Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’artista nato a Cleveland Heights Jacob Quinzel e l’artista Pixar discutono del nuovo film “Luca”, Little Italy e l’importanza degli amici intimi

L'artista nato a Cleveland Heights Jacob Quinzel e l'artista Pixar discutono del nuovo film "Luca", Little Italy e l'importanza degli amici intimi

Cleveland, Ohio – Molto prima che il talento artistico di Jacob Quinzel lo portasse alla Pixar Animation Studios, un creativo nativo di Cleveland Heights – i cui crediti includono “Onward”, “Gli Incredibili 2”, “Coco”, “Alla ricerca di Dory” e “Monsters”. ” Università” e “WALL E” – trascorre la sua estate creando avventure all’aria aperta tra gli alberi ad alto fusto nel suo cortile e la vegetazione lussureggiante.

È quel preciso ricordo che il talentuoso artista porta al nuovo lungometraggio originale di Disney e Pixar, Luca.

Ambientato in una città costiera italiana, il film presenta una storia divertente e commovente su due mostri marini adolescenti, che scoprono che uscire dalla loro zona di comfort può portare a un’estate che cambia la vita.

Abbiamo chiacchierato con il diplomato della Cleveland Heights High School del 2002 su “Luca” (che ha debuttato il 18 giugno su Disney+), Little Italy e perché disegnare squame di pesce è più difficile di quanto pensi.

Jacob, prima di parlare del nuovo film della Pixar, Luca, quand’è stata l’ultima volta che sei stato a casa?

Era la fine del 2019. Avevo appena iniziato da Luca. Stavo cominciando a pensare a cosa avrei fatto. Poi durante tutta la pandemia, per me è stato ‘Luca’, ‘Luca’, ‘Luca’. Ha sicuramente reso più facile affrontare tutta la follia che sta succedendo. Ricordo di aver postato ad amici su Facebook che lavorare su “Luca” era un po’ un pensiero per me.

Il tuo curriculum parla dell’essere un bambino e di guardare i film Pixar. Qual è il più vicino che riesci a ricordare?

Dato che erano cassette VHS, ho un ricordo molto chiaro di aver visto “Luxo Jr.” , che è stata letteralmente la prima versione breve della Pixar. Ricordo che mi piaceva molto l’aspetto della computer grafica. Era molto nuovo per me. Fin dall’inizio, ricordo solo di amare come apparivano queste cose e ne ero sempre stato affascinato.

READ  Anche al Festival di Cannes vince su tutto l'Italia

Quando eri un bambino, scarabocchiavi e disegnavi sempre?

All’epoca disegnavo “Mortal Kombat”, “Street Fighter” e tutti i videogiochi. Ho pensato che la grafica del videogioco fosse davvero fantastica. Ho anche preso molti corsi d’arte quando ero giovane – scultura, pittura, cose del genere.

Sapevi fin dall’inizio che essere un artista del computer è il tuo futuro?

La cosa più divertente è che per me sono sempre stati interessi duali ma separati. Col senno di poi, sembrava molto chiaro. Ma a quel tempo, stavo imparando sui miei computer e poi separatamente mi piacerebbe disegnare scarabocchi e cose artistiche. Non fai mai clic, l’intera idea di fare computer grafica come porta d’arte. In effetti, al liceo, stavo ancora valutando se volevo intraprendere l’arte o una carriera artistica. A volte pensavo di voler andare al Cleveland Institute of Art. Questa era una domanda nella mia mente, ma ho finito per gravitare verso i computer. È stato solo al secondo anno o al primo anno di college che ho seguito il mio primo corso di computer grafica e mi sono reso conto che c’era una combinazione che funzionava davvero per me.

Puoi parlarci delle sfide che hai affrontato lavorando su Luca?

Durante tutta la mia carriera in Pixar, che è lì dal 2006, sono estremamente orgoglioso del lavoro che ho svolto in Luca. Penso che sia stato il culmine di un sacco di apprendimento e sviluppo nella mia carriera. C’erano due sfide davvero interessanti. Abbiamo cercato di optare per un look più elegante, per dargli la sensazione di un ricordo quasi estivo. Uno dei progetti a cui ho lavorato è stato quello di dare più visibilità agli occhi dei personaggi. La cosa davvero interessante è stata la sfida di far sì che i mostri marini – il piccolo spoiler – si trasformassero tra la forma umana e quella del mostro marino. Sono stata una delle poche persone che si è rimpicciolita, cercando di capire come dovrebbe essere e quale dovrebbe essere la tecnologia dietro di essa. C’era un effetto di trasformazione davvero interessante in cui le scale si capovolgevano completamente e sembravano scomparire o apparire. Ho lavorato molto duramente su quella ripresa. Penso che l’abbiamo fatto bene.

READ  Collezione Balmain Resort 2022 | rivista Vogue

Riguardo all’idea del film ambientato in Italia, hai mai ripensato alla Little Italy di Cleveland?

Sai, non posso crederci, in realtà non l’ho fatto, ma è ovvio. Mi sento male adesso. Amo Little Italy. Mi manca la vacanza. Ho sicuramente passato molto tempo, specialmente la mia adolescenza, proprio come andare su e giù per la collina e prendere la pizza.

Non preoccuparti, non diremo a nessuno (wink wink) del passo falso di Little Italy.

(ride) Ecco qua. Lo amo.

Infine, “Luca” è un film che porta molti messaggi positivi per i giovani. Quali sono le conclusioni del film?

La prima cosa per me è solo la sensazione delle lunghe giornate estive che ho passato esplorando con gli amici. Si tratta di natura e avventura. C’è anche il tema di una sorta di avere amici e persone nella tua vita che ti supportano e ti aiutano a spingerti. Forse sei un po’ timido, sono decisamente legato a quel lato di Luca, ma attraverso le tue amicizie puoi fare queste esperienze incredibili. Spero che la gente ci penserà quando vedrà il film.

Ambientato in una splendida cittadina di mare sulla Riviera italiana, il film originale Disney e Pixar “Luca” è una storia in arrivo su un ragazzo che vive un’estate indimenticabile piena di gelato, pasta e infinite gite in scooter. Luca (voce di Jacob Tremblay) condivide queste avventure con il suo nuovo migliore amico, Alberto (voce di Jack Dylan Grazer), ma tutto il divertimento è minacciato da un profondo segreto: sono mostri marini di un altro mondo appena sotto la superficie del acqua.