Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COLONNA: famiglia e cibo alimentano le tradizioni vacanziere dei titolari di Tre Sorelle

Le sorelle che gestiscono un ristorante in centro offrono consigli per mantenere la famiglia – e sopravvivere – a Natale

Le vacanze possono essere un periodo stressante, pieno di richieste e aspettative, specialmente quando sei così famoso per essere un bravo cuoco che ti guadagni da vivere.

Le sorelle che gestiscono Tre Sorel conoscono questa sensazione.

Lisa Particelli e Gina White gestiscono da 17 anni il ristorante italiano nel centro di Orillia. Sono noti per servire alcuni dei migliori comfort food, dalle lasagne e le zuppe ai panini e alla parmigiana di vitello.

Si sforzano di accontentare i loro clienti e le famiglie durante il Natale.

Quando erano bambini, i loro nonni e padri gestivano lo spettacolo. La cena di Natale iniziava sempre con gli antipasti, seguiti dalla zuppa e poi da un piatto di pasta. Il quarto corso era il tacchino.

“Siamo italiani, quindi non abbiamo mai mangiato il brodo e non abbiamo mai preparato il purè di patate. Le patate arrosto sono sempre state accompagnate da così tante verdure”, ha spiegato White.

La festa è culminata con caffè e dessert in tarda serata.

“Cibo zombie di sicuro.”

Le cose sono cambiate parecchio nel corso degli anni, con i non italiani che si sono uniti alla famiglia in attesa di purè di patate e salsa, ma anche con la perdita di alcuni cari talentuosi.

“Le nostre tradizioni italiane, sfortunatamente, sono in qualche modo diminuite con la scomparsa dei membri della nostra famiglia. Ora è difficile replicare molte delle tradizioni su cui lavoravano mia nonna e mia zia”, ​​ha detto White.

Incorporano ancora il cibo italiano nei pasti delle feste, ma la cosa più importante è incontrare la famiglia. ripetutamente.

READ  La vittoria dell'Italia rasserena lo spirito di una nazione schiacciata dal Covid

Bianco e Particelli lavorano insieme, cucinano insieme e poi lo fanno di nuovo durante le feste. Come sopravvivono al Natale?

“Un sacco di Bailey, vino, birra”, ha scherzato White.

scherzato? Sì, andiamo con quello.

Ogni anno, un membro della famiglia organizza una cena di Natale. Il piatto principale è responsabilità di quella persona, mentre gli altri vengono con un altro piatto.

White ha qualche consiglio per chi ospita.

“Faccio sempre le cose presto”, ha detto.

“che cosa?” Incredibilmente, ha detto Barticelli. “Che ne dici di due ore prima della cena di Natale e non hai fatto tutto?”

Be’, è diverso, replicò White.

La loro sorella, Carla, ha chiesto quell’anno perché White non stava cucinando quando l’ora di cena era così vicina.

È stato allora che ci siamo messi tutti in gioco”, ha detto Particelli con una risata.

“Non so cosa mi sia successo quell’anno”, ha detto White.

Questo è l’anno in cui ospita anche lei, e ha assicurato a sua sorella che sarebbe stata pronta.

La famiglia che lavora insieme litiga insieme, ma fa parte del divertimento, e il Natale è un’atmosfera diversa per loro. Ci può essere pressione quando si nutre la famiglia, ma non tanto quanto la gestione di un’impresa.

Non tutti hanno talento in cucina, ma potrebbero comunque sentire il bisogno di cucinare qualcosa di impressionante per la loro famiglia. Il modo migliore per esaltare il cibo, secondo Particelli: “Utilizzare ingredienti di qualità”.

Un buon esempio è la salsa di pomodoro Tre Sorelle. La gente spesso chiede la ricetta.

“È molto facile, ma la cosa principale è usare pomodori davvero buoni”, ha detto.

READ  Gli economisti riconoscono il promettente rapporto sull'occupazione di luglio, la paura del delta variabile potrebbe limitare il forte mercato del lavoro - NBC 7 San Diego

“Sii semplice”, ha aggiunto White.

Potrebbe essere così come dice lei, non come fa lei.

Quando si stavano preparando per essere venditori di cibo alla festa popolare di Mariposa, avevano in programma di servire la pasta con solo tre salse e pane all’aglio. Poi White ha suggerito di aggiungere le polpette all’impasto.

Preoccupati che alcuni non volessero mangiare la pasta all’aperto nella calura estiva, hanno aggiunto al menu insalate, arancini e panini.

White ha ammesso: “A volte non riesco a mantenerlo semplice, ma mi assicuro che tutto abbia il sapore che dovrebbe avere. Come diceva mia madre, deve essere uno sporito (delizioso).”

Questo è quello che troverai da Tre Sorelle, dove il cartello dice “Il cibo italiano reso semplice”.

Non c’è niente di più elaborato nelle offerte, ma le sorelle sono orgogliose di utilizzare gli ingredienti più freschi e di altissima qualità per fare qualcosa di semplice come la salsa di pomodoro.

I clienti apprezzano il loro cibo da 17 anni e mostrano ancora la loro fedeltà.

“La comunità qui è molto forte”, ha detto White.

Per coloro che quest’anno desiderano aggiungere un po’ di stile italiano ai loro incontri di vacanza, Tre Sorelle ha l’app perfetta: piccole scatole di antipasti che includono salumi italiani, oltre a formaggio, grissini, frutti di bosco e olive.

White prevede anche di offrire vassoi più piccoli di cheesecake quadrata e ciliegie.

Nel frigorifero del punto vendita, i clienti possono trovare cocktail polpette e arancini cocktail, adatti per uno spuntino con amici e familiari.

Mentre alcune delle loro tradizioni familiari italiane non esistono più durante i pasti di Natale, Particelli e White sono appassionati nell’usare generazioni di ricette e conoscenze tramandate loro per soddisfare i loro clienti.

READ  Le inondazioni a Venezia peggiorano durante il cambiamento climatico

Fermati per l’esperienza al 133 di Mississaga St. e.

buona cosa

più popolare: Pasta speciale (viene fornita con 2 polpette, salsa e pane all’aglio), panini con polpette

Preferita Lisa Barcelli: Insalata di pane pomodoro ed erba cipollina e formaggio di capra

Jenna White preferita: Caprese Panini

Il mio preferito: Polpette di panini, arancini e qualsiasi tipo di zuppa che hanno quel giorno (soprattutto i matrimoni italiani)

La rubrica di cibo e bevande locali di Nathan Taylor appare ogni sabato.