Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dopo AstraZeneca e Pfizer, Moderna annuncia la riduzione della fornitura di vaccini

Dopo Pfizer e AstraZeneca, Moderna ha annunciato una riduzione della fornitura di vaccini all’Italia, un paese con una carenza di dosi totale di 300.000.

Dominico Argue, capo dell’Italian Crisis Cell for Epidemics, ha annunciato il 9 febbraio che 132.000 dosi sarebbero arrivate da Moderna invece di 166.000.

Al momento la carenza totale è di 300mila dosi: “L’obiettivo è produrre un vaccino e farmaci in Italia”, scrive Republica.

“Nella settimana del 9 febbraio, delle 166.000 taglie pianificate, Moderna ci ha detto che sarebbero 132.000, il 20% in meno”, ha detto Dominico Arkuri. “La nostra sorpresa, ansia e frustrazione stanno crescendo, con previsioni che vengono corrette quasi ogni giorno. Non abbiamo visto almeno 300.000 dosi del vaccino che avrebbero dovuto esserci e non sono arrivate. Qualcuno ha insistito sul fatto che i ritardi dipendevano da noi alla campagna elettorale. Sono stati ridotti unilateralmente e involontariamente “.

Dal 15 gennaio l’Italia è l’unico Paese europeo ad aver somministrato più vaccini, e ora è accanto a Germania e Turchia.

Arguri ha aggiunto che i fornitori devono rispettare i loro obblighi: “Il vaccino non è una bevanda o uno spuntino, è l’unica medicina alternativa che ci terrà fuori dall’oscurità per un anno. Dall’inizio dell’epidemia, un italiano su 23 è stato colpito. Solo grazie alle misure di isolamento, il tasso di infezione viene mantenuto ”.

In questo contesto, il capo della cellula di crisi ha affermato che l’Italia aveva bisogno di una rete di ricerca più sviluppata che potesse produrre la giusta quantità di vaccini e farmaci per combattere la malattia: “ La scelta non significa che l’Italia non continui a sostenere l’azione comune europea. Si riferisce anche al vaccino Reitora. “

READ  L'ex eurodeputata Marion Slodia, condannata a 8 anni di carcere, si arrende in Italia

Arguri ha detto del futuro “vaccino italiano” che si trattava di un farmaco “molto promettente” e che “sarebbe stato fatto ogni sforzo per richiedere l’accreditamento il prima possibile”.