Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La misura dell’inflazione preferita dalla Fed si è allentata il mese scorso?

Il ritiro dell’indicatore di inflazione preferito dalla Fed si è ritirato a luglio?

La misura dell’inflazione preferita dalla Federal Reserve statunitense, l’indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE), dovrebbe essere allentata a luglio, dopo che i dati sull’IPC del mese scorso sono inferiori alle attese e un calo inaspettato dei prezzi alla produzione.

La crescita dei prezzi al consumo e alla produzione di luglio è stata in gran parte frenata dal calo dei prezzi della benzina ed è probabile che il rapporto PCE di venerdì segua questo trend di inflazione.

Secondo gli economisti intervistati da Reuters, l’indice principale delle spese per consumi personali – che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici – dovrebbe aumentare dello 0,3% da un aumento mensile dello 0,6% a giugno.

“I prezzi più deboli dei servizi medici, delle compagnie aeree e dei servizi finanziari nel PPI di luglio riducono significativamente la conversione dei prezzi del PCE di luglio rispetto a quanto avevamo iniziato dopo l’IPC di luglio”, hanno affermato gli analisti di UBS in una nota. Prevedono che l’inflazione core PCE scenderà a 4,5, o 4,6 per cento, da un tasso annuo del 4,8 per cento a giugno.

Le spese per consumi personali sono aumentate più del previsto raggiungendo un massimo annuale del 6,8% a giugno, vanificando le speranze che l’inflazione complessiva abbia raggiunto il picco del 6,6% a marzo. L’aumento dei prezzi della benzina ha probabilmente contribuito alla cifra principale peggiore del previsto, ma la cifra principale è balzata al 4,8% a giugno rispetto all’anno precedente, rispetto al 4,7% di maggio.

La lettura del titolo PCE è stata oggetto di grandi mosse quest’anno, data la volatilità dei settori energetico e alimentare esacerbata dalla guerra in Ucraina.

READ  Il giovane team dietro i migliori ristoranti di Brisbane a Hoonto, Agnes, Sammys e Bianca che hanno beneficiato del blocco altrove

Il governatore della Federal Reserve Christopher Waller ha dichiarato in un discorso del 14 luglio che si aspetta una politica monetaria restrittiva fino a quando non ci sarà un “declino sostenibile” del numero principale.

La Fed ha alzato il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali per il secondo mese consecutivo a luglio per contrastare l’inflazione. I verbali della riunione di luglio mostrano che i funzionari della Fed stanno pianificando ulteriori aumenti dei tassi nelle riunioni future. Alessandra Bianca

L’attività commerciale dell’Eurozona è diminuita ulteriormente il mese scorso?

Martedì è probabile che il pessimismo sull’economia della zona euro aumenterà, poiché un’indagine di riferimento sulle imprese dovrebbe rivelare un ulteriore calo degli ordini, della produzione e della fiducia.

Mentre i servizi relativi al turismo e all’ospitalità sono stati potenziati quest’estate dall’abolizione della maggior parte delle restrizioni sul coronavirus, si prevede che i vantaggi di ciò verranno annullati a causa di un numero crescente di fattori di compensazione.

La Russia sta spremendo le forniture di gas naturale all’Europa, l’Italia è in preda a disordini politici e l’inflazione record sta erodendo la spesa delle famiglie e gli investimenti delle imprese, convincendo molti economisti che l’eurozona sta andando in recessione.

Jessica Hinds, capo economista per l’Europa presso Capital Economics, ha dichiarato la scorsa settimana in una nota ai clienti che i vantaggi economici derivanti dall’allentamento delle restrizioni sulla pandemia “sembrano già svanire e i venti contrari alla crescita stanno aumentando”.

Martedì, il PMI Composite dell’Eurozona di S&P Global dovrebbe confermare questa prospettiva pessimistica, con le letture dell’Eurozona previste in calo da 49,9 di luglio a 49,5 di agosto.

READ  La banca di mamma e papà deve essere ritirata ora che è maggiorenne, dice il tribunale a una 32enne

Questo sarà il secondo mese consecutivo in cui l’indice è sceso al di sotto della soglia cruciale di 50 che separa crescita e contrazione, cosa che non è accaduta fino a luglio nell’eurozona dall’inizio dello scorso anno.

“Abbiamo avuto una stagnazione nelle nostre previsioni centrali per un po’; Klaus Vestisen, capo economista dell’eurozona presso Pantheon Macro Economics, che prevede che la lettura del PMI dell’eurozona scenda bruscamente a 48, ha affermato che riteniamo che l’economia dell’eurozona sia ora in una recessione statale. Germania, per non dire altro”. Martin Arnold

Perché le aspettative di alti tassi di interesse non hanno sostenuto la sterlina?

L’inflazione nel Regno Unito ha raggiunto il massimo da 40 anni del 10,1% a luglio e il rapido ritmo di crescita dei prezzi ha fatto aumentare le aspettative di ulteriori aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca d’Inghilterra.

Tassi di interesse più elevati tendono ad aumentare la valuta di un paese, poiché supportano gli investimenti esteri e la domanda di valuta rispetto ai paesi con tassi più bassi.

Ma da quando gli ultimi dati sull’IPC del Regno Unito sono stati pubblicati mercoledì, la sterlina è scesa di quasi l’1% rispetto al dollaro.

La sterlina è scesa di oltre il 10 per cento rispetto al dollaro quest’anno e poco meno dell’1 per cento rispetto all’euro, sebbene la Banca centrale europea abbia alzato i tassi di interesse da territorio negativo solo a luglio.

Alcuni analisti affermano che la debole performance della sterlina può essere attribuita alle cupe prospettive economiche per il Regno Unito. La Banca d’Inghilterra prevede che il Regno Unito entrerà presto in cinque trimestri di recessione. Un PIL più basso, in teoria, ridurrebbe l’attrattiva della sterlina rispetto ad altre valute.

READ  Il produttore turco di macchine per parchi di divertimenti riprende le esportazioni

“La valuta sta scendendo in quanto il mercato vede un impatto negativo sulla crescita [from higher rates]ha affermato James Athey, chief investment officer di Abrdn. “La sterlina britannica si attiene alle aspettative di crescita piuttosto che alle aspettative sui tassi di interesse”.

I dati sull’IPC di luglio hanno innescato un’ondata di vendite di obbligazioni a breve termine britanniche, che sono sensibili alle aspettative sui tassi di interesse, poiché i rendimenti degli strumenti di debito hanno raggiunto livelli elevati visti l’ultima volta nel 2008. I rendimenti obbligazionari aumentano quando i loro prezzi scendono.

La debolezza della sterlina ha sollevato interrogativi sulla salute a lungo termine dell’economia britannica.

L’apprezzamento del prezzo e il deprezzamento della valuta si osservano più spesso nei mercati emergenti che nei mercati sviluppati e forse [suggests] mercati [are] “Ha messo in dubbio la credibilità a lungo termine della politica britannica”, ha affermato Adam Cole, senior currency strategist di RBC Capital Markets.

Cole ha aggiunto che la prospettiva di un aumento della spesa fiscale per combattere la crisi del costo della vita e l’aumento dei prestiti dal Regno Unito potrebbero esercitare un’ulteriore pressione sulla sterlina. Ian Johnston