Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le autorità vietano le veglie per il massacro di piazza Tiananmen a Hong Kong e Macao, ignorando la pretesa di COVID

Per la prima volta, le autorità hanno vietato esplicitamente gli eventi del massacro di piazza Tiananmen a Macao per motivi politici, mentre i funzionari di Hong Kong hanno fatto riferimento al “sabotaggio” e al COVID-19.

L’anno scorso è stata la prima volta dal 1989 che non si sono tenuti eventi commemorativi nelle due RAS, apparentemente a causa della pandemia di coronavirus – Anche se alcuni di Hong Kong celebrano ancora l’occasione.

Ma gli attivisti affermano quest’anno che le autorità locali hanno abbandonato ogni reale affermazione che il motivo fosse la salute.

Il segretario alla sicurezza di Hong Kong, John Lee, ha detto che il commissario di polizia ha presentato un avviso di opposizione alla riunione del 4 giugno, citando COVID-19, rendendolo un “raduno non autorizzato”.

Un uomo si trova davanti a un carro armato vicino a piazza Tienanmen.
Le proteste studentesche in piazza Tienanmen furono represse nel 1989 con una sanguinosa repressione.

“Secondo la legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, è stato chiaramente stabilito che chiunque organizzi, pianifichi, esegua o utilizzi mezzi illegali per distruggere o ribaltare lo statuto stabilito dalla Costituzione cinese è colpevole di sabotare il potere dello stato ,” Egli ha detto.

L’ex politico di Hong Kong Ted Howe, fuggito ad Adelaide nel marzo di quest’anno a causa del suo Legge sulla sicurezza nazionale di Pechino, Ha detto alla ABC che credeva che le veglie di Tiananmen “saranno bandite per sempre”.

Ted Howe parla con Bill Bertels dopo essere arrivato in Australia il 9 marzo 2021
Ted Howe è fuggito in Australia nel marzo di quest’anno. (

ABC News

)

“Sappiamo tutti che non si tratta di COVID”, ha detto, sottolineando che le altre restrizioni sono state allentate.

Ha affermato che per più di 30 anni Hong Kong e Macao sono stati gli unici luoghi in Cina in cui tali veglie e celebrazioni a lume di candela potevano svolgersi legalmente e che questo era importante per l’identità di Hong Kong.

“A Hong Kong, ora è più come una tradizione … è l’ultima libertà che abbiamo ora che sta svanendo.”

L’Hong Kong Alliance, il principale organizzatore del memoriale al massacro di piazza Tiananmen nella città dal 1989, ha dichiarato in un comunicato che anche la polizia si è opposta “in conformità con il regolamento per la prevenzione e il controllo delle malattie”.

Il gruppo ha detto che farà appello contro la decisione e “continuerà a lottare per il diritto del pubblico a piangere il 4 giugno”.

Gli eventi del 4 giugno sono inquadrati diversamente da Pechino, che lo considera un “incidente”, e dai difensori dei diritti umani, che lo definiscono “massacro” o “repressione”.

“Provocatorio e chiaramente diffamatorio”

Le persone accendono una lunga fila di candele mentre la folla può essere vista sullo sfondo in una notte buia.
I residenti di Hong Kong hanno sfidato le restrizioni del COVID-19 lo scorso anno accendendo candele durante una veglia al Victoria Park a Causeway Bay.(

AP: Ken Cheung

)

L’Associazione Pro-Democrazia per lo Sviluppo Democratico a Macao ha detto che la polizia ha rifiutato il permesso di stare lì perché violava il diritto penale.

La lettera di rifiuto affermava che gli slogan e gli striscioni all’evento “avrebbero sfidato l’autorità del governo centrale, ed è chiaro che sono provocatori e diffamatori”.

Kwok Cheung Ng, membro esecutivo dell’Associazione per lo sviluppo democratico e membro dell’Assemblea legislativa di Macao, ha detto alla ABC che si trattava di “una decisione politicamente motivata”.

Ha detto che dal 1990 ogni anno si tengono veglie a lume di candela e gallerie fotografiche per commemorare il massacro.

“La ragione presentata lo scorso anno era un’epidemia, e quest’anno è stata modificata in una violazione del diritto penale”.

Il suo gruppo ha affermato in una dichiarazione che il rifiuto della polizia ha violato “i diritti del popolo di Macao di riunirsi e manifestare”.

Hanno presentato ricorso contro la decisione e si aspettano che la Corte d’appello finale si pronunci la prossima settimana.

L’Australia ha sollecitato il ricordo del massacro limitando le libertà

La notizia arriva quando il giornalista di Hong Kong Jimmy Lai e altri nove, tra cui Albert Hu e Lee Cheok Yan, sono stati condannati per il loro ruolo in un “raduno non autorizzato” in occasione della Giornata nazionale cinese del 2019.

Un fan tiene in mano una mela e una copia dell'Apple Daily a sostegno del magnate dei media Jimmy Lai.
I sostenitori di Jimmy Lay hanno denunciato il verdetto.(

Reuters: Lam Yake

)

“In passato era impensabile condannare le manifestazioni e i sermoni di Hong Kong, ma oggi sono diventati una parte quotidiana della nostra vita in città”, ha affermato in un comunicato il gruppo pro-democrazia Australia e Hong Kong Link.

L’indipendenza giudiziaria di Hong Kong non esiste più e il tribunale è diventato uno strumento per reprimere il movimento democratico “.

Era Hong Kong È stata scossa dalle proteste a favore della democrazia nel 2019, Il risultato di un controverso disegno di legge sull’estradizione che si riteneva violasse la sovranità della città.

L’ex colonia britannica è stata consegnata a Pechino nel 1997 nell’ambito del quadro “un paese, due sistemi”, che era Hong Kong dovrebbe consentire un certo grado di autonomia fino al 2047.

Nel giugno dello scorso anno, Pechino ha imposto una legge sulla sicurezza nazionaleIl che limita ulteriormente le libertà.

“Chiediamo al popolo di Hong Kong in Australia di partecipare attivamente alle attività del 4 giugno tenutesi in varie città per commemorare le vittime della tirannia comunista”, ha detto l’Australia-Hong Kong Link.

L’emittente e editorialista cinese Lin Bin, che aiuta a organizzare un memoriale fuori dall’ambasciata cinese a Sydney il 4 giugno, ha detto che era importante per coloro che sono fuori dalla Cina esercitare la loro libertà di manifestare.

“Alcuni degli amici di Hong Kong che vivono in Australia ne hanno discusso e riteniamo che dobbiamo alzarci in piedi per mostrare il nostro sostegno a Hong Kong e al movimento democratico, sia a Hong Kong che nella Cina continentale”, ha detto il dott. Lin.

“Poiché il governo di Hong Kong non consente alle persone di organizzare alcun evento, cerchiamo di organizzare l’evento in Australia e in altre democrazie.

Huey, che non si aspetta di tornare nella sua città natale, dice che l’Australia sarà il suo campo di battaglia per sostenere coloro che vivono in città.

Ma ha aggiunto che alcuni temevano che se avessero parlato in Australia, sarebbero stati arrestati se fossero tornati a Hong Kong.

Il signor Hui ha detto che i residenti all’estero di Hong Kong sono “arrabbiati” e “arrabbiati” perché è doloroso vedere come è cambiata Hong Kong.

“Ci sentiamo più responsabili di parlare a nome di Hong Kong, da [overseas],” Egli ha detto.

“Se non noi, di chi stiamo parlando a nome di Hong Kong?”

READ  "Non ci sono posti di lavoro su un pianeta morto", ha detto Sharan Buru al Vertice di Biden.