Maggio 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In seguito alla diffusione della foto nel mondo, alla famiglia di profughi siriani è stato concesso il visto in Italia

Il signor al-Nassal ha perso la gamba destra mentre camminava in un bazar a Idlib durante la guerra civile siriana.

Suo figlio Mustafa è nato senza arti dopo che sua madre ha inalato gas nervino in un attacco chimico mentre Zenab era incinta.

Le sue medicine hanno portato ai problemi di salute di Mustafa, ed è nato con la sindrome di Tetra-Amelia, che lo ha lasciato paralizzato.

La famiglia è fuggita in un campo profughi ad Hade, in Turchia, dove hanno stretto amicizia con il fotografo Mohd Aslan e condiviso la loro storia con il mondo intero in una singola foto della sua macchina fotografica.

Nella foto, il signor Al-Nassal condivide un momento intimo e felice con il piccolo Mustafa nel loro campo profughi.

Per saperne di più

Leggi di più Image for picture 'La storia dietro questa foto intima e premiata di padre e figlio'

Il film è stato incoronato miglior fotografo dell’anno ai Siena International Photo Awards 2021 (SIPA) e ha catturato il cuore di migliaia di persone in tutto il mondo.

Umiliati dalla storia del signor Al-Nassal, gli organizzatori della SIPA a Campagna globale di raccolta fondi Aiuta la famiglia a ricevere la terapia artificiale.

La campagna ha raggiunto quasi $ 200.000 (125.203) con 1.800 donazioni sulla loro pagina web GoFundMe.

La campagna diceva: “I nostri Siena Awards dimostreranno la nostra passione come famiglia unendo le forze in tutto il mondo per ottenere protesi personalizzate per questa famiglia e sostenerle economicamente”.

“È il potere della fotografia.”

Spinta dallo slancio globale, la SIPA ha deciso di finanziare la famiglia con un visto umanitario, che è stato approvato questo mese.

Venerdì, tutta la famiglia ha riso quando è arrivata all’aeroporto internazionale di Roma per stabilirsi ufficialmente a Siena. Sia il padre che il figlio saranno curati presso il Centro Protesi di Vicorso de Putrio.

“Da quando ero in Turchia non avevo altro che i vestiti che indossavo. Ho messo in valigia la speranza di iniziare una nuova vita”, ha detto all’agenzia di stampa italiana La Repubblica.

Il signor al-Nassal ha pubblicato online un video della sua famiglia, ringraziando il governo italiano e fondatore della SIPA Luca Venturi per aver chiamato la sua famiglia la sua nuova patria.

“Voglio ringraziare il governo italiano e le persone per aver aiutato i miei figli e la loro istruzione”.

Nel video, il signor al-Nassal afferra il sorridente Mustafa e dice: “Noi amiamo l’Italia!”

Il signor Aslan, che era dietro la telecamera, ha condiviso la sua gioia su Instagram, insieme a un’altra foto del padre e del figlio.

“Il viaggio inizia con la famiglia di Munsir e Mustafa in Italia. La protesi elettronica verrà lanciata lì. Questo è il nostro piacere”, ha scritto.

In precedenza aveva detto a SBS News che credeva veramente che la sua foto avrebbe aumentato la consapevolezza internazionale della famiglia al-Nassal.

“Spero di utilizzare la mia foto per creare consapevolezza e cambiamento, ma lo scopo di questa foto è aumentare la consapevolezza sulla famiglia di Mustafa e raccogliere fondi per le protesi di Mustafa”, ha detto nell’ottobre dello scorso anno.

Il sogno del signor Aslan si è avverato e un nuovo scenario di vita attende la famiglia al-Nasal.