Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La guerra della Russia in Ucraina mette in ombra i colloqui del G-20 a Bali

I ministri degli Esteri del Gruppo dei 20 principali paesi ricchi e in via di sviluppo si incontrano sull’isola turistica indonesiana di Bali per colloqui che saranno dominati dal conflitto in Ucraina nonostante un’agenda incentrata sulla cooperazione globale e sulla sicurezza alimentare ed energetica.

L’incontro di un giorno si terrà venerdì sull'”Isola degli Dei” a maggioranza indù, nel paese arcipelago a maggioranza musulmana.

Sottolineando lo sfondo delle tensioni che hanno pervaso l’incontro, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e l’alto diplomatico russo Sergei Lavrov si sono fermati in varie capitali asiatiche in viaggio verso Bali, per raccogliere sostegno e rafforzare i legami nella regione prima dei colloqui.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno cercato di punire il presidente russo Vladimir Putin in tutti i modi possibili, inclusa la minaccia di boicottare il vertice del G-20 a Bali a novembre a meno che Putin non venga rimosso dal forum.

Quindi, in qualità di presidente del G20 di quest’anno, l’Indonesia ha dovuto svolgere un ruolo più positivo sulla scena globale piuttosto che agire solo come “organizzatore di eventi”.

Il paese ha cercato di rimanere neutrale nell’affrontare l’invasione russa dell’Ucraina e il presidente Joko Widodo è stato cauto nei suoi commenti.

Widodo è stato il primo leader asiatico a visitare le nazioni in guerra. L’Ucraina non è membro del G20, ma Widodo ha invitato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a un vertice di novembre con Putin, sperando di placare tutte le parti e limitare eventuali deviazioni dall’agenda del forum.

Zelensky ha detto che non avrebbe partecipato se la guerra fosse continuata in quel momento e ha scelto di seguire le discussioni tramite il collegamento video.

Secondo quanto riferito, Widodo avrebbe detto al primo ministro italiano Marion Draghi, a margine del vertice del G7 in Germania, che nemmeno Putin avrebbe partecipato. Mosca ha detto che una decisione non è stata ancora presa.

READ  Un numero crescente di aziende italiane vuole spostare la produzione in Croazia

Quell’apparente compromesso potrebbe essere messo alla prova quando i ministri degli esteri del G-20 si riuniranno nel rifugio turistico pesantemente sorvegliato di Nusa Dua a Bali per gettare le basi per il 17° vertice delle potenze economiche occidentali.

Evidenti anche le tensioni tra Washington e Pechino: mercoledì la Cina ha lanciato un violento attacco contro Stati Uniti e Nato, pochi giorni prima dell’incontro a Bali del segretario di Stato americano Anthony Blinken e del ministro degli Esteri cinese.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto ai giornalisti a Pechino che Washington “aderisce alle regole internazionali solo come meglio crede”.

“Il cosiddetto ordine internazionale basato su regole è in realtà una regola di famiglia istituita da una manciata di nazioni per servire l’interesse personale degli Stati Uniti”, ha affermato.

Un alto funzionario statunitense, che ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che sarebbe importante concentrarsi sull’agenda del G20 a Bali, ma “è chiaro che non può essere normale”.

Ciò che è più importante di una dichiarazione unanime sull’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato, è ciò che i paesi del G-20 stanno già facendo per affrontare i problemi che il mondo sta affrontando ora.

L’obiettivo principale dei colloqui sarà quello di cercare modi per migliorare la sicurezza alimentare in un momento in cui l’invasione russa dell’Ucraina ha soffocato i mercati globali, facendo aumentare drasticamente i prezzi di carne, latticini, cereali, zucchero e oli vegetali.

“Queste visite sono importanti non solo per gli indonesiani ma anche per altri paesi in via di sviluppo al fine di evitare che le persone dei paesi in via di sviluppo e a basso reddito cadano nella povertà estrema e nella fame”, ha detto Widodo ai giornalisti a Giacarta prima di partire per la Germania il 26 giugno. .

READ  Previsioni del mercato globale dei dispositivi per terapia a pressione negativa monouso fino al 2028 حتى

La Russia e l’Ucraina rappresentano un terzo delle esportazioni mondiali di grano e l’Ucraina da sola produce abbastanza grano per sfamare 400 milioni di persone. Ma il blocco di Mosca significa che Kiev può trasportare solo due milioni di tonnellate al mese, il 60% in meno del solito.

Milioni di tonnellate di grano ucraino sono in silos in attesa di essere spediti attraverso passaggi sicuri nel Mar Nero. L’Ucraina è anche uno dei maggiori esportatori mondiali di mais e olio di girasole, ma l’invasione russa ha interrotto la maggior parte di questo flusso.

Tali interruzioni minacciano l’approvvigionamento alimentare di molti paesi in via di sviluppo, in particolare in Africa.

La crisi sta avendo effetti inflazionistici in Indonesia, inclusa una carenza di farina che sta costringendo le aziende locali ad aumentare i prezzi politicamente sensibili per i noodles istantanei, una merce indonesiana estremamente popolare.

La Russia si è impegnata ad aumentare le sue esportazioni di grano in Indonesia. L’anno scorso, questo importo ammontava a sole 2.955 tonnellate, rispetto ai 3 milioni di tonnellate importate dall’Ucraina.

Il ministro degli Esteri indonesiano Retno Marsudi ha detto ai giornalisti che è importante ottenere una ripresa delle esportazioni di grano dall’Ucraina e delle esportazioni di prodotti alimentari e fertilizzanti dalla Russia per porre fine alla carenza e abbassare i prezzi.

L’aumento dei costi dell’olio da cucina ha spinto l’Indonesia, alle prese con le proteste studentesche per l’aumento dei prezzi dei generi alimentari, a vietare temporaneamente le esportazioni di prodotti a base di olio di palma. Le esportazioni di olio di palma grezzo, utilizzato in una varietà di alimenti, cosmetici e altri prodotti, sono riprese dopo un mese.

READ  Accordo Stellantis con Amazon per le auto connesse - Italiano

L’Indonesia e la vicina Malesia sono i maggiori esportatori mondiali di olio di palma, rappresentando l’85% della produzione mondiale.

Giovedì i ministri degli Esteri si sono diretti a Bali da Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Italia, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sud Africa, Corea del Sud, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti. Unione europea.

I Blinken incontreranno Wang, il principale inviato di Pechino, sabato. L’incontro sarà l’ultimo contatto ad alto livello tra funzionari statunitensi e cinesi poiché Washington ha messo in dubbio la posizione della Cina dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Le due parti potrebbero anche discutere di un possibile aumento delle tariffe statunitensi sulle importazioni dalla Cina da parte dell’amministrazione del presidente Joe Biden mentre lotta per affrontare l’inflazione.

Mentre a Bali, Lavrov terrà incontri con i suoi omologhi di altri paesi, tra cui Cina, Messico, Sud Africa e Brasile a margine della riunione dei ministri degli Esteri del G20. Ha anche in programma di tenere consultazioni con i leader delle organizzazioni internazionali invitate, secondo l’ambasciata russa a Giacarta.

In una dichiarazione alla riunione, il ministero degli Esteri russo ha affermato che giovedì Lavrov ha informato il ministro degli Esteri cinese Wang nei colloqui sulla “pista per raggiungere i principali compiti dell’operazione militare speciale russa”.

Ha affermato che i ministri “hanno condiviso la loro valutazione delle misure adottate dall’Occidente nel contesto della situazione in Ucraina”.

Il ministero ha dichiarato: “Le due parti hanno sottolineato che è inaccettabile imporre sanzioni unilaterali illegali aggirando le Nazioni Unite”.

I membri del G20 rappresentano circa l’80% della produzione economica mondiale, due terzi della popolazione mondiale e circa tre quarti del commercio mondiale.