Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scienziati hanno sequenziato il genoma di Balto, il famoso cane da slitta della “Serum Run” del 1925 – Ars Technica

Scienziati hanno sequenziato il genoma di Balto, il famoso cane da slitta della “Serum Run” del 1925 – Ars Technica
Ingrandire / Dopo la morte di Balto nel 1933, la sua montagna di tassidermia fu esposta al Cleveland Museum of Natural History.

Museo di storia naturale di Cleveland

Nel 1925 fu nominato un cane da slitta Palto Ha guidato la coraggiosa squadra di cani nell’ultima tappa di un’estenuante staffetta di slitte trainate da cani di 127 ore attraverso l’Alaska per consegnare medicine salvavita al famoso popolo di Nome.Corsa del siero. Balto è stato celebrato per questa impresa, ispirando anche a Film d’animazione del 1995 e due sequel. Ora gli scienziati hanno sequenziato il genoma del cane per la prima volta e lo hanno confrontato con le razze canine moderne, evidenziando perché Balto e simili cani da slitta del periodo si sono dimostrati così adatti a crescere nel rigido ambiente invernale.

Si scopre che Balto era solo in parte husky siberiano e, contrariamente al mito popolare, non in parte lupo. Gli autori hanno persino utilizzato il genoma sequenziato per ricostruire l’aspetto fisico di Balto. Questi e altri risultati appaiono in nuova foglia Pubblicato sulla rivista Scienza. È uno dei tanti presenti in un’edizione speciale di report sui risultati di Progetto Zoonomiauna collaborazione internazionale per sequenziare e confrontare i genomi di 240 mammiferi al fine di scoprire le basi genetiche dei tratti essenziali di tutti gli animali, nonché i cambiamenti che sono alla base dei tratti unici delle singole specie.

“Il fatto che il DNA di un piccolo campione di pelle di Balto possa fornire nuove intuizioni scientifiche è un potente promemoria di come i progressi della scienza continuino a permetterci di estrarre nuove informazioni dalle collezioni dei musei”. ha detto Gavin SvensonDirettore Scientifico presso Museo di storia naturale di Cleveland In Ohio, dove si trovano i resti mummificati di Balto. “Ciascuno dei milioni di oggetti nel nostro museo ha il potenziale per rivelare importanti indizi sul mondo del futuro, che a loro volta possono far progredire la nostra comprensione del passato, del presente e del futuro del mondo che ci circonda”.

Balto nasce nel 1919 da un allevatore di cani da slitta e da sci Leonardo Seppala. Balto è stato castrato a sei mesi perché Seppala lo considerava un “cane da macchia”, più forte e robusto dei piccoli husky dalla corsa veloce che venivano normalmente allevati, e quindi più adatto al trasporto di merci. Ma il cane continuò a dare prova del suo coraggio quando, nel gennaio del 1925, si verificò una grave epidemia di difterite a Nome, il porto della città era circondato dai ghiacci e quindi inaccessibile dal mare.

READ  Un nuovo sguardo agli "anelli di Einstein" attorno a galassie lontane ci ha avvicinato alla risoluzione del dibattito sulla materia oscura
Ingrandire / “Damn Pretty Dog”: Balto con Gunnar Kaasen, il suo metodo, Serum Run dopo il 1925.

dominio pubblico

Il siero salvavita necessario ai residenti si trovava ad Anchorage, a circa 674 miglia di distanza, e il motore dell’unico aereo disponibile si è bloccato e non si è avviato. Così i funzionari hanno deciso di organizzare una staffetta per le squadre di slitte trainate da cani. Le condizioni affrontate dagli oltre 20 musher che hanno preso parte alla Serum Run sono state dure, con forti venti e temperature di -23 gradi Fahrenheit (-31 gradi Celsius), oltre a bufere di neve.

pilota nominato Gunnar Cassone Era a capo della squadra di cani da slitta di Balto. Kaasen ha preso in carico il pacchetto di siero il 25 febbraio a Bluff e ha guidato la slitta a Port Safety, dove l’ultima squadra, guidata dal maresciallo Ed Rohn, avrebbe dovuto prendere il sopravvento nel tratto finale della gara. Kassen arriva prima del previsto e Ron sta ancora dormendo, quindi Kassen decide di risparmiare tempo e correre lui stesso la partita finale, con Balto in testa. Raggiunsero Nome alle 5:30 del mattino successivo e distribuirono fiale di medicinali. La leggenda narra che dopo aver consegnato la medicina, Kassen abbracciò Balto e lo dichiarò “un cane meraviglioso”.

Va notato che c’è qualche dibattito sul fatto che Balto abbia effettivamente guidato la squadra di slittini, data la sua relativa mancanza di esperienza nel ruolo, o se fosse guidato da un altro cane di nome Fox. Le foto e i video storici di Kaasen con Balto in Nome sono state ricreazioni scattate ore dopo il loro arrivo. Ron e molti altri vagabondi credevano che la decisione di Kassen di non svegliare Ron fosse meno altruista di quanto affermasse Kassen – che volesse prendersi tutta la gloria per sé. Anche Seppala era sconvolto dall’improvvisa fama di Balto. Seppala è sempre stato deluso da Balto e si è sentito per il suo cane Andare, che ha guidato per un’altra squadra, meritava lo stesso riconoscimento perché la squadra del Togo aveva sopportato la parte più lunga e pericolosa della gara. (Il Togo alla fine ha ottenuto un Film Disney 2019.)

READ  La scienza dei fiocchi di neve - BBC Ideas
Il Balto condivide un'ascendenza comune con le moderne razze canine artiche e asiatiche.  Non ha antenati lupi distinguibili.
Ingrandire / Il Balto condivide un’ascendenza comune con le moderne razze canine artiche e asiatiche. Non ha antenati lupi distinguibili.

Kathleen Morell

Sfortunatamente, la fama è mutevole e fugace, anche per gli eroici cani da slitta. Balto non poteva essere allevato come allevatore perché era neutro, quindi lui e la sua squadra finirono nel circuito del vaudeville. Alla fine, Kaasen ha venduto i cani al miglior offerente per finanziare il suo viaggio in Alaska. L’ex combattente di Cleveland George Kimble ha incontrato Balto e la sua squadra in catene in un nuovo museo a Los Angeles, dove sono stati maltrattati in condizioni anguste e antigeniche. Un infuriato Kimble organizzò una campagna di successo per raccogliere fondi per portare i cani a Cleveland, dove ricevettero un benvenuto da eroe nel marzo 1927. Balto e gli altri sei cani sopravvissuti della sua squadra vissero allo zoo di Brookside (in seguito Cleveland Zoo Metroparks) per il resto della loro vita.

Balto morì per cause naturali nel 1933 e un tassidermista installò i suoi resti. Da allora è stato esposto al Cleveland Museum of Natural History, a parte un prestito occasionale, in particolare nel 1998 per un soggiorno di cinque mesi all’Anchorage Museum of History and Art. I suoi resti fisici dimostrano l’importanza di questo ultimo studio. “La fama di Balto e il fatto che fosse un tassidermista ci hanno dato questa meravigliosa opportunità 100 anni dopo di vedere come sarebbe stato geneticamente questo gruppo di cani da slitta e confrontarlo con i cani moderni”. ha detto la coautrice Catherine MoonÈ un ricercatore post-dottorato in paleobiologia Università della California, Santa Cruz.

Dopo aver sequenziato il genoma di Balto, Moon e i suoi coautori lo hanno confrontato con 682 genomi esistenti di cani e lupi moderni, nonché con un allineamento di 240 genomi di mammiferi sviluppati dallo Zoonomia Consortium. Questo strumento di allineamento del genoma, sviluppato presso l’Università della California, Santa Cruz, è stato importante per la loro analisi. Un gene su un cromosoma in noi è su un cromosoma completamente diverso in un’altra specie. ha detto la coautrice Beth Shapiro, un biologo evoluzionista all’università. “Hai bisogno di uno strumento in grado di organizzarli in modo da poter dire quali parti di questi genomi sono simili e quali sono diverse. Senza quello, è solo una raccolta di genomi di specie altamente variabili”.

READ  Lo studio ha scoperto che la vita su Marte si sarebbe estinta più di 1,3 miliardi di anni fa
Previsione del tratto di casta Balto basata sulla sua sequenza genomica con dettagli su ogni tratto e genotipo.
Ingrandire / Previsione del tratto di casta Balto basata sulla sua sequenza genomica con dettagli su ogni tratto e genotipo.

Kathleen Morell

I risultati hanno mostrato che Balto era solo in parte husky siberiano, con ulteriori antenati legati a cani da slitta dell’Alaska, cani da villaggio, cani da slitta della Groenlandia e mastini tibetani. La sua popolazione di cani da slitta da lavoro era geneticamente più diversificata rispetto ai moderni Siberian Huskies, e queste varianti genetiche potrebbero essere il motivo per cui Balto e i suoi simili erano così ben attrezzati per prosperare nel duro ambiente dell’Alaska degli anni ’20. Ad esempio, Balto aveva varianti genetiche legate al peso, alla coordinazione, alla formazione delle articolazioni e allo spessore della pelle, secondo Moon. E Balto sarebbe stato in grado di digerire l’amido meglio dei lupi e dei cani da slitta della Groenlandia, anche se non così bene come i cani moderni.

Per una ricostruzione dell’aspetto di Balto, l’analisi delle varianti genetiche rilevanti note era coerente con la bassa statura e le caratteristiche atipiche del mantello di Balto, come mostrato nelle fotografie storiche e nei suoi resti di tassidermia. Il suo cappotto era a doppio strato e per lo più nero, con un po’ di bianco sul petto e sulle gambe. Mentre il genoma di Balto contiene alleli per la pigmentazione chiara e gli occhi azzurri, gli autori hanno affermato che “entrambi erano mascherati dal suo volto melanico”.

“È davvero emozionante vedere l’evoluzione di cani come Balto, anche solo negli ultimi 100 anni”, disse Luna. Questo progetto dà a tutti un’idea di ciò che sta iniziando a diventare possibile man mano che più genomi di alta qualità diventano disponibili per il confronto. È un momento emozionante perché queste sono cose che non abbiamo mai fatto prima. Mi sento un esploratore, e ancora una volta Balto fa da apripista”.

DOI: Scienza, 2023. 10.1126 / Scienza. abn5887 (sui DOI).