Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’enologo italiano, Barossa, sostenuto dal miliardario, afferma “il più autentico possibile”

È una miscela fresca di un nuovo vino australiano: un miliardario argentino, uno scienziato del suolo cileno e un enologo italiano. Ma insieme hanno creato la “Barossa più autentica” – se devo aggiungere, una delle meno tipiche.

Questa è stata la descrizione usata dal capo consulente enologico italiano Alberto Antonini per Alkina, una nuova etichetta su cui ha lavorato, con l’aiuto del cosiddetto “Doctor Terroir” cileno Pedro Parra, e sostenuto dal miliardario argentino del petrolio e del gas Alejandro Bolgeroni – l’uomo dietro una tenuta vinicola da $ 200 $ 1 milione in Uruguay, Bodegas Garzon (dove Antonini lavora anche come consulente enologico).

Anthony ha fatto il commento parlando in esclusiva con lui Commercio di bevande Nell’ottobre di quest’anno, dopo aver lanciato ufficialmente il suo nuovo marchio Barossa nel Regno Unito attraverso il distributore di Alkina, Raeburn Fine Wines.

La giustificazione della sua affermazione è centrata su una serie di fattori, dalla selezione delle “viti più antiche possibili” alla completa assenza di sostanze chimiche di sintesi nella gestione dei vigneti, e alla “mancanza di tecniche di vinificazione gassata”, che insieme significano che l’alkina è autentica, se non tipica dei vini Barossa.

Antonini ha spiegato: “Penso che sia il più autentico, ma se dico tipico, non lo è, a seconda di cosa intendi per carattere ovviamente”.

Laddove Alkina differisce dagli altri vini Barossa di fascia alta è nel suo stile, la maggior parte della produzione di questa regione è nota per il suo profilo di frutta ricco e maturo, completato da aromi di quercia fresca, a volte utilizzando bastoncini americani, che possono trasmettere caratteri più dolci.

Gli eucalipti differiscono anche in termini di viticoltura, poiché il nuovo progetto utilizza tecniche biodinamiche, quando il 95% di Barossa è coltivato tradizionalmente, secondo Antonini.

READ  I primi segnali mostrano che le sanzioni europee alla Russia costeranno anche l'Europa

I vigneti sono allevati ad alberello e potati a canna: “Non mi piace la potatura a sperone”, ha detto Antonini.

“Abbiamo 6 ettari di vigneto pianificati negli anni ’50, altri 21 ettari nel 1998 e altri 16 ettari che abbiamo piantato noi stessi, che è vitale fin dal primo giorno”, ha detto.

“Sapevo che era qualcosa di speciale”, ha detto Antonini, quando ha visto Alkina Vineyards, una fattoria di 60 ettari vicino a Greenock nell’angolo nord-ovest della Barossa Valley, che Bulgheroni ha acquistato nel 2015.

Tuttavia, Antonini ha portato lo specialista del suolo Pedro Barra “per aiutarci a capire il terreno esatto, in modo che possiamo andare più in profondità, con la mappatura e lo scavo del suolo”.

Ha aggiunto: “Sono italiano, quindi sono cresciuto sentendomi dire che il terroir apparteneva all’Europa e il Nuovo Mondo era lo stesso, ma se vai ad Alkina percorri 30 metri da scisto ferroso a calcare, poi scisto argilloso. C’è un contrasto e questo è vecchio suolo.molto.

Poi disse: “La geologia non sa cosa sono il Vecchio e il Nuovo Mondo”.

Mentre Antonini lavora come consulente enologico, Alekina ha un’enologo australiano a tempo pieno di nome Amelia Nolan, che “non è un’enologo ufficialmente addestrato, grazie a Dio”.

La sua fonte di sollievo ha spiegato: “Non una cosa che dico oggi è venuta dai miei studi, che mi hanno insegnato la vinificazione industriale”, prima di commentare in seguito che il grande pittore e scultore del Rinascimento italiano Leonardo da Vinci “non aveva istruzione”.

In particolare, mentre Barossa è noto per la qualità dello Shiraz, Antonini ritiene che il Grenache sia la stella delle uve della regione.

READ  Draghi conta i vaccini sulla ripresa economica dell'Italia | Agenzia di stampa

“Il nostro obiettivo è offrire il vino Barossa più autentico prodotto con Grenache”, ha affermato.

“Penso che Barossa sia la terra migliore per Grenache, che ama il caldo e il sole, ma è sempre considerata la seconda uva [of the region after Shiraz]E questo perché la grinache non fa un grande vino, e non c’è molto colore e concentrazione, ma non ci piace la messa a fuoco, ci piace la consistenza”.

Ha continuato: “La messa a fuoco è un concetto semplice ed è facile da raggiungere, ma è un po’ piatto, mentre la trama riguarda la struttura, è dinamica in bocca e si muove”.

Per quanto riguarda i vini, un altro elemento della loro atipicità per gli standard Barossa ha a che fare con il fatto che le uve “non vengono raccolte con una gradazione alcolica molto elevata, siamo in media al 14%, non c’è il rovere” o almeno non c’è non ci sono barriere, utilizzando l’impasto Antonini di grandi fusti di cemento (1500-2000 litri) “e talvolta per ragioni di quantità, fusti da 400 litri”.

Per quanto riguarda la qualità e lo stile del vino, questa è una bella aggiunta al mondo del meraviglioso rosso, con, come ci si potrebbe aspettare, un’espressione più leggera ma non meno piacevole di Barossa, con le mie note di degustazione che si riferiscono in particolare alla “frutta fresca” , con descrizioni che vanno dai frutti rossi maturi ai frutti di bosco anche croccanti, come i mirtilli rossi, insieme a caratteri floreali, pepe e gesso con espressioni “vivaci e sexy”.

Vino particolarmente interessante della collezione è il blend di campo bianco vintage 2019 realizzato con il 95% di Simillon “vecchio vitigno” e il 5% di Riesling mielato delicatamente, stratificato, fresco, gessoso e succoso.

READ  La disoccupazione sta diminuendo nei paesi ricchi, ma non tutti i posti di lavoro stanno tornando

Per Antonini, l’alkena sembrava essere qualcosa su cui gli piaceva lavorare. Ha detto: “Ho avuto l’opportunità di fare quello che voglio fare, e dal primo giorno” dB, presumibilmente data carta bianca da Bolgeroni, che Antonini ha conosciuto in Italia nel 2006, descritto come un imprenditore con “zelo”, e cantine non solo in Australia e Uruguay, ma anche in Argentina, Stati Uniti e Italia.

Interrogato sull’importanza del sostegno dei miliardari, Antonini ha risposto: “Hai bisogno di soldi per un impegno a lungo termine, e sì, mi dà tutti gli strumenti per fare la cosa giusta; lui capisce cosa richiede ogni progetto, ma non lo fa. voglio perdere soldi.”

Vino uscito quest’anno nel Regno Unito:

  • 2018 Alkina Poligono n. 3 – Grenache Vino da un unico poligono calcareo di 0.27HA
    438 bottiglie e 90 magnum
  • 2018 Alkina Poligono n. 5 – Grenache Vino da un poligono di scisto e 0,37HA
    Realizzate 568 bottiglie e 120 magnum
  • 2019 ‘Old Quarter’ ad Alkina – Una miscela di Grinache, Shiraz e Mataro di cinque poligoni (2 Grenache, 2 Shiraz, 1 Mataro)
    180 casi
  • 2019 Alkina Polygon No. 1 Shiraz Wine from Single Schist Polygon di 0,34HA
    Realizzate 562 bottiglie e 50 magnum

Anche in gamma:

  • 2018 Red Field – 45% Grenache, 45% Shiraz, 10% Mataro
    2000 bottiglie e 100 magnum
  • White Field – 95% vecchio vitigno Semillon e 5% Riesling (e quello che sembra Trebbiano)
    Fatte 600 bottiglie

Clicca qui per i prezzi (in Australia)

Per saperne di più:

Profilazione del New South American Fine Wine: Balasto