Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La più grande eruzione vulcanica sottomarina mai registrata genera un nuovo enorme vulcano

Un enorme evento sismico iniziato nel maggio 2018 e sentito in tutto il mondo ha portato alla nascita di un nuovo vulcano sottomarino.

Al largo della costa orientale di Mayotte, una nuova gigantesca caratteristica sorge a 820 metri (2.690 piedi) dal fondo del mare, un luogo notevole che non c’era prima del terremoto che ha scosso l’isola nel maggio 2018.

“Questa è la più grande eruzione vulcanica attiva mai documentata”, I ricercatori hanno scritto nel loro articolo.

La nuova caratteristica, che si pensa faccia parte di una struttura tettonica tra la faglia dell’Africa orientale e quella del Madagascar, sta aiutando gli scienziati a comprendere i processi profondi della Terra di cui sappiamo relativamente poco.

Le scosse sismiche dell’evento in corso sono iniziate il 10 maggio 2018. Pochi giorni dopo, il 15 maggio, un terremoto di magnitudo 5,8 ha scosso l’isola vicina. All’inizio, gli scienziati erano perplessi. Ma non ci volle molto per capire che si era verificato un evento vulcanico mai visto prima.

I segni indicavano un luogo a circa 50 chilometri dalla costa orientale dell’isola di Mayotte, una regione francese e parte del vulcano Arcipelago delle Comore Si trova tra la costa orientale dell’Africa e la punta settentrionale del Madagascar.

Quindi un certo numero di istituzioni governative francesi ha inviato un gruppo di ricerca per verificarlo; Lì, di sicuro, c’era una montagna sotto il mare che non era mai esistita prima.

Guidati dalla geofisica Nathalie Foyer dell’Università di Parigi in Francia, gli scienziati descrivono le loro scoperte in un nuovo documento di ricerca.

Il team ha iniziato a osservare l’area nel febbraio del 2019. Hanno utilizzato un sonar a più raggi per mappare un’area del fondale marino di 8.600 chilometri quadrati. Hanno anche posizionato una rete di sismografi sul fondo del mare profondo 3,5 chilometri e l’hanno combinata con i dati sismici dell’isola di Mayotte.

READ  Il veicolo spaziale psichico della NASA esplorerà un asteroide unico per la prova del primo sistema solare

Tra il 25 febbraio e il 6 maggio 2019, questa rete ha rilevato 17.000 eventi sismici, da 20 a 50 chilometri di profondità sotto il fondo dell’oceano, una scoperta molto insolita, perché la maggior parte dei terremoti è molto superficiale. Anche altri 84 eventi erano molto insoliti, essendo stati rilevati a frequenze molto basse.

Armati di questi dati, i ricercatori sono stati in grado di ricostruire come si è verificata la formazione del nuovo vulcano. È iniziato, secondo le loro scoperte, con un serbatoio di magma nelle profondità dell’astenosfera, lo strato di mantello fuso situato direttamente sotto la litosfera terrestre.

Cronologia dell’eruzione. (Feuillet et al., Nature Geoscience, 2021)

Sotto il nuovo vulcano, i processi tettonici potrebbero aver causato danni alla litosfera, creando dighe che hanno drenato il magma dal serbatoio attraverso la crosta, producendo sciami di terremoti nel processo. Alla fine, questo materiale si è fatto strada fino al fondo del mare, dove ha eruttato, producendo 5 chilometri cubi di lava e costruendo il nuovo vulcano.

Gli eventi a bassa frequenza probabilmente derivavano da una cavità superficiale piena di liquido nella crosta che sarebbe stata ripetutamente stimolata dallo stress sismico sulle faglie vicine alla cavità.

A maggio 2019, il volume estruso del nuovo edificio vulcanico era tra le 30 e le 1.000 volte più grande del previsto per altre eruzioni vulcaniche di acque profonde, rendendola l’eruzione vulcanica sottomarina più significativa mai registrata.

“I volumi e i flussi di lava rilasciati durante l’evento magmatico di Mayotte sono paragonabili a quelli osservati durante le eruzioni nei più grandi punti caldi della Terra”, I ricercatori hanno scritto.

READ  Due nuove missioni della NASA sveleranno i segreti di Venere

“Gli scenari futuri potrebbero includere un nuovo collasso della caldera, eruzioni del pendio superiore o eruzioni della spiaggia. Grandi flussi di lava e coni sul pendio superiore e sulla riva di Mayotte suggeriscono che ciò sia avvenuto in passato”.

“Dalla scoperta del nuovo edificio vulcanico, è stato istituito un osservatorio per monitorare l’attività in tempo reale e i voli di ritorno continuano a seguire l’evoluzione dell’eruzione e degli edifici”.

La ricerca è stata pubblicata in scienze naturali della terra.