Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia: le donne immigrate sono più soggette alle epidemie

Essere donna e straniera si è rivelato fonte di maggiore vulnerabilità in Italia durante le epidemie. Nuovi dati mostrano un calo insolitamente elevato dell’occupazione nel 2020, con le donne che sono le più punite, principalmente tra gli stranieri.

Secondo le risultanze presentate nel Documento Statistico Immigrazione IDOS 2021, essere donna e straniera in Italia presenta un doppio svantaggio con una chiara risposta nel mercato del lavoro.

Ciò è avvenuto con l’inizio dell’epidemia e della crisi socio-economica, nel quadro generale in cui spesso sono aumentati i divari tra italiani e immigrati, mostra il rapporto.

L’epidemia ha prodotto un calo dell’occupazione insolitamente elevato nel 2020 (-456.000, -2,0%), principalmente tra gli stranieri (-159.000, -6,4%).

Di loro, le donne sono state le più punite (-109.000, -10,0%), che rappresentano quasi un quarto di tutti i posti di lavoro (24%).

I posti di lavoro per le lavoratrici straniere sono molto inferiori sia agli immigrati maschi (-10,0% contro -3,5%) sia alle donne italiane (-1,6%), con una quota di maschi (-1,3%).

Il tasso di occupazione delle donne straniere è in calo del 4,9%, oltre il doppio del calo del 2,2% per gli uomini stranieri e otto volte superiore a quello delle donne italiane (-0,6%, secondo gli uomini italiani).

Aumento delle donne disoccupate

Il rapporto mostra anche un forte aumento del numero di donne a bassa occupazione, quelle che lavorano meno di quanto vorrebbero.

Nel 2020, il 14% delle donne straniere risulta avere una bassa occupazione, rispetto all’8,1% del 2019 e al 9,1% delle donne italiane. Anche la percentuale di donne straniere altamente istruite è elevata, con il 42,3% delle lavoratrici straniere più qualificate del necessario per il proprio lavoro.

READ  Townhouse nel sud Italia sconti செய்யப்படுகிறது 25 su un biglietto da $ 200.000

Questo è significativamente più alto sia delle donne italiane (24,8%) che degli immigrati maschi (27,7%). L’impatto significativo sull’occupazione delle donne immigrate è spiegato in parte dal fatto che sono particolarmente vulnerabili alle restrizioni e alla scarsa infiltrazione in posti di lavoro scarsamente protetti che sono vulnerabili al gozzo.

Più della metà delle lavoratrici straniere occupa solo tre occupazioni: colf, badante e addette alle pulizie di uffici e aziende (a fronte di 13 occupazioni per gli uomini stranieri e 20 occupazioni per le donne italiane).

Un totale del 39,7% delle donne straniere lavora nei servizi di assistenza domestica o domestica.

C’è stato un ritardo nell’ottenere il vaccino

Un’attenzione significativa al lavoro domestico ha gravemente limitato la capacità delle lavoratrici straniere di beneficiare del cessate il fuoco e dell’accesso ai sussidi di disoccupazione.

Secondo i dati dell’Inps, le donne rappresentano solo il 10,5% dei cittadini non comunitari che percepiscono l’indennità di disoccupazione ordinaria entro il 2020 e il 24,3% dell’indennità straordinaria.

Gli assistenti familiari e molte dipendenti donne del sistema sanitario comunitario hanno pagato prezzi elevati in termini di salute ed esposizione all’infezione da COVID-19. Otto casi su 10 di contagi denunciati da lavoratori stranieri (14,3% del totale nel 2020) sono donne.

Anche l’accesso al vaccino è ritardato rispetto ad altre tipologie “a rischio”. L’accesso prioritario al vaccino è stato esteso agli assistenti familiari incaricati delle cure nell’ambito del programma di immunizzazione del marzo 2021, e solo a quelli con disabilità grave (assistenti, tuttavia, individui “determinati”, lavoratori domestici e fornitori di assistenza all’infanzia)

Nel frattempo, non mancano i casi di persone che vengono vaccinate durante brevi visite nel loro paese d’origine. Questo è un problema per molti lavoratori dei paesi dell’Est Europa che sono stati vaccinati contro lo Sputnik, che non è valido per il Green Pass in Italia.

READ  L'italiano Tragi afferma che la crisi COVID-19 ha portato a una crisi alimentare