Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I giornali italiani scrivono che nell ‘”epoca dei rapporti della buonanotte”, le inchieste del “giornale sportivo rumeno” confermano il valore della stampa

È vero, Cătălin Tolontan, sconvolto, loquace, immerso nel lavoro, è diverso da qualsiasi giornalista mai visto al cinema.
Rolling Stone.It

Courier della Cera, La Stampa, La Republica, l’edizione milanese di Rolling Stone, l’edizione italiana di The Wire, l’isola Mesagero e decine di altre testate sulla penisola iberica accolgono il documentario “collettivo” diretto da Alexander Nanov e invitano gli italiani a guarda il documentario in pubblico. IWonderfull, A causa della chiusura dei cinema.

Il gruppo dei giornalisti rumeni è la prova e l’affermazione che la libertà di inchiesta è un valore inestimabile per qualsiasi Stato che voglia definirsi democraticamente.
– Ambasciatore

L’uscita pubblica italiana del documentario “Collective” ha elogiato decine di pagine per la Romania tra i migliori titoli pubblicati a Roma, Torino, Milano o Firenze. I giornali della stampa italiana stanno osservando la qualità rinfrescante del nostro cinema oltre i tempi difficili, e il documentario “Collective” di Alexander Nana è considerato una continuazione dell’ondata di produzioni dei migliori registi rumeni da Christian Pue a Christian Mungi.

“Tutto viene raccontato senza morale, senza prediche, senza precondizioni, ma fiduciosi nel potere del cinema, capace di presentare la realtà. I ​​film – anche se chiusi – dimostrano come il futuro può andare avanti”., Scrive il Corriere Della Cera a proposito del documentario romano, di cui ricorda di essere riuscita a raggiungere il ristretto elenco degli Oscar.

“Il documentario di Alexander Nana è diventato una metafora del pianeta: il mondo vede cosa succede quando la corruzione diventa un sistema”., Supporta l’edizione italiana della rivista Filo. Torino Daily StampaIl film rumeno, che appare ininterrotto per un secolo e mezzo, è “un documentario di incommensurabile valore che ristruttura una inchiesta stampa”.

Giornale Repubblica Il suo titolo cronico: “Quando la rivista si trasforma in un grande cinema”. “Non siamo supereroi, siamo giornalisti che lavorano tutti i giorni”, citato dal giornalista Setlin Dolonton dell’Agenzia Nazionale di Stampa Italiana Ansa.

READ  L'Italia è il primo Paese in Europa a produrre il vaccino contro lo Sputnik V russo

La tradizione e il futuro della rivista sono discussi anche nell’edizione milanese della rivista Rolling Stone. L’articolo fa appello alla libertà di espressione, non solo per il successo, ma anche per i limiti della stampa. Ricreiamo l’intero testo.

“Joint: nell’era dei reportage della buonanotte, il cinema ci insegna a fare giornalismo”

Sono finiti i tempi dei giornalisti con la politica di “tutto il popolo presidenziale”, ma mentre i giornali si avvicinavano, un documentario rumeno (candidato all’Oscar) ci ha ricordato la bellezza di una professione “senza macchia”. Rolling Stone.It (Traduzione e adattamento di Iona Angeleta)

La tradizione e il futuro della rivista sono discussi anche nell’edizione milanese della rivista Rolling Stone

Due nomination all’Oscar, una per il miglior documentario e l’altra per il miglior film in lingua straniera. Secondo lui, è orgoglioso di essere nella lista dei migliori film dell’ultimo anno Barack Obama. Il film collaborativo del regista rumeno Alexander Nana può finalmente essere visto sulla piattaforma di streaming dal 18 febbraio IWonderfull.

Nanov è stato ispirato da una tragedia nazionale durante l’incendio di Bucarest del 30 ottobre 2015 al Collettivo: 26 persone sono morte, per lo più giovani, e più di cento sono rimaste ferite. Sul palco, la band ha cantato Goodbye to Gravity quella notte. Due dei chitarristi della band morirono in fiamme la stessa sera, e una settimana dopo il batterista perde la sua battaglia con la sua vita, e pochi giorni dopo il fascista lascia questo mondo. Solo un membro del gruppo è sopravvissuto.

Nei giorni e nelle settimane seguenti, il numero di vittime negli ospedali è aumentato a più di trenta.

READ  I pronostici olimpici di basket maschile: Australia, Italia e Repubblica Ceca vincono a Tokyo

Le famiglie delle vittime si insospettiscono e protestano, soprattutto per chiamare i giornalisti, in particolare il quotidiano sportivo Gazeta Sporturil, quotidiano sportivo che si è già fatto notare in passato a causa di indagini sulla corruzione nel mondo del calcio.

Il giornalista Cottlin Dolonton ei suoi colleghi iniziano a indagare. Il regista Alexander Nanov si unisce al suo team per “volare sul muro” registrando e raccontando storie senza commenti. Senti, non l’ho detto. In tempo reale, insieme ai giornalisti.

Nanov aveva già fatto qualcosa nel film precedente Toto and His Sisters (2014), che è la storia di bambini abbandonati dal quartiere in rovina di Bucarest. Proprio allora, e ora, per il documentario Collective, riesce a suscitare la curiosità del pubblico per un thriller. Tuttavia, non esiste l’amore, che è soprattutto “scusa per l’espressione sporca)” linguaggio da film “. È vero, Cătălin Tolontan, sconvolto, loquace, immerso nel lavoro, è diverso da qualsiasi giornalista mai visto al cinema.

Finora i giornalisti presentati sono stati simboli di un ideale del mestiere: nobili, paladini della verità. E interpretato da attori geneticamente benefici.

Sono di tutti gli uomini presidenziali (Alan J. Bacula, 1976), Mark Rufallo e l’intero team del Boston Globe nel caso Spotlight (Tom McCarthy, 2015), Tom Hanks, sai?, Tom Hanks, il dolce Tom Hanks (The Post, Steven Spielberg, 2017).

Ma i giornalisti di Hollywood possono anche essere un rovescio migliore: cinici, cosa non farebbero a una bomba di notizie? Il migliore per me è Kirk Douglas (Ace of the Sleeve, Billy Wilder, 1951), e ora, di questi tempi, un cliché: I media mi fanno pensare prima a cosa sia un circo.

Billy Wilder, ha firmato per una delle edizioni cinematografiche della prima pagina, con Lemman e Matthew. Il cinismo qui è morbido sull’umorismo.

READ  Italia: il sindaco di Corleone si dimette dopo essere stato vaccinato, anche se non nella categoria prioritaria - Corona virus

Chiunque abbia mai amato o voluto fare il giornalista conosce (dovrebbe sapere) a memoria alcune battute: “Non può lasciare la rivista, è come chiedere al leopardo di togliersi le macchie”.

Ho visto molti film in cui il giornalismo è stato descritto come una professione o una missione, ma una delle professioni più soddisfacenti esistenti: Questo è evidente in tutte le storie dei veterani di guerra James Woods (Oliver Stone, 1986) a Salvador o Mel Gibson (che visse in pericolo per un anno, Peter Weir, 1982) in Indonesia.

La fine dei giornali è così triste per chi li ama, che piacciono anche i film più brutti (Mi vengono in mente, ma non li cito qui), e il migliore (die Gus van Sandal, con la straordinaria Nicole Kidman di prima) e il più piccolo, visibile su YouTube, che mi ha davvero spezzato il cuore.

Questa è chiamata l’edizione finale – la fine di un giornale (ultima edizione – la fine di un giornale), Lunga mezz’ora e racconta le ultime ore di vita del quotidiano Rocky Mountain News, chiuso nel 2009 dopo 150 anni di vita.

I giornali sono finiti ei modi in cui possiamo raccontarli sono finiti. Ma la stampa, questa, no! Può sopravvivere a qualsiasi verità. Come spiegano i temerari rumeni del Collective, i leopardi non hanno mai pensato di liberare i loro posti “.

I rumeni in Italia possono trovare il “collettivo” sul palco qui IWonderfull.

Leggi anche:

Cosa ci faceva in sua assenza la moglie di un camionista rumeno. Chiudere i registri inviati da quella persona a sua suocera

La libertà