Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è preoccupata per l’arresto del capo di Shifa in Israele e per la sua permanenza in malattia | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è preoccupata per l’arresto del capo di Shifa in Israele e per la sua permanenza in malattia |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Israele afferma che il direttore dell’ospedale è stato interrogato mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità esprime preoccupazione per la sicurezza di decine di persone ancora nella struttura.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso preoccupazione per la sorte del direttore dell’ospedale Al-Shifa di Gaza City, Muhammad Abu Salmiya, arrestato da Israele questa settimana.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato venerdì in un comunicato che il direttore del più grande ospedale nei territori palestinesi assediati è stato arrestato mercoledì insieme ad altri cinque operatori sanitari mentre partecipavano a una missione delle Nazioni Unite per evacuare i pazienti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato: “Tre operatori sanitari della Società della Mezzaluna Rossa Palestinese e tre del Ministero della Salute sono stati arrestati”.

Nel comunicato si aggiunge che da allora due dei sei sono stati rilasciati, ma “non abbiamo informazioni sullo stato di salute dei restanti quattro operatori sanitari, compreso il direttore dell’ospedale Al-Shifa”.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha chiesto che “i loro diritti legali e umani siano pienamente rispettati durante la loro detenzione”.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto sabato che Abu Salamiya era sotto indagine.

“Attualmente stiamo procedendo con… interrogandolo sul fatto che era il capo di un ospedale che in realtà era a capo di un’intera rete terroristica”, ha detto il portavoce dell’IDF Doron Spielman.

“Come poteva non sapere cosa stava succedendo? Abbiamo degli ostaggi che erano, sai, sulle telecamere di sorveglianza dell’ospedale.”

L’esercito israeliano, che ha fatto irruzione nell’ospedale la scorsa settimana, ha affermato che i combattenti di Hamas hanno utilizzato il complesso di tunnel sotto l’ospedale Shifa come centro di comando – un’affermazione che Hamas e i funzionari dell’ospedale hanno ripetutamente negato. Israele non ha fornito alcuna prova a sostegno delle sue affermazioni.

READ  Le autorità vietano le veglie per il massacro di piazza Tiananmen a Hong Kong e Macao, ignorando la pretesa di COVID

Preoccupazione per i restanti pazienti

Abu Salamiya è stato spesso citato dai media internazionali per aver rilasciato dichiarazioni sulle condizioni all’interno dell’ospedale Al-Shifa, un importante snodo per gli attacchi aerei e di terra israeliani in seguito agli attacchi dei combattenti di Hamas il 7 ottobre.

Una settimana fa, l’esercito israeliano ha ordinato l’evacuazione dell’ospedale Al-Shifa, che ospitava 7.000 persone, tra cui palestinesi malati e sfollati. Ma decine di pazienti che non potevano essere trasportati sono rimasti all’interno con un piccolo numero di paramedici.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato di aver effettuato tre missioni di evacuazione ospedaliera in una settimana e in un’occasione è riuscita a trasferire 31 bambini dall’ospedale.

Mercoledì, durante la terza missione, effettuata in collaborazione con la Mezzaluna Rossa palestinese, sono state evacuate 151 persone, tra cui pazienti, loro parenti e operatori sanitari, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Un portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto venerdì che l’agenzia delle Nazioni Unite sta lavorando per ulteriori evacuazioni dagli ospedali del nord di Gaza il prima possibile con l’entrata in vigore della tregua, esprimendo preoccupazione per la sicurezza di coloro che rimangono all’ospedale Shifa.

“Siamo molto preoccupati per la sicurezza dei circa 100 pazienti e operatori sanitari rimasti all’ospedale Shifa”, ha detto Christian Lindmeier, portavoce dell’OMS.

Si è rifiutato di rispondere ai commenti del Ministero della Sanità di Gaza, che ha affermato che avrebbe sospeso la cooperazione con l’Agenzia Mondiale della Sanità dopo le notizie secondo cui Israele avrebbe detenuto personale medico per interrogatori.