Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli archeologi hanno scoperto una struttura in legno vecchia di mezzo milione di anni che non è stata costruita dall’Homo sapiens

Gli archeologi hanno scoperto una struttura in legno vecchia di mezzo milione di anni che non è stata costruita dall’Homo sapiens

Secondo un nuovo studio, mezzo milione di anni fa, molto prima di quanto si pensasse, l’umanità utilizzava il legno per costruire strutture. La ricerca parla di sculture in legno ben conservate nel sito archeologico di Kalambo Falls in Zambia, che risalgono ad almeno 476.000 anni fa e sono antecedenti all’evoluzione umana. Homo sapiens.

Crediti immagine: Larry Parham, Università di Liverpool

I ricercatori hanno affermato che i segni di taglio di utensili in pietra sul legno mostrano che i primi esseri umani modellarono e unirono due pezzi di legno per creare una struttura, probabilmente le fondamenta di una piattaforma. Questa è la prima prova della lavorazione deliberata di tronchi per adattarli l’uno all’altro, poiché la prova dell’uso umano del legno era limitato al suo utilizzo per accendere fuoco, bastoni e lance.

Il legno si trova raramente nei siti antichi perché solitamente marcisce e scompare. Tuttavia, i livelli dell’acqua costantemente alti alle cascate Kalambo hanno preservato questo prezioso esemplare. Questa scoperta mette in discussione anche l’idea che gli esseri umani dell’età della pietra fossero nomadi. A Kalambo, questi umani avevano una fonte costante di acqua e cibo sufficiente per stabilirsi e costruire strutture permanenti.

“Questa scoperta ha cambiato il modo in cui penso ai nostri primi antenati. Dimentica l’etichetta ‘età della pietra’ e guarda cosa stavano facendo queste persone: stavano creando qualcosa di nuovo e grande dal legno. Stavano usando la loro intelligenza,” Larry Parham, uno degli autori dello studio, ha dichiarato in un comunicato stampa: “E la loro immaginazione e abilità riescono a creare qualcosa che non hanno mai visto prima”.

Legno antico e misterioso

Il legno trovato in Zambia era troppo vecchio per essere datato direttamente utilizzando le tecniche del radiocarbonio. Invece, i ricercatori dell’Università di Liverpool e dell’Università di Aberystwyth hanno utilizzato una tecnica chiamata… Incontri a scintillazioneChe utilizza l’ultima volta che i minerali nella sabbia vicino ai reperti sono stati esposti alla luce solare per determinarne l’età.

READ  Gli astronomi del MIT hanno scoperto il misterioso sistema binario "Black Widow".

Questo metodo consente ai ricercatori di tornare indietro nel tempo e offre “uno sguardo all’evoluzione umana”, ha affermato Jeff Dowler, uno degli autori dello studio, in un comunicato stampa. Utilizzando la datazione con scintillazione, Doller scoprì che la struttura aveva 476.000 anni. Hanno anche datato quattro strumenti di legno trovati nella zona (come il cuneo) a 324.000 anni.

Crediti immagine: Larry Parham, Università di Liverpool

I ricercatori non sanno quale antica specie umana abbia realizzato la struttura e gli strumenti, ma è improbabile che sia così Homo sapiens. I fossili più antichi di Homo sapiens Sono stati ritrovati fino a circa 300.000 anni fa e sono stati rinvenuti nello sbiadito Israele Ha detto alla CNN. Crede che le persone che hanno realizzato la struttura fossero cognitivamente sofisticate e sarebbe molto interessante sapere chi l’ha costruita.

Si trovano le cascate Kalambo fiume Kalambu, Sopra una cascata alta 235 metri al confine tra lo Zambia e la regione di Rukwa in Tanzania, sulle rive del Lago Tanganica. L’area è candidata a diventare Sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO Per la sua importanza archeologica. Fu scavato per la prima volta nel 1960 dal professor John Clarke.

“La nostra ricerca dimostra che questo sito è molto più antico di quanto si pensasse in precedenza, e quindi la sua importanza archeologica è ora ancora maggiore. Ciò aggiunge maggiore peso alla tesi secondo cui dovrebbe essere un sito del patrimonio mondiale delle Nazioni Unite, con la speranza che le scoperte nella zona continuerà in futuro”, ha affermato Doller in un comunicato stampa nei prossimi anni.

Lo studio è stato pubblicato in Rivista sulla natura.

READ  Il perseverante rover arriva nell'antico delta marziano