Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa sta facendo Ducati per cambiare la storia delle moto moderne?

Cosa sta facendo Ducati per cambiare la storia delle moto moderne?

Al Gran Premio di Francia del mese scorso, più di 278.000 spettatori hanno assistito alla straordinaria gara di Le Mans. Inoltre, ha confermato il dominio di Ducati nel mondo delle corse su due ruote.

La Francia, dove la Ducati ha cinque podi su sei possibili vittorie e due vittorie con Jorge Martin e Marco Bizzicki, è stata anche il trampolino di lancio per la prima motocicletta elettrica del marchio, che servirà da prototipo per il campionato mondiale FIM MotoE.

Il progetto sarà implementato nell’arco di quattro anni e coesisterà con i motocicli a combustione interna.

Il battesimo della V21L a Le Mans ha rappresentato un’altra pietra miliare nella fortunata vita sportiva della casa di Borgo Panigale, che negli ultimi anni ha beneficiato dell’interesse di moto di altissimo livello.

La Ducati ha raggiunto la gloria nel 2022 in MotoGP quando ha vinto le corone piloti, costruttori e team, oltre alle classi WSBK.

Anche nel 2023, l’azienda si sta allontanando un mondo dalla sua filosofia basata sulla fabbrica, tuffandosi nel business della fornitura di energia elettrica.

Allo stesso modo, il 2022 ha segnato l’apice del periodo di boom di Ducati. L’amministratore delegato della Ducati, Claudio Domenicali, ha definito l’evento “l’anno migliore nella storia dell’azienda”.

Quell’anno Ducati raggiunse livelli di vendite senza precedenti e il marchio bolognese superò la barriera del miliardo di euro con 61.562 moto vendute in tutto il mondo, un record per il marchio, anche in località remote come Brunei, Ecuador, El Salvador o Mongolia.

Esiste un impero Ducati? Sinceramente non lo so. Ma stiamo vivendo un momento storico ed è il frutto del duro lavoro di tante persone appassionate”, commenta Roberto Kane, direttore di EMobility in Ducati e responsabile dell’ultimo progetto di motocicletta elettrica” ​​creato dopo una conversazione tra il CEO di Dorna Carmelo Ispeletta con Claudio Domenicali e il Direttore Generale Ducati Gigi Dall Aegina.

READ  L’economia italiana si è contratta nell’ultimo trimestre, gettando un’ombra sulle prospettive

“Un progetto folle realizzato da persone pazze”, scherza Kanye, con l’obiettivo esplicito di “conoscere conoscenze che non avevamo, e chissà se in futuro realizzeremo motociclette elettriche”.

L’argomento per un lavoro ben fatto è rafforzato da un altro collega: “Nel complesso, questa è una situazione che riflette la crescente popolarità di Ducati, sia nel mercato del prodotto che nelle corse.

Jordi Torres, Openbank Aspar Team

Foto di: Gold and Goose / Foto di sport motoristici

“Siamo pionieri in alcuni segmenti di mercato e siamo un riferimento per molti modelli. Non è fortuna, ma il risultato di tanti anni di lavoro” aggiunge Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse.

Tre divisioni lavorano strettamente e congiuntamente: Racing, Product e Research and Development con le ombre di Audi e VW Group.

“Non ho una risposta sicura al 100%, ma penso che le aziende europee abbiano sviluppato moto competitive in MotoGP, e questa è una nuova tendenza”, aggiunge Ciabatti.

Leggi anche:

“In passato, era sempre il contrario: noi europei eravamo gli outsider ei giapponesi erano i dominatori.

“Penso che le capacità tecnologiche con cui abbiamo fatto i conti con la creazione di biciclette da corsa aiutino con un approccio più creativo e meno tradizionale al processo”.

A questo proposito, sostiene Ciabatti, “tempi di risposta più rapidi, produzione e velocità decisionale ci rendono più efficienti”.

Il suo amministratore delegato, Claudio Domenicali, riassume il successo del marchio: “La nostra missione è rappresentare il Made in Italy, il design, l’innovazione e la tecnologia”.

È su questi pilastri che si formano le motociclette moderne. Tanto che l’azienda italiana farà il suo debutto nel motocross nel 2024.

READ  Fia Steak serve una bistecca secca di ispirazione italiana a Santa Monica

Territorio da scoprire per gli italiani che vogliono non solo entrare, ma anche conquistare.