Maggio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il vero aspetto di Ötzi the Iceman è stato rivelato attraverso una nuova analisi del DNA

Museo Archeologico dell’Alto Adige / Ochsenreiter

Ricostruzione di Ötzi l’Uomo venuto dal ghiaccio in mostra al Museo Archeologico dell’Alto Adige.

Nota dell’editore: Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Ötzi the Iceman, i cui resti congelati sono stati trovati in una valle alta nelle Alpi tirolesi nel 1991, è forse il cadavere più studiato al mondo.

Il mistero sulla sua morte violenta, chi fosse e come sia finito in un passo di montagna ha suscitato fascino ben oltre il campo dell’archeologia. Ogni anno migliaia di persone visitano la sua mummia, che è ospitata in una speciale cella fredda presso il Museo Archeologico dell’Alto Adige a Bolzano, in Italia.

Un nuovo studio sull’antico DNA recuperato dal bacino di Ötzi suggerisce che ha ancora alcuni segreti da svelare. L’analisi del suo corredo genetico ha mostrato che la mummia di 5.300 anni aveva la pelle scura, gli occhi scuri e probabilmente calva. Ciò contrasta con la ricostruzione di Ötzi che raffigura un uomo dalla pelle chiara con una folta chioma e barba.

“In precedenza si pensava che la sua pelle si fosse scurita durante il processo di mummificazione”, ha dichiarato Albert Zink, capo dell’Istituto per gli studi sulle mummie presso Eurac Research, un centro di ricerca privato con sede a Bolzano.

Il colore della pelle scura della mummia sembra essere molto vicino al colore della pelle del pupazzo di neve durante la ricerca “Per la vita”, ha detto Zink, che è uno degli autori della ricerca pubblicata mercoledì sulla rivista scientifica Cell Genomics.

READ  Il telescopio Hubble cattura un incredibile getto simile a un laser da una stella neonata (foto)

Non sorprende che Ötzi abbia la pelle scura, ha detto Zinke via e-mail, osservando che molti europei In quel momento il colore della pelle sarà probabilmente più scuro di molti europei al giorno d’oggi.

“I primi agricoltori europei avevano ancora una pelle piuttosto scura, che nel tempo è cambiata in una pelle più chiara, come adattamento ai cambiamenti climatici e alla dieta degli agricoltori. Gli agricoltori consumavano molta meno vitamina D nella loro dieta rispetto ai cacciatori-raccoglitori”, ha spiegato.

Ha aggiunto: “Sembra che il pupazzo di neve consumasse ancora molta carne, e questo è stato confermato anche dalla nostra analisi del suo stomaco, che ha mostrato la presenza di caribù e carne di cervo”.

Museo Archeologico dell’Alto Adige / Urac / Marco Samadelli-Gregor Staschitz

Il corpo mummificato di Otzi è forse il reperto archeologico più studiato al mondo.

Il coautore di Zink, Johannes Krause, direttore del Dipartimento di Archaeogenetica presso il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania, ha affermato che i risultati suggeriscono che l’Uomo venuto dal ghiaccio nella vita è molto simile alla mummia stessa.

“È notevole quanto sia distorta la ricostruzione dalla nostra nozione preconcetta di esseri umani dell’età della pietra dall’Europa”, ha detto Krause in una dichiarazione.

Mentre l’analisi del DNA antico indica che Ötzi soffriva di calvizie maschile, non è possibile essere sicuri di quanti capelli abbia effettivamente perso durante la sua vita, ha detto l’archeologo Lars Holger Bello, condirettore del Norway Ice Secrets Project. Ötzi ha studiato, ma non ha partecipato a quest’ultima ricerca.

“Otzi potrebbe essere stato calvo per ragioni genetiche, ma la calvizie quasi completa che ha ora è, secondo me, più probabile perché si è verificata dopo la sua morte”, ha detto Bello.

READ  Esenzione dalla quarantena i viaggiatori vaccinati, a partire da sabato

“I peli sulla pelle spesso cadono mentre (il corpo) è dentro e fuori dal ghiaccio (e talvolta nell’acqua) mentre l’epidermide si decompone.”

La sequenza del genoma del bacino di Ötzi era più completa di un precedente genoma messo insieme nel 2012, quando l’antico campo del DNA era ancora agli inizi, secondo lo studio. L’ultima ricerca aiuta anche a chiarire un dilemma sull’origine di Ötzi, ha detto Bello.

“L’applicazione dei nuovi metodi rende Ötzi un dono scientifico che continua a dare”, ha aggiunto Bello.

Il nuovo studio mostra che questa prima scoperta potrebbe essere stata dovuta alla contaminazione con il DNA umano moderno.

“I progressi nelle tecnologie di sequenziamento ci hanno permesso di generare un genoma di Iceman ad alta copertura. Questo ci ha permesso di ottenere risultati più accurati”, ha affermato Zink.

Museo Archeologico dell’Alto Adige / Dario Frason

Questo è il sito della scoperta di Otzi nelle Alpi italiane.

Il genoma sembra anche escludere un’affinità genetica precedentemente proposta tra Ötzi e l’attuale Sardegna.

Quando i ricercatori del nuovo studio hanno confrontato il genoma di Ötzi con quello di altri esseri umani antichi, hanno scoperto che aveva più cose in comune con i primi agricoltori anatolici – ora dalla Turchia – che avevano poche interazioni con i suoi contemporanei cacciatori-raccoglitori europei.

“Non cambia completamente la nostra conoscenza dell’Uomo venuto dal ghiaccio, ma rende alcune cose più chiare”, ha spiegato Zink. “Mostra che l’Uomo venuto dal ghiaccio probabilmente viveva in un’area relativamente isolata con solo contatti limitati con altre popolazioni e un basso flusso genetico da popolazioni associate a cacciatori-raccoglitori”.

READ  La sonda spaziale solare orbitante della NASA e dell'Agenzia spaziale europea hanno catturato un video delle eruzioni del sole

Quasi ogni parte di Ötzi e dei suoi possedimenti è stata analizzata, tracciando un quadro intimo della vita di 5.300 anni fa.

contenuto dello stomaco Fornire informazioni sul suo ultimo pasto da dove veniva Le sue braccia rivelarono che era destrorsoe ha dato i suoi vestiti a Uno sguardo raro a ciò che indossavano gli antichi. Zink ha detto che il team spera di scoprire maggiori dettagli, come la composizione del loro microbioma.

Museo Archeologico dell’Alto Adige / Marion Lavoegler

Un esperto idrata la mummia di Ötzi al Museo Archeologico dell’Alto Adige.

Bello ha affermato che non è la prima volta che un capitolo della straordinaria storia di Otzi viene riscritto.

In origine si credeva che Ötzi fosse morto congelato, ma A.J 2001 I raggi X rivelano una punta di freccia nella sua spalla, che avrebbe potuto essere fatale. È stato anche colpito alla testa, probabilmente nello stesso momento, e la sua mano destra mostrava una ferita da difesa.

“L’intera storia dell’Uomo venuto dal ghiaccio è interessante, compreso il mistero della sua morte violenta… e la domanda sul perché si trovasse lassù in alta montagna quando è stato ucciso”, ha detto Zinke.