Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il bilancio delle vittime aumenta quando i manifestanti iraniani hanno dato alle fiamme le stazioni di polizia dopo la morte di Mehsa Amini

I manifestanti a Teheran e in diverse città iraniane hanno dato alle fiamme stazioni di polizia e veicoli mentre si intensificavano i disordini, innescati dalla morte di una donna, che è stata detenuta dalla polizia morale nella Repubblica islamica per il sesto giorno.

Mahsa Amini, 22 anni, è stata arrestata la scorsa settimana per aver indossato “abiti inappropriati” dalla polizia moralista di Teheran.

È caduta in coma durante la detenzione e in seguito è morta in ospedale.

Le autorità hanno detto che avrebbero aperto un’indagine sulla sua morte, che ha suscitato indignazione e le peggiori proteste che l’Iran abbia visto dal 2019.

La maggior parte delle proteste si sono concentrate nelle regioni nord-occidentali dell’Iran popolate da curdi, ma si sono estese alla capitale e ad almeno 50 città e paesi in tutto il paese, dove la polizia ha usato la forza per disperdere i manifestanti.

Immagini di una giovane donna che indossa un ampio hijab nero e fissa la telecamera
La signora Amini è morta in ospedale venerdì dopo aver trascorso tre giorni in coma.(Reuters: Iran Wire)

Il filmato sui social media, apparentemente girato durante le proteste nel nord-est, mostrava manifestanti che cantavano “Moriremo, moriremo, ma riporteremo indietro l’Iran” vicino a una stazione di polizia, che è stata data alle fiamme.

Il filmato non verificato è stato pubblicato sull’account Twitter @1500tasvir, che si concentra sulle proteste iraniane e ha più di 100.000 follower.

Un’altra stazione di polizia della capitale, Teheran, è stata data alle fiamme mentre i disordini si diffondevano dal Kurdistan, la città natale della signora Amini.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.
Continuano le proteste in Iran per la morte in custodia di Mahsa Amini.

I governanti iraniani temono una rinnovata protesta del 2019 per l’aumento dei prezzi del carburante, il più sanguinoso nella storia della Repubblica islamica.

Circa 1.500 persone sono state uccise in quelle proteste.

I manifestanti hanno anche espresso la loro rabbia nei confronti del leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei.

In filmati più non verificati sui social media a Teheran, una folla è stata vista cantare: “Mojtaba, spero che tu muoia e non diventi il ​​Leader Supremo”, riferendosi al figlio di Khamenei, che alcuni credono possa succedere a suo padre.

Dieci morti nei disordini

Tre manifestanti sono stati uccisi mercoledì dalle forze di sicurezza, ha riferito il gruppo per i diritti dei curdi Hengau, portando il bilancio delle vittime a 10.

READ  I talebani appendono il corpo del presunto rapitore a una gru a Herat per scoraggiare i criminali