Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia trascina l’Europa in un’altra crisi dell’Eurozona

BTra il 2009 e il 2012, l’eurozona ha vissuto una crisi del debito sovrano che ha minacciato di lacerare la sua unione monetaria.

I prestatori dei mercati finanziari europei hanno perso fiducia nella stabilità finanziaria di molti Stati membri e hanno iniziato a chiedere rendimenti più elevati per coprire un rischio maggiore. Gli oneri finanziari sono aumentati. I sovrani che hanno sofferto durante la Grande Recessione della fine degli anni 2000 non sono stati in grado di rimborsare rapidamente i prestiti contratti. Il feedback negativo ha spinto Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro sull’orlo dell’uscita dall’euro. Effetti domino tra Europa chiamato la periferia e il centro Anche la Spagna e l’Italia sono state minacciate.

Quando l’Eurozona si sveglierà di fronte a nuove grandi minacce globali, uno scenario del genere si ripeterà? La stagnazione post-pandemica, una valuta in caduta libera rispetto al dollaro e, soprattutto, il costo dei finanziamenti (maggiore debito pubblico) per proteggere famiglie e imprese dall’aumento dei prezzi dell’energia minacciano di rimettere in ginocchio l’Europa.

L’Italia potrebbe essere il punto di partenza per un’altra crisi del debito. Al 150% del suo PIL, il debito pubblico italiano ha raggiunto il suo livello più alto. L’economia del paese ha sofferto quando la Banca centrale europea è passata a una politica monetaria più restrittiva per combattere l’inflazione. La scorsa settimana, la Banca centrale europea ha aumentato i suoi tre tassi di interesse principali di 75 punti base, il più grande aumento dal 1999. L’Italia affronta un freddo inverno. Il 40% della sua energia proviene dal gas naturale russo. Ad oggi, il Paese ha fatto pochi sforzi per trovare alternative al gas russo.

READ  Come la street art aiuta i giovani immigrati a dipingere un futuro migliore in Italia | Sviluppo globale

La caduta della coalizione di governo italiana dell’ex presidente della Bce Mario Draghi ha innescato anche una crisi politica. Il 25 settembre in Italia si terranno le elezioni parlamentari. In testa alle urne il partito Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Se vince, spera di formare un governo di destra con il sostegno sia della Lega che di Forza Italia. I sondaggi suggeriscono che è diretto a una coalizione di maggioranza in entrambe le camere del parlamento italiano. Il partito Fratelli d’Italia è stato descritto come neofascista e ambivalente sull’UE. È importante sottolineare che la Lega di Matteo Salvini, che fa parte della coalizione, si oppone alle sanzioni contro la Russia.

Finora, l’Italia è stata tenuta a galla dai grandi acquisti di debito pubblico italiano da parte della Banca centrale europea nell’ambito del suo programma di acquisto di emergenza pandemica. Nel 2020 e nel 2021, la BCE ha acquistato l’intero prestito netto del governo italiano. Sfortunatamente per l’Italia, gli acquisti obbligazionari della BCE nell’ambito di quel programma sono terminati come parte del passaggio della banca verso una politica monetaria più restrittiva per affrontare il problema dell’inflazione in Europa.

Nelle ultime settimane, l’incertezza politica dell’Italia ha portato a una massiccia svendita dei suoi titoli di Stato. I rendimenti di queste obbligazioni si avvicinano al 4%, 2 punti percentuali in più rispetto ai rendimenti dei titoli di stato tedeschi. Riconoscendo che una tale svendita potrebbe innescare un’altra crisi del credito, la BCE ha introdotto uno strumento di protezione degli swap. Per mantenere ragionevoli i tassi di interesse italiani, la BCE potrebbe acquistare ancora una volta ingenti quantità di obbligazioni italiane. Ma ciò può essere fatto solo se vengono soddisfatte diverse condizioni rigorose.
Tra questi c’è la necessità per la BCE di accertarsi che il Paese stia gestendo correttamente le sue finanze pubbliche e che il suo debito pubblico sia su un percorso sostenibile. Tali condizioni potrebbero rivelarsi difficili per un governo populista che ha tra i propri obiettivi quello di ridurre il potere della burocrazia europea.

READ  Corona virus Italia: Mario Draghi viene vaccinato con AstroGeneca - Internazionale

Le condizioni politiche, economiche ed energetiche sono mature per un’altra crisi del debito sovrano nell’eurozona, che potrebbe facilmente sfociare in discussioni sulla rottura dell’UE.

James Rogan è un ex ufficiale dei servizi esteri che in seguito ha lavorato nel settore finanziario e legale per 30 anni. Lui scrive Nota quotidiana Finanza ed economia, politica, sociologia e giustizia penale.