Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il secondo gruppo di ostaggi è stato rilasciato dopo aver risolto la controversia sugli aiuti

Il secondo gruppo di ostaggi è stato rilasciato dopo aver risolto la controversia sugli aiuti

Mentre sabato (domenica, EDT), secondo giorno di un cessate il fuoco di quattro giorni tra Hamas e Israele, prevaleva una cauta calma nella regione di confine del Libano meridionale, la vita è tornata nei villaggi che erano stati svuotati dei loro residenti – almeno per un periodo. poco tempo.

I negozi chiusi hanno riaperto, le auto si muovevano per le strade e una famiglia durante una passeggiata fotografica ha posato davanti a lettere dai colori vivaci che dicevano “Io (Cuore) Adasa” in una città di confine, con il confine teso come sfondo.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, circa 55.500 libanesi sono stati sfollati a causa degli scontri tra il gruppo libanese Hezbollah e le forze israeliane dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas.

I combattimenti hanno ucciso più di 100 persone in Libano, tra cui più di una dozzina di civili – tre dei quali giornalisti – e 12 persone da parte israeliana, tra cui quattro civili.

Sebbene il Libano e Hezbollah non fossero ufficialmente parti del cessate il fuoco tra Israele e Hamas, ciò ha portato almeno a una cessazione temporanea dello scambio quotidiano di missili, bombardamenti di artiglieria e attacchi aerei. Alcuni libanesi hanno colto l’occasione per ispezionare le loro case danneggiate o per ritirare i loro averi.

Altri tornarono, sperando di restare.

Abdullah Qutaish, preside di una scuola in pensione, e sua moglie Sabah, sono fuggiti dalla loro casa nel villaggio di Houla – che si trova direttamente di fronte a una posizione militare israeliana oltre il confine – il secondo giorno di scontri. Andarono a stare con la figlia nel nord, lasciandosi alle spalle il loro uliveto all’inizio della stagione del raccolto.

READ  Gli Stati Uniti battono il record giornaliero di nuovi casi di Covid

Venerdì tornarono a casa e in un frutteto dove le olive non raccolte stavano essiccando sui rami.

Sabah ha detto: “Abbiamo perso la stagione, ma stiamo bene… e questa è la cosa più importante”. “Se Dio vuole, resteremo a casa nostra se la situazione resta così”.

Altri erano meno ottimisti.

Sul lato occidentale del confine, nel villaggio di Marwahin, Khalil Ghanem è venuto sabato per ritirare l’inventario rimanente dal suo bar sulla strada di confine e trasportarlo a Beirut.

Il bar è chiuso dal 13 ottobre, il giorno in cui il giornalista della Reuters Issam Abdullah è stato ucciso e altri sei sono rimasti feriti in un raid israeliano nella vicina Alma al-Shaab. Le granate sono cadute anche vicino al bar, lasciando i resti di quella che era un’area salotto all’aperto.

Ghanem ha detto: “Diciamo che, a Dio piacendo, non accadrà nulla di brutto, ma la situazione ora è difficile e, per come la vedo io, ci stiamo dirigendo verso un lungo periodo difficile”.