Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Africa non è la stazione di servizio dell’Europa

Spingendoci in prima linea in una crisi climatica che non abbiamo causato, gli africani hanno a lungo esortato i paesi ricchi a rinunciare ai combustibili fossili e a ridurre le emissioni di gas serra. Ma invece di ascoltare le nostre suppliche, i ricchi sono rimasti dipendenti da petrolio e gas, molti dei quali, nel caso dell’Europa, provenivano dalla Russia. Ora stanno facendo un ulteriore passo avanti con questo insulto: nella loro ricerca per porre fine alla loro dipendenza dall’energia russa, le economie più ricche del mondo si stanno rivolgendo all’Africa.
Negli ultimi mesi, il Primo Ministro italiano Mario Draghi ha lavorato instancabilmente per assicurarsi nuovi accordi sul gas con Algeria, Angola, Egitto e Repubblica del Congo. Alla chiusura di ogni singolo affare – i cui termini restano vaghi – ha partecipato l’amministratore delegato di Eni, la più grande azienda di combustibili fossili attiva nel continente africano. In altre parole, Draghi, un funzionario pubblico, utilizza le risorse del governo per fornire un guadagno privato a un’azienda italiana.
Allo stesso modo, a maggio, il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha iniziato il suo primo viaggio ufficiale in Africa in Senegal, dove ha annunciato l’intenzione di portare avanti progetti energetici “intensamente”. I colloqui sull’estrazione del gas e sulla produzione di GNL sono già iniziati, con Schulz che ha espresso la volontà di fare investimenti tecnici nelle infrastrutture della centrale in Senegal.
Non sono solo coloro che cercano di importare risorse di combustibili fossili nel continente a credere che l’Africa dovrebbe estrarne di più. Mary Robinson, ex Presidente dell’Irlanda e Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha recentemente affermato che l’Africa dovrebbe sfruttare le sue vaste riserve di gas naturale.
Robinson pensa che questo sarebbe giusto: aumentando l’accesso all’energia e stimolando lo sviluppo nel continente, l’estrazione di gas naturale aiuterebbe centinaia di milioni di africani il cui sistema di combustibili fossili è finora fallito. Ma, alla fine, ciò che sostiene non è molto diverso dalla strategia di Draghi e Schulz: l’uso del denaro dei contribuenti europei per aiutare le grandi società a espandere la loro esplorazione e sfruttamento del gas sul suolo africano.
Robinson prevede che il gas (e i profitti) andrà agli africani, ma è probabile che venga inviato in Europa. Come ha recentemente sottolineato l’attivista ugandese per il clima Vanessa Nakate, lo sviluppo dei combustibili fossili non è una novità per l’Africa e da tempo non è riuscito a ridurre la povertà energetica o a raggiungere la prosperità.
In effetti, le economie africane che dipendono dalle esportazioni di combustibili fossili registrano tassi di crescita economica più lenti, a volte fino a tre volte più lenti, rispetto alle economie con economie diversificate. In Mozambico, società estere, guidate da Eni e Total Energy, hanno investito quasi 30 miliardi di dollari nello sviluppo delle riserve di gas naturale offshore e della capacità di GNL. Tuttavia, il 70 per cento delle persone vive ancora senza elettricità.
È inaccettabile, per non dire ingiusto, che la Germania e l’Italia spingano i paesi africani a riversare le loro limitate riserve finanziarie nello sviluppo dell’estrazione di combustibili fossili e nell’industria dell’esportazione per i consumatori europei, soprattutto con la domanda europea che dovrebbe diminuire nel giro di anni, poiché gli investimenti nelle energie rinnovabili le fonti di energia si imbattono in Internet.
Questi investimenti costituiscono parte integrante del piano dell’Unione Europea per porre fine alla sua dipendenza dall’energia russa. L’Unione Europea ora punta ad aumentare la quota di rinnovabili nel suo mix energetico al 40 per cento – o addirittura al 45 per cento – entro il 2030, e si prevede che la domanda complessiva di gas diminuirà del 30 per cento entro il 2030. Inoltre Germania e Italia intendono raggiungere zero emissioni nei prossimi 30 anni. Il nuovo meccanismo di adeguamento dei limiti di carbonio dell’UE accelererà ulteriormente la transizione, penalizzando i paesi bloccati nei combustibili fossili.
Le compagnie petrolifere e del gas sono ben consapevoli dell’impatto che questo cambiamento avrà sui loro profitti. Per loro, l’obiettivo di espandere la produzione in Africa equivale a uno sforzo cinico per estrarre ogni goccia di profitto dalla loro industria in declino finché possono. Il fatto che lasceranno che i paesi africani mantengano le risorse bloccate è importante per loro tanto quanto il loro contributo al cambiamento climatico.
Robinson ha ragione su una cosa: gli africani devono avere l’energia per godersi una vita dignitosa. Ma questo non è un motivo per investire in un sistema che ha già fallito, ovvero quello da cui l’Europa sta cercando di prendere le distanze. Invece, l’Africa dovrebbe investire in sistemi di energia rinnovabile distribuiti, che porteranno vera prosperità e sicurezza al nostro continente, invece di avvelenare il nostro cibo, inquinare i nostri fiumi e soffocare i nostri polmoni per raccogliere profitti per azionisti lontani.

READ  Le aziende faticano a prepararsi per i controlli sulle importazioni nel Regno Unito post Brexit

Mohamed Addo è il direttore di Power Shift Africa, un think tank con sede a Nairobi.
Sindacato del progetto, 2022.