Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I bistrot e i bar di Sydney sentono un tocco di prezzi elevati degli ingredienti

Joe Soglimbene ha lavorato nel settore dell’ospitalità per 40 anni.

Dieci anni fa ha aperto Pappardelle, un ristorante italiano nella periferia occidentale di Haberfield, a Sydney.

Ha attraversato molti periodi difficili per l’azienda, comprese le chiusure negli ultimi due anni.

Ma è stato il recente aumento del costo degli ingredienti e la carenza di personale a costringerlo a chiudere il ristorante. Domenica le pappardelle serviranno l’ultima pasta.

I prezzi degli ingredienti base della cucina italiana tra cui pomodori, olio d’oliva e zucchine sono aumentati fino a quattro volte il loro prezzo abituale.

Il costo dell’ordine di produzione di Suglimbin è aumentato da circa $ 3.000 a settimana a $ 9.000 a settimana.

Un uomo in un cortile in piedi nella cucina di un ristorante
Joe Suglimbin afferma che i costi elevati e la mancanza di personale rendono difficile godersi la gestione di un ristorante.(ABC Radio Sydney: Declan noioso)

“Posso assicurarvi che non molte persone nella nostra industria alimentare stanno facendo soldi a causa del costo degli alimenti”, ha detto il signor Suglimbin a James Valentine, conduttore di Sydney Breakfast della ABC Radio.

“I ristoratori non stanno ottenendo la felicità di una volta.

“In realtà non socializziamo. Non ci piace il nostro ristorante, ma dobbiamo lavorare dalle 10:00 alle 23:00. A chi piace?”

Era una storia simile a quella di Lou in Manly. Ha detto a ABC Radio a Sydney di aver chiuso il negozio di fish and chips che gestiva con suo marito dopo 28 anni di servizio dopo che il prezzo dell’olio da cucina era raddoppiato.

“Mio marito lavorava sei giorni alla settimana per perdere soldi”, ha detto.

READ  L’Italia sceglie UBS, Jefferies e Clifford Chance per privatizzare MPS

“Ogni cibo è più caro: i pomodori [and] lattuga. Sappiamo tutti della lattuga”.

Pomodori in mostra in un negozio di alimentari
Ingredienti come i pomodori stanno diventando troppo costosi per ristoranti come Joe’s.(ABC: Beck Whitham)

I prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 2,1% in questo trimestre, mentre i prezzi di frutta e verdura sono aumentati del 4,8%, secondo gli ultimi dati dell’Australian Bureau of Statistics.

Lou ha anche affermato di non essere in grado di trasferire il costo sui clienti.

“La gente non era felice di pagare 50 centesimi in più per comprare fish and chips. Quindi stiamo solo tornando indietro”.

tempesta perfetta

Le storie di Suglimbin e Lowe sono “molto comuni” secondo Wes Lambert, direttore dell’Australian Food Services Advocacy Authority.

Ciò che fa più male è la carenza di lavoratori lungo la catena di approvvigionamento, che ha colpito il settore dall’ottobre 2021, secondo Lambert.

“Non importa quanti lavoratori in vacanza il governo dice siano arrivati, o studenti stranieri, o individui che vogliono tornare all’industria o essere qualificati e formati, o anche il numero di disoccupazione”, ha detto Lambert.

“Non vediamo queste persone tornare all’ospitalità e non vediamo questi lavori che vengono riempiti”.

Il signor Suglimpin ha affermato che i viaggiatori con visto per vacanza d’affari che normalmente avrebbero lavorato nel settore dell’ospitalità non sarebbero più arrivati, principalmente perché non potevano venire in Australia.

Il ministro per le competenze e la formazione Brendan O’Connor ha detto alla radio ABC Sydney che il governo aveva riconosciuto il problema e aveva promesso di accelerare il processo di inserimento dei lavoratori nel paese.

Brendan O'Connor parla ai giornalisti fuori dal Parlamento in merito alla legge sulla discriminazione razziale 18c
Il ministro per le competenze Brendan O’Connor afferma che il governo deve accelerare il programma di immigrazione temporanea del paese.(Notizie ABC: Matt Roberts)

Il ministro ha anche affermato che devono invogliare le persone a tornare in Australia dopo che il volo dei titolari di visto temporaneo è partito durante la pandemia.

“I datori di lavoro non potevano continuare ad assumerli perché non ricevevano alcuna forma di supporto. Anche quando, come sappiamo, c’era molto sostegno per l’economia”, ha detto O’Connor.

I proprietari hanno anche aumentato gli affitti delle società di ospitalità, aggiungendo ulteriori problemi finanziari alle attività già in difficoltà.

Alex Fenshan gestisce il The Temperance Society Bar a Summer Hill e ha detto che il suo padrone di casa ha aumentato l’affitto di $ 200 a settimana, anche se le loro vendite medie sono in calo.

“Rendere l’affitto adatto a questo tipo di follia bollente [property] Il mercato non rappresenta ciò che le piccole imprese possono fare”, ha affermato Finchan.

fuori dal piccolo bar
Alex Fenshan dice che non si vede trasferire l’aumento del costo della birra ai suoi clienti.(ABC Radio Sydney: Declan noioso)

Lambert ha affermato che le aziende stanno affrontando aumenti degli affitti fino al 10%.

Un altro costo che le società devono affrontare sono le tasse dovute dall’anno precedente, che secondo Lambert sono ora dovute.

“Questa è la prima volta che abbiamo una grave carenza di forza lavoro, abbiamo avuto un ripristino degli affitti e un’inflazione così alta”, ha detto.

“È una tempesta perfetta, ma dobbiamo superarla”.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 11 minuti e 4 secondi

Perché è tutto così caro?

Preparati a prezzi più alti

Lambert ha affermato che i prezzi attuali di caffè e cibo non sono sostenibili a causa dell’aumento dei costi dovuto ai problemi della catena di approvvigionamento e all’inflazione.

“Se sei nel settore alberghiero, o hai lavorato lungo la catena di approvvigionamento e non hai aumentato le tue tariffe, dal 5 al 15 percento quest’anno fiscale, faresti meglio a ottenerlo molto, molto rapidamente.

“Sarai dietro la curva dell’inflazione e dietro la curva dell’aumento degli affitti quest’anno”.

Un uomo di mezza età con la barba sta dietro i rubinetti della birra dietro un pub.
Alex Finchan è preoccupato per il futuro dei bistrot di Sydney.(ABC Radio Sydney: Declan noioso)

Ad aggravare il dolore dell’aumento della spesa è l’aumento delle accise sulle bevande alcoliche. La tassa sull’alcol è aumentata del 3,84% il 1° agosto sulla birra piena, il più grande aumento degli ultimi 20 anni.

Il signor Fenshan ha affermato che l’aumento aumenterebbe il costo della birra di $ 2,50 al litro e non poteva immaginare di provare a trasferire il costo sui consumatori.

“È qualcosa che probabilmente dobbiamo interiorizzare perché non riesco a vedere le persone [paying extra] In questo clima attuale in cui stiamo davvero lottando per incoraggiare le persone a fare marcia indietro”.

“Chiedi alle persone di spendere più di $ 15 per un bicchiere di birra. Spaventerà i clienti”.

Un bicchiere pieno di birra dal rubinetto
Una tassa sull’alcol più alta esercita una maggiore pressione sui piccoli bar affinché trasferiscano i costi sui clienti.(ABC Great Southern: Sophie Johnson)

Il signor Fenshan è preoccupato che il clima attuale possa far arretrare la scena della vita notturna di Sydney mentre i bistrot sentono la pressione.

“Con questo tipo di clima economico e le difficoltà che hanno tutti i tipi di piccole imprese… penso che siamo davvero in pericolo di diventare un’attività monolitica e giusta in franchising”.