Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I documenti hanno rivelato che i ricercatori cinesi hanno mappato la sequenza del virus Covid-19 due settimane prima che Pechino rivelasse pubblicamente l’epidemia

I documenti hanno rivelato che i ricercatori cinesi hanno mappato la sequenza del virus Covid-19 due settimane prima che Pechino rivelasse pubblicamente l’epidemia

I ricercatori cinesi hanno mappato e isolato il virus che causa il Covid-19 due settimane prima che Pechino informasse il resto del mondo dell’epidemia mortale, rivelano i documenti.

Mercoledì il Wall Street Journal ha pubblicato questa rivelazione, facendo riferimento a documenti ottenuti dal Dipartimento americano della sanità e dei servizi umani da una commissione della Camera dei rappresentanti.

Secondo i documenti, il 28 dicembre 2019 un ricercatore cinese di Pechino ha caricato una sequenza quasi completa della struttura del virus nel database del governo statunitense.

La ricercatrice che ha presentato la sequenza dell'Istituto di biologia degli agenti patogeni della capitale cinese è stata la dottoressa Lily Ren.

Al momento dello scoppio dell’epidemia a Wuhan, le autorità sanitarie cinesi la descrissero come polmonite virale di “causa sconosciuta” dopo che un gruppo di persone si ammalò.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato di aver ricevuto la sequenza genetica dal governo cinese l’11 gennaio 2020 e che le informazioni sarebbero diventate pubbliche.

Il Comitato della Camera per l’Energia e il Commercio ha ottenuto i documenti dopo aver minacciato di citare in giudizio il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS).

Il mese scorso la sottosegretaria alla sanità e ai servizi umani Melanie Eguren ha scritto al presidente della commissione Cathy McMorris Rodgers in merito alla scoperta.

Ha affermato che il dottor Ren ha presentato la sequenza del virus il 28 dicembre 2019 a un database genetico chiamato GenBank, gestito dal National Institutes of Health degli Stati Uniti.

Tuttavia, la sequenza del dottor Ren non è mai stata pubblicata ed è stata cancellata dal database il 16 gennaio 2020, dopo che l'istituto aveva richiesto maggiori informazioni al ricercatore.

READ  Xi'an cinese vede un aumento dei casi di Covid mentre entra nel terzo giorno di blocco | Cina

“La sequenza pubblicata il 12 gennaio 2020 era quasi identica alla sequenza fornita da Lily Rehn”, ha affermato nella lettera la segretaria per la salute e i servizi umani Melanie Egorin.

Il microbiologo Richard Ebright della Rutgers University nel New Jersey ha affermato che ottenere informazioni sul virus due settimane prima “avrebbe aiutato nelle prime fasi dell'epidemia”.

Anche il virologo del Fred Hutchinson Cancer Center Jesse Bloom, che ha esaminato i documenti, è stato coinvolto in questo sviluppo.

Il virologo ha dichiarato al Wall Street Journal che questa scoperta “sottolinea quanto dovremmo essere attenti all’accuratezza delle informazioni pubblicate dal governo cinese”.

“È importante tenere conto di quanto poco sappiamo”, ha aggiunto.

Un portavoce dell’ambasciata cinese ha affermato che la Cina “ha continuato a migliorare” la sua risposta al coronavirus “su base scientifica per renderla più mirata”.

“Le politiche cinesi di risposta al COVID-19 sono basate sulla scienza, efficaci e coerenti con la realtà nazionale cinese. Possono resistere alla prova della storia”, hanno affermato.

La dottoressa Lily Ren dell'Istituto di biologia delle malattie di Pechino non ha risposto a una richiesta di commento.

La settimana scorsa in Australia, sia il Nuovo Galles del Sud che il Victoria hanno registrato un aumento dei casi di coronavirus dopo che un nuovo ceppo si è diffuso durante il periodo festivo.

Le autorità hanno esortato i residenti a rimanere aggiornati sulla dose di richiamo per evitare la reinfezione in seguito al picco di casi.

Il dottor Jeremy McNulty, responsabile sanitario del NSW Health, ha affermato che circa 1.400 persone hanno segnalato il coronavirus ai dipartimenti di emergenza in tutto lo stato ogni sette giorni. – Quasi 400 persone ogni settimana.

READ  Ucraina e Russia firmano un importante accordo sul grano nel mezzo della crisi alimentare globale mentre i leader mondiali inviano avvertimenti a Mosca

Parlando a SkyNews.com.au la scorsa settimana, il medico infettivologo e professore universitario Peter Collignon ha affermato che si prevede che la variante muterà.

“C’è un nuovo ceppo, e sì, si sta diffondendo, ma allo stesso modo, il Covid-19 è qui da quattro anni e sarà con noi per i prossimi 40 anni”, ha detto.

“L'unica ragione per cui esiste è perché ha bisogno di mutare e cambiare. Questo è esattamente quello che ti aspetteresti, una nuova variante che eluderà leggermente il nostro sistema immunitario per replicarsi e diffondersi da persona a persona.”