Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

House of Gucci mette Lady Gaga in competizione per gli Oscar come la donna assassina dietro l’assassinio di Maurizio Gucci

“Non mi considero una persona particolarmente morale, ma sono giusta”, ha detto Lady Gaga nei panni di Patrizia Gucci, nata Reggiani, nella rappresentazione costellata di stelle di Ridley Scott del declino della dinastia Gucci.

Fuori per un Oscar d’oro dopo essere stato nominato per A Star Is Born, Gaga affascina come la donna affascinante al centro del film: nella vita reale Reggiani è noto per aver ordinato il colpo sull’ex marito Maurizio Gucci – l’ultimo nella sua famiglia a capo. Sopra l’omonima casa di moda, inviata qui da Adam Driver – che doveva essere fucilato davanti al suo ufficio di Milano il 27 marzo 1995.

Uccidere è un atto che sarebbe classificato come in qualche modo ingiusto da qualsiasi metrica del nastro di Reggiani, a quanto pare. (Nel giorno fatidico, ha segnato una parola sul suo diario: “PARADEISOS”, scritto in lettere maiuscole – in greco significa “paradiso”.)

Una donna italiana elegantemente vestita con corti capelli scuri e trucco per gli occhi scuri tiene la mano curata di un uomo fuori dallo schermo.
Al suo rilascio dal carcere, un giornalista ha chiesto a Reggiani perché avesse ingaggiato un sicario. “La mia vista non è buona. Non voglio mancare”, ha detto.(Fornitore: Globale)

Ma Reggiani, che ancora si considera tale “La maggior parte sono di Gucci”, difficilmente l’unico membro ricco del clan che si è comportato come se fosse al di sopra della legge – una piccola frode fiscale non ha mai fatto male a nessuno, giusto? E nel caso in cui la polizia bussa, basta correre alla tenuta di St. Moritz, poiché la legge svizzera vieta l’estradizione per reati finanziari.

E Patrizia non è l’unica Gucci a tradire la sua specie: questa era una famiglia che lottava contro se stessa per tutti gli anni ’80. Come ha raccontato Sarah Gay Forden in The House of Gucci, il libro di saggistica da cui è tratto il film, la società in questo periodo è stata definita da alleanze segrete formate e spezzate senza pietà tra padri, figli e cugini.

Nelle manovre per il controllo di questo impero costruito su pelletteria e mocassini – che ora festeggia il suo centesimo anniversario, non più un’azienda di famiglia ma una filiale di una multinazionale francese – più di un’azienda Gucci ha passato del tempo dietro le sbarre.

Un uomo con gli occhiali, i capelli grigi e un abito grigio sopra una camicia azzurra sembra molto fuori dallo schermo.
“La seduzione è una parte importante del film. Driver (nella foto) ha detto nel suo diario di stampa che Patrizia seduce Maurizio, poi lo seduce con forza e poi con orgoglio”.(Fornitore: Globale)

Il libro di Forden cita una citazione di Gucci Gucci, l’amara ex moglie del cugino di Maurizio Paolo: “Quello che devi capire di Guccis”, il suo becchinaggio, è che sono tutti totalmente pazzi, incredibilmente manipolatori e poco intelligenti. “

Passami i popcorn.

Saltando The Last Duel, l’inquietante racconto medievale #MeToo del 2021 del regista, House of Gucci ritorna per Tutti i soldi del mondo del 2017, anche su una donna che deve combattere l’oltraggiosa famiglia disfunzionale con cui è sposata.

Ma Gucci, che restringe un po’ quasi due decenni di storia falsa a 158 minuti, è deliziosamente vicino al campo in cui la saga Getty di Scott è stata estenuante.

Gaga e i suoi co-protagonisti hanno vagato attraverso innumerevoli interni sontuosi da Milano a New York – oltre all’autista, c’è Jared Leto come Paolo, Al Pacino come lo zio di Maurizio Aldo e Jeremy Irons come il padre di Rodolfo – esprimono i loro sentimenti lanciando pannelli di falegnameria o urinare su sciarpe di seta; Si occupano di barbe in inglese dal sapore italiano.

Un uomo in abito blu scuro con le mani in tasca si trova di fronte a un uomo calvo con un abito quadrato arancione e una donna con un vivace abito viola.
“[Reggiani] Era uno sconosciuto e una donna in un mondo di uomini. Come molte donne sanno, la loro forza può passare inosservata, ha detto Gaga in un diario di stampa.(Fornitore: Globale)

Gaga porta la maggior condanna di fronte all’accento, il minimo guidatore, ma in gran parte la fa franca, perché si adatta alla timidezza del suo personaggio, il ragazzo etero della storia, e perché è un Poindexter così affascinante.

Leto interpreta con orgoglio un cappello calvo e un abito da safari di velluto a coste color lampone. Se non sorprende che un attore in stile pavone si dimostri il più grande prosciutto sul set (mossa, Pacino), è piuttosto sorprendente, almeno per questo scrittore, che interpreti il ​​suo ruolo con una commedia così sicura.

La sceneggiatura di Becky Johnston e Roberto Bentevigna ha fatto roteare in bocca a Leto la maggior parte delle battute migliori (leggi: le più sciocche) del film, conferendogli un’atmosfera vivace e musicale. “La mia vescica potrebbe essere piena, ma i miei sogni sono più pieni”, ha detto, sconvolto dal fatto che le sue relazioni non avrebbero riconosciuto il suo “dono” per il design.

La visione di Paolo di mescolare i pastelli con il marrone lo rende un paria in un’epoca in cui l’estetica di Gucci era incentrata sull’eleganza conservatrice. (Alla fine del film, la rivoluzione è arrivata sotto forma di Tom Ford, qui interpretato da Reeve Carney, e dal suo iconico creatore. sessuato 1995. collezione.)

Un uomo italiano calvo in un abito a tre pezzi quadrato viola si appoggia su un tavolo coperto di grafica di design di abbigliamento
“Ho scoperto un sacco di piccoli pezzi in giro [the Guccis] Cosa che non conoscevo, come l’ossessione di Paulo per i piccioni”, ha detto Bentivina nelle note alla stampa.(Fornitore: Globale)

Anche il senso dell’abbigliamento di Patrizia la contraddistingue: come la sexy Fran Drescher, è spesso la donna in rosso quando tutti gli altri indossano un’abbronzatura (o blu scuro o crema). Ma – proprio come qualsiasi uomo Gucci, e più intelligente – è stata in grado, per un po’ di tempo, di armare la sua posizione esteriore.

La sua differenza dall’affollato gruppo sociale di Maurizio è ciò che inizialmente lo attrae di lei: un erede di Gucci spesso non può essere scambiato per un barista a una festa.

Naturalmente, Patrizia alla fine aspira ad essere accettata nell’ovile. Come nuova sposa di Maurizio, esortandolo a essere più attivo nella compagnia, Lady Macbeth al riluttante Thane, lavora duramente per esprimere la sua ammirazione per i membri della sua nuova famiglia allargata, raccogliendo informazioni che utilizzerà per alimentare le inimicizie esistenti.

Una donna italiana in un elegante completo in due pezzi a scacchi marrone chiaro con capelli neri ondulati stile anni '60 e eyeliner scuro sembra infelice.
Scott era convinto che Gaga fosse l’unica a riportare in vita Reggiani. Negli appunti del suo diario, lo descrisse come “un vero motore di creatività”.(Fornitore: Globale)

Quando Maurizio la ignora, le sue macchinazioni, messe in atto dal rapitore chiaroveggente Bena Salma Hayek, salgono al livello di un equipaggiamento mortale.

Affrontando questi affari estenuanti, Scott, come Paolo, non è sempre così elegante o aggraziato come pensa di essere.

Il ritmo e la rotazione a volte si sentono fuori; La selezione musicale spazia dal poco stimolante al distratto. (George Michael’s Creed, ad esempio, non è adatto a percorrere la navata, mentre la copertina italiana di I’m a Believer di Caterina Caselli evoca tristemente ricordi di Shrek.)

Con qualche piccola modifica, House of Gucci avrebbe potuto essere una grande cosa. Penso che sia ancora, a suo modo, traballante – e penso che Paolo Gucci sia assolutamente stupendo con quella maglietta rosa, giusto?

House of Gucci è al cinema dal 1 gennaio.

Caricamento in corso

READ  Il membro dei Chicago Fire Fabian Herbers critica la posizione di Gonzalo Higuain dopo l'apertura di Miami: "Questo ragazzo è patetico"