Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Nuova Zelanda si propone di abolire l'Autorità sanitaria Maori nonostante le proteste | Novità sui diritti degli indigeni

La Nuova Zelanda si propone di abolire l'Autorità sanitaria Maori nonostante le proteste |  Novità sui diritti degli indigeni

Il governo di centrodestra afferma che l’agenzia sanitaria istituita per migliorare l’accesso dei Maori sarà abolita entro la fine di giugno.

Il governo conservatore della Nuova Zelanda ha presentato un nuovo disegno di legge per smantellare un'agenzia istituita per migliorare i risultati sanitari per il popolo Maori della nazione del Pacifico.

L’Autorità sanitaria Maori chiuderà entro la fine di giugno e le sue funzioni saranno assorbite dal sistema sanitario nazionale, ha detto martedì il ministro della Sanità Shane Reti.

Ha detto che la legislazione ha annunciato “l'inizio di una nuova visione per la salute Maori”.

L'Autorità sanitaria Māori, o Te Aka Whai Ora, è stata istituita nel 2022 per migliorare i risultati sanitari dei Maori, che costituiscono il 17% della popolazione neozelandese e sperimentano livelli più elevati di deprivazione, reclusione e condizioni di salute peggiori rispetto al resto della popolazione.

La mossa è stata raccomandata da un comitato permanente, noto come Tribunale Waitangi, che ascolta le rivendicazioni Maori dagli anni ’70 e propone risarcimenti ove necessario.

La coalizione di centro-destra del primo ministro Christopher Luxon, insediatasi a ottobre, ha promesso di rivedere le politiche del precedente governo laburista, in particolare quelle che incoraggiavano l'uso ufficiale della lingua maori e cercavano di migliorare gli standard di vita e i diritti delle popolazioni indigene.

Luxon afferma che le sue politiche mirano a dare a tutti i neozelandesi pari diritti.

Reti, il ministro della Sanità, ha affermato che il trasferimento dei ruoli dell'Autorità sanitaria Maori al sistema sanitario pubblico ha significato che il sistema sanitario ha mantenuto le competenze necessarie per migliorare i risultati sanitari per tutti i neozelandesi, compresi i Maori.

READ  Una madre peruviana è stata insignita del Premio Nobel Verde per il suo lavoro di creazione di un nuovo parco nazionale nella foresta pluviale amazzonica

“Un'attenzione ristretta alla separazione non significa la fine della nostra attenzione alla salute Maori per coloro che ne hanno bisogno”, ha detto, impegnandosi a lavorare con i gruppi sanitari Maori per “tracciare una nuova direzione per la salute Maori”.

Tuttavia, i gruppi indigeni affermano che lo smantellamento dell’Autorità sanitaria Maori mina i loro diritti.

Jackie Harima, amministratore delegato della più grande entità sanitaria pubblica Maori, Hapa To Haura, ha affermato che i Maori sanno meglio come prendersi cura della propria gente e migliorare i loro risultati, e l’abolizione dell’Autorità sanitaria Maori è preoccupante.

“I Maori sanno cosa è meglio per loro. Devono poter accedere ai finanziamenti in modo da poter fornire soluzioni basate sulla nostra visione del mondo per la nostra gente”, ha affermato.

Ad esempio, quando gli operatori sanitari Maori sono stati finanziati per fornire vaccini contro il COVID-19, hanno avuto più successo nel raggiungere le loro popolazioni, ha affermato. Questo perché lavoravano con le famiglie e conoscevano i fornitori di vaccini nelle comunità.

La decisione del governo è arrivata nonostante le proteste a livello nazionale e le azioni legali.

È stata presentata una causa al Tribunale di Waitangi riguardo al piano di chiusura dell'Autorità Sanitaria Maori, ma la chiusura sarà ufficiale prima che la corte esamini la richiesta.