero di taxi autorizzati che percorrono le loro strade attraverso un processo accelerato.

La mossa ha fatto seguito alle proteste estive in cui i visitatori stranieri sono rimasti bloccati per ore nel caldo soffocante mentre aspettavano un taxi, scatenando un’imbarazzante tempesta sui social media sulla difficile situazione dei turisti.

Lo scorso marzo, l’autorità italiana garante della concorrenza ha affermato che le città dovevano aumentare le loro flotte di taxi di oltre il 20% stabilito dal governo per “migliorare l’efficienza e la qualità” dei servizi forniti ai consumatori.

Tuttavia, le città che cercano di rilasciare nuove licenze negli ultimi mesi stanno ancora subendo pressioni da parte dei sindacati dei taxi che chiedono di avere voce in capitolo nel determinare quante nuove licenze dovrebbero essere rilasciate – e a quale costo.