Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dove si collocano le diete cheto, paleo e mediterranea, basate sulla scienza

Dove si collocano le diete cheto, paleo e mediterranea, basate sulla scienza

Alcuni dei programmi dietetici più popolari possono aiutarti a perdere peso, il che può ridurre il rischio di malattie cardiache. Ma una dieta con molti oli malsani e grassi saturi può aumentare il rischio di malattie cardiache, anche se aiuta con la perdita di peso.

Ecco perché un gruppo di esperti dell’American Heart Association ha sviluppato una classifica delle 10 migliori diete negli Stati Uniti, assegnandole un punteggio in base al modo in cui seguono le linee guida per la salute del cuore. È la prima volta che la Heart Association classifica le diete più popolari.

L’elenco, pubblicato giovedì sulla rivista Circulation, ha dato i punteggi più bassi alle diete paleo e chetogeniche, o cheto, per aver fatto affidamento su grassi di origine animale, come burro e latticini interi, limitando severamente i carboidrati.

I punteggi più alti sono stati assegnati alla dieta mediterranea e alla dieta DASH, che enfatizza cereali integrali, verdure e latticini a basso contenuto di grassi. Pescetarian – mangia pesce ma non carne rossa – Anche la dieta vegetariana ha ottenuto ottimi risultati per i suoi benefici per il cuore.

Non è che l’assunzione di grassi in generale faccia male al cuore, ha detto il presidente del panel, Christopher Gardner, professore di medicina alla Stanford University. I grassi insaturi, come gli oli vegetali, come l’olio di oliva o di girasole, o il pesce, come il salmone e le noci, possono ridurre i livelli di colesterolo LDL e ridurre il rischio di malattie cardiache.

Gardner e gli altri relatori hanno valutato le diete in base a quanto bene hanno seguito le linee guida scientifiche dell’American Heart Association Linee guida per la salute del cuore:

  • Mangia una varietà di frutta e verdura.
  • Scegli cibi che contengono principalmente cereali integrali piuttosto che cereali raffinati.
  • Scegli fonti sane di proteine, come piante (legumi e noci), pesce e frutti di mare e latticini a basso contenuto di grassi o senza grassi invece di latticini interi.
  • Se è inclusa la carne, i tagli dovrebbero essere magri e le forme lavorate dovrebbero essere evitate.
  • Utilizzare oli vegetali liquidi (oliva, cartamo, mais) al posto dei grassi animali (burro, strutto) e oli tropicali (cocco, palmisti).
  • Consumare alimenti minimamente trasformati invece di alimenti ultra-elaborati.
  • Limita il consumo di bevande e alimenti con zuccheri aggiunti.
  • Scegli e prepara cibi con poco o niente sale.
  • Evita o limita l’alcol.
READ  Cosa causa la prosopometamorfosi, la rara sindrome della "faccia del diavolo" (PMO).

Nel nuovo rapporto, il panel ha suddiviso le diete in quattro livelli, in base al punteggio assegnato a ciascuna linea guida.

Le diete che hanno ottenuto il punteggio più alto includevano quanto segue:

  • trattino (Dietary Approaches to Stop Hypertension), per la sua dipendenza da pesce, pollame, fagioli, noci e latticini a basso contenuto di grassi.
  • Il Mediterraneo è ricco di frutti di mare, verdure, noci e cereali integrali.
  • Vegano, comprese uova, latticini o entrambi.
  • pescitarian, che fa affidamento sul pesce come principale fonte di proteine.

Le diete vegetariane e povere di grassi sono state classificate nel secondo livello. Entrambi incoraggiano il consumo di legumi e frutta a guscio, limitando alcol e cibi e bevande che contengono zuccheri aggiunti. Tuttavia, una dieta vegana rigorosa può contribuire a una carenza di vitamina B12, secondo gli esperti di cuore. Le diete a basso contenuto di grassi hanno perso punti per aver trattato tutti i grassi allo stesso modo e perché le persone tendevano a sostituire i grassi con carboidrati o zuccheri aggiunti.

Il terzo livello riguardava diete povere di carboidrati e molto povere di grassi per essere troppo povere di fibre o limitare frutta, noci e grassi sani, come gli oli vegetali.

Altre notizie su dieta e nutrizione

Anche le diete cheto e paleo rientrano nel quarto livello, ha affermato Gardner, in parte a causa delle restrizioni su frutta, cereali integrali e legumi, che possono portare a una minore assunzione di fibre.

“Le raccomandazioni non sono solo in linea con la scienza, ma forse anche con quello che le nostre madri ci hanno detto crescendo: mangiare frutta e verdura”, ha detto il dottor Deepak Bhatt, direttore del Mount Sinai Heart e professore di medicina cardiovascolare all’Icahn Facoltà di Medicina del Monte Sinai.

READ  Un gigantesco insetto volante trovato in un edificio Wal-Mart si rivela essere una scoperta giurassica

Le diete con i punteggi più alti enfatizzano anche i cereali integrali, che “riducono non solo il rischio di malattie cardiovascolari, ma anche il rischio di cancro e altre malattie, come il diabete”, ha affermato Bhatt, che non era associato al nuovo rapporto.

Brooke Aggarwal, MD, professore associato di scienze mediche nella divisione di cardiologia presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University, ha affermato che l’American Heart Association ha “fatto un ottimo lavoro prendendo diete comuni e classificandole in base a quanto soddisfano Linee guida AHA.”

“Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte a livello globale, quindi dovremmo tutti preoccuparci di come possiamo prevenirle”, ha affermato Agarwal.

Per le persone che sono attratte dalle diete cheto e paleo, mangiare più grassi insaturi può aiutare.

“Se si preferisce la carne rossa, dovrebbe essere magra”, ha detto.

La chiave per ridurre il rischio di malattie cardiache è aumentare la frutta e la verdura, scegliere fonti proteiche sane e ridurre gli alimenti trasformati.

“In definitiva, dipende da ciò a cui una persona può attenersi e adattarsi al proprio stile di vita”, ha affermato Agarwal. “La gestione del peso è importante.”