Febbraio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cugini Italian Imports & Deli chiude i battenti; Il proprietario riflette 10 anni a Walla Walla | un lavoro

Cugini Italian Imports & Deli chiude i battenti;  Il proprietario riflette 10 anni a Walla Walla |  un lavoro

Portando una fetta d’Italia nella periferia di Walla Walla, Cugini Italian Imports & Deli è uno dei preferiti per coloro che desiderano un pasto italiano fatto in casa, cannoli ricoperti di cioccolato o un piccolo assaggio dei sapori del paese.

Recentemente, le rastrelliere piene di olive, pasta e altre prelibatezze si stanno notevolmente assottigliando, e la cassa fredda di salumi e formaggi si sta svuotando senza alcuna intenzione di ricostituirla.

Michelle Martoselli Kildegard, proprietaria di Cugini Italian Imports & Deli, ha affermato che l’annuncio della chiusura del negozio non riflette difficoltà finanziarie o un aumento dell’affitto, ma piuttosto un riflesso dell’esaurimento e della mancanza di tempo.

“Faccio questo lavoro da 10 anni e non sono più giovane”, ha detto Martoselli Kildegard riaprendo la porta di Cougini, riferendosi a un altro cliente. “Non è una scelta facile, ma devo ricordare a me stesso che ho una famiglia. I miei figli sono cresciuti e siamo tutti in un nuovo capitolo.”

Cugini Italian Imports & Deli è un punto fermo di tutto ciò che è italiano dal 2004. Martuscelli Kjeldgaard ha rilevato i fondatori di Cugini, Victor Topano e Don Maiori, dieci anni fa.

“Con l’invecchiamento della società italiana, diventa difficile per i giovani riprendere da dove avevano interrotto”, ha affermato. “C’è questo divario tra i vecchi e i giovani, e penso che in un certo senso abbiamo riempito la via di mezzo.”

Ha detto che la comunità italiana è stata di grande sostegno a Cugini e questo è uno dei motivi per cui il menu scritto a mano appeso sopra la gastronomia non è cambiato in alcune delle sue offerte, come Spumoni, un gelato italiano.

READ  L'Italia chiude il 2022 con un tasso di inflazione da record - Xinhua

“Abbiamo iniziato a fare Spumoni qui per caso, e non abbiamo mai smesso”, ha detto Martoselli Kjeldegard. “Facciamo sempre la nostra festa della tradizione italiana a casa e abbiamo mangiato un sacco di spumoni. L’ho portato al lavoro con me e la gente non ne ha mai abbastanza. Ora penso che sia il piatto forte dei pasti della gente.”

Nel decennio trascorso a cuocere innumerevoli panini e a stratificare tutti gli ingredienti delle lasagne, dice di aver imparato cosa serve per essere un imprenditore: la grinta.

“C’è molto prestigio nel fare quello che facciamo”, ha detto. “C’è anche molto dolore. Mi sono persi molti giochi dei miei figli. Mi sono mancati molte cose nella vita dei miei figli. Mi sono sempre sentito dispiaciuto per questo, ma qualcuno doveva essere qui, e doveva essere. ” “Lo sono perché se va bene è colpa mia, se va male è colpa mia. O dentro o fuori”.

Conto alla rovescia

Quando la notizia della chiusura è arrivata su Facebook, il telefono del ristorante Cojeni non ha smesso di squillare. Il servizio di pranzo e cena è terminato sabato 5 agosto, ma con l’avvicinarsi di quella data, Martuscelli Kjeldgaard ha detto che non potevano nemmeno rispondere al telefono a causa del numero di persone che entravano nel negozio per ordinare panini e pasta.

“Nelle ultime due settimane sono stato completamente sopraffatto dalla loro ospitalità e generosità”, ha affermato Martoselli Kildegard. “Immagino che non ti rendi conto che tipo di famiglia hai creato finché non te ne vai.”

Oltre a non avere abbastanza tempo per separare la famiglia e l’azienda, anche l’economia ha contribuito alla chiusura, ha detto Martoselli Kjeldegard.

READ  L'agente in California ha "fatto qualcosa di giusto" per oltre 100 anni

La pandemia ha mandato in tilt gli imprenditori di tutto il Paese, poiché i cambiamenti nel comportamento dei consumatori e le interruzioni della catena di approvvigionamento fanno aumentare la domanda e i prezzi dei prodotti alimentari.

Come suggerisce il nome, Cugini Italian Imports & Deli riceve gran parte della sua merce dall’estero, cosa diventata difficile durante la pandemia e ancora di più ora che le tariffe di spedizione continuano ad aumentare.

“I prezzi stanno salendo e tutti lo sanno”, ha detto Martoselli Kildegard. “Dall’anno scorso, i prezzi sono raddoppiati. Il trasporto di importazione è terribile. Pago il mio formaggio tanto quanto lo pagherei per la spedizione.

“Dieci anni meravigliosi”

Per ora Cugini chiuderà i battenti, ha detto Martuscelli Kjeldgaard, ma i piani per rimanere chiusi non sono necessariamente fermi.

“Non sappiamo cosa fare”, ha detto. “Non sto dicendo che probabilmente non ci torneremo un giorno, ma dovrei prendermi una pausa.”

Guardando indietro agli ultimi dieci anni, Martuscelli Kjeldgaard porta con sé un’ondata di ricordi mentre ricorda le lunghe giornate trascorse a preparare il negozio per i servizi di pranzo e cena e a disimballare scatole di formaggio, carne e pasta.

“Mi è piaciuto portare un po’ di Italia a tutti in questa comunità”, ha detto. “Sono stati dieci anni meravigliosi.”