Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Funzionari nigeriani hanno affermato che il segretario generale dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, Muhammad Barkindo, è morto

Le autorità nigeriane hanno annunciato la morte del segretario generale dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, appena un giorno dopo aver incontrato il presidente nigeriano.

Un portavoce del ministero del Petrolio nigeriano ha affermato che Muhammed Barkindo, 63 anni, è morto martedì sera nella capitale nigeriana Abuja, senza rivelare la causa.

La sua morte è stata una sorpresa per gli addetti ai lavori. Il suo secondo mandato come presidente dell’OPEC sarebbe scaduto il 31 luglio tra tre settimane. Ha ricoperto la carica per sei anni, dal 2016.

La morte di Barkindo è stata descritta in un tweet dall’amministratore delegato della Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC), Mille Kyari, come “un’enorme perdita per la sua famiglia, NNPC, il nostro paese, la Nigeria, l’OPEC e la comunità energetica globale”.

Barkindo ha guidato il blocco del petrolio greggio attraverso alcuni dei periodi più turbolenti della memoria recente, anche durante la pandemia di COVID-19, quando i prezzi del petrolio sono crollati a causa della minore domanda, e nel suo ultimo atto di difesa dell’industria energetica in una conferenza sul petrolio a Abuja. .

Ha aiutato a guidare l’OPEC, lavorando per unificare le posizioni dei suoi membri.

Il suo ruolo nel rappresentare l’OPEC ha acquisito maggiore importanza negli ultimi anni nel mezzo degli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico e allontanarsi dai principali inquinatori.

Caricamento in corso

Barkindo ha utilizzato la sua piattaforma per sostenere un ruolo più importante per l’industria energetica nei colloqui sulla transizione energetica e si è posizionato fermamente dalla parte dei produttori di petrolio, che affermano che sono necessari maggiori investimenti nel petrolio e nel gas affinché il mondo possa essere in grado di farlo. Funzionano con forme alternative di energia.

Ha detto poco prima della sua morte in una conferenza sull’energia in Nigeria.

Scienziati e autori di studi sostenuti dalle Nazioni Unite affermano che il mondo ha bisogno di tagliare più della metà della sua produzione di carbone, petrolio e gas nel prossimo decennio per mantenere la possibilità di impedire che il riscaldamento globale raggiunga livelli pericolosi. Per fare questo, dicono, gli investimenti in petrolio e gas devono fermarsi ed essere dirottati verso forme di energia più pulite.

Ma l’eredità di Barkindo potrebbe avere più a che fare con i suoi ultimi anni in cui ha diretto l’OPEC quando il gruppo ha stipulato un accordo noto come OPEC+ con la Russia, il principale produttore non OPEC.

Quell’accordo, guidato da Arabia Saudita e Russia, ha contribuito a stabilizzare i mercati petroliferi mentre il mondo emergeva dalla pandemia, anche se è stato preso di mira dagli attuali prezzi elevati del petrolio e mentre gli Stati Uniti e altri paesi occidentali cercano di fare pressione sull’economia russa la guerra in Ucraina. Il greggio Brent ha superato i 100 dollari al barile quest’anno.

I paesi membri dell’OPEC hanno rappresentato circa il 48% delle esportazioni globali di petrolio greggio lo scorso anno.

AP

READ  Il periodo di isolamento per i casi positivi al Corona virus può essere ridotto a cinque giorni? Cosa stanno facendo gli altri paesi?