Maggio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia si è offerta di porre fine alla guerra nel 2022 se l’Ucraina rinuncerà alle ambizioni della NATO – ha affermato il capo del partito Zelenskyj

La Russia si è offerta di porre fine alla guerra nel 2022 se l’Ucraina rinuncerà alle ambizioni della NATO – ha affermato il capo del partito Zelenskyj

David Aramaya, leader del partito Servitore del popolo e capo della delegazione ucraina durante i colloqui dello scorso anno con la Russia, ha rivelato che la Russia aveva proposto di porre fine alla guerra nella primavera del 2022 a condizione che l’Ucraina abbandonasse le sue aspirazioni NATO e adottasse un soluzione alla guerra. Posizione neutrale.

“In realtà speravano quasi fino alla fine di esercitarci pressioni affinché firmassimo un accordo del genere in modo da rimanere neutrali. “Questa è stata la cosa più importante per loro”, ha detto Al-Aramiya. Colloquio Con la giornalista ucraina Natalia Mosychuk.

Erano disposti a porre fine alla guerra se fossimo diventati neutrali – come fece una volta la Finlandia – e si impegnarono a non aderire alla NATO. “Questo era il punto principale”, ha aggiunto.

Intervenendo ulteriormente e spiegando il rifiuto di Kiev di accettare la proposta, Arakhamiya ha detto che ciò richiederebbe un cambiamento costituzionale, dato che la costituzione dell’Ucraina prevede l’intenzione di diventare membro della NATO.

Inoltre, viene sottolineata la mancanza di fiducia nella posizione russa.

“Non c’è, e non c’è mai stata, fiducia che i russi facciano questo. Questo può essere fatto solo se ci sono garanzie di sicurezza.”

Arahmiya ha spiegato che la firma di un simile accordo senza garanzie avrebbe lasciato l’Ucraina vulnerabile a una seconda incursione.

“Avrebbero potuto venire più preparati, perché in realtà sono arrivati ​​impreparati a tale resistenza”, ha detto Arakhamiya.

Secondo il deputato, mentre si svolgevano altri colloqui a Istanbul, ha ricevuto inaspettatamente Boris Johnson È venuto a Kiev Il 9 aprile ha detto che l’Ucraina “non dovrebbe firmare nulla con loro – e combattiamo e basta”.

I colloqui di pace tra Russia e Ucraina si sono svolti durante le prime fasi della guerra totale, con negoziati tenuti in Bielorussia e Turchia. Ucraina Pravda menzionato Come ha espresso allora la parte russa la sua disponibilità per un incontro tra il presidente Volodymyr Zelenskyj e il presidente russo Vladimir Putin?

Ma le discussioni si sono interrotte dopo il ritiro delle forze russe da Kiev, che ha rivelato la portata dei crimini commessi, in particolare lo scioccante massacro di Bucha.

Tre giorni dopo che Johnson lasciò Kiev, Putin Dichiarato pubblicamente E i colloqui con l’Ucraina “si sono trasformati in un vicolo cieco”.