Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Josh O'Connor cerca l'aldilà

Josh O'Connor cerca l'aldilà

Il nuovo film esilarante e sconclusionato di Alice Rohrwacher segue un uomo che saccheggia le tombe per trovare la strada verso l'aldilà.
Foto: fabbrica di fiammiferi

Alice Rohrwacher Nessuna chimera Inizia con un sogno, ed è del tutto possibile che il sogno non finisca mai. Il film segue Arthur Harrison (Josh O'Connor), uno strano uomo con uno strano talento per il saccheggio delle tombe, mentre trova e recupera gli antichi ornamenti che gli antichi Etruschi dell'Italia centrale usavano per seppellire i loro morti. “Questi non sono pensati per gli occhi umani”, dice il film, e lo stesso Arthur, riservato e riluttante, potrebbe essere d'accordo. Ex archeologo, sembra perseguitato dalle sue stesse imprese, e la logica onirica travagliata di questo film a volte vagante e spesso affascinante suggerisce che stiamo guardando un uomo a metà strada tra questo mondo e l'altro, che lotta per trovare il suo posto.

Anche il costume di Arthur lo distingue: il suo abito di lino bianco inizialmente sembra il guardaroba di un aristocratico solitario, ma nel corso della foto vediamo quanto sia realmente sporco e sporco. Vive in una capanna improvvisata – non si può proprio chiamarla casa – costruita sulle mura di un antico paese, ma trascorre più tempo, a quanto pare, nell'elegante villa di proprietà di Flora (Isabella Rossellini), l'anziana matriarca . L'insegnante di musica spesso menzionata e per lo più invisibile e madre di Benjamin, l'amore perduto da tempo di Arthur. Trascorre il resto del tempo con la sua allegra band Tombaroli, un vivace gruppo di impoveriti tombaroli locali che vendono le loro merci a un misterioso mercante saccente noto come Spartaco. (Per essere chiari, sono divertenti; Arthur no.)

READ  Recensione del film: Le otto montagne

Rohrwacher, uno dei registi italiani più importanti, realizza film concreti con un tocco di quello che potrebbe essere chiamato realismo magico. Le performance sono naturalistiche e la fotografia della location è autentica e a livello del suolo, ma le storie spesso aleggiano sul limite della fantasia. Il regista riempie il film con canzoni popolari, arte sciocca, lati giocosi della macchina da presa ed esplosioni di commedia slapstick arguta, conferendogli la qualità di un'operetta sgangherata.

Ma il comportamento concavo e meditabondo di O'Connor mina la leggerezza del film, probabilmente intenzionalmente; Più il film va avanti, e più diventa fantastico, più Arthur sembra in contrasto con tutto ciò che lo circonda. Una relazione fiorente con una vivace giovane donna di nome Italia (Carol Duarte), una serva e studentessa che vive con Flora, promette di venire alla luce, ma sottolinea anche quanto Arthur sia fuori sintonia con questo mondo. Passa la vita alla ricerca di cose destinate al futuro, non perché voglia sfruttarle, ma perché vuole comunicarle. “Cercava un passaggio per l'aldilà”, dice uno di loro. È un'incarnazione triste e commovente dell'idea che coloro che passano la vita a preoccuparsi della prossima vita non si sentiranno mai in pace in questa vita.

Nessuna chimera Ricorda spesso le opere dei compatrioti toscani di Rohrwacher, i defunti Paolo e Vittorio Taviani, in particolare nella scena in cui ha luogo una discussione tra… Tombaroli Uno dei loro pastori si abbassa ai versi degli animali e ai grugniti incompleti. Possiamo anche vedere cenni alle opere di Pier Paolo Pasolini e Federico Fellini, due registi che esaminavano regolarmente la collisione tra i cicli di espansione e recessione dell'Italia del dopoguerra e la solidità rocciosa della sua eredità classica. La dolce vita'S La sequenza di apertura è senza tempo Una statua di Cristo che viene estratta da alcune macerie in elicottero e sorvola i moderni paesaggi urbani riceve qui il suo piccolo tributo con la vista di un'antica statua, trovata all'ombra di una centrale elettrica, intrappolata in un container. Rohrwacher è tuttavia un artista unico Nessuna chimera È ancora ricco di tali allusioni ed evocazioni. A volte sembra che sia emerso – polveroso, sbrindellato e bello – dal suolo stesso dell'Italia.

READ  Netflix pubblica Sorrentino La mano di Dio

Mostra tutto