Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fatti: l’Europa sta cercando di mitigare l’impatto degli alti prezzi dell’energia e del gas

22 settembre (Reuters) – Le famiglie di tutta Europa stanno affrontando bollette energetiche significativamente più elevate quest’inverno a causa dell’aumento globale dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità e del gas e gruppi di consumatori hanno avvertito che i più vulnerabili della regione potrebbero essere colpiti di conseguenza. Per saperne di più

I prezzi record del gas in Europa sono aumentati di quasi il 280% finora quest’anno, a causa dei bassi livelli di scorte, dell’aumento della domanda in Asia, dell’impennata dei prezzi del carbonio e delle interruzioni.

I governi di tutta Europa sono sotto pressione per ridurre le bollette energetiche per aiutare le famiglie e le piccole imprese mentre le economie emergono lentamente dalla pandemia di coronavirus. Ecco alcune delle misure che i paesi stanno prendendo in considerazione:

Unione europea

I ministri dell’energia dell’UE si incontrano il 22 settembre per discutere gli aumenti dei prezzi in Europa, mentre un gruppo di legislatori ha chiesto alla Commissione europea di indagare sul ruolo della Gazprom della Russia, affermando che il comportamento dell’azienda li ha fatti sospettare di manipolazione del mercato.

In risposta, Gazprom afferma di fornire ai propri clienti gas nel pieno rispetto dei contratti esistenti. Per saperne di più

Un funzionario dell’UE ha detto ai ministri nazionali il 22 settembre che il braccio esecutivo del sindacato sta lavorando su opzioni per aiutare gli Stati membri a gestire i prezzi record dell’elettricità.

Francia

Il 15 settembre, il governo francese ha annunciato piani per un pagamento una tantum di € 100 ($ 118) ai 5,8 milioni di famiglie che ricevono buoni energetici. Per saperne di più

Germania

I dati pubblicati il ​​20 settembre hanno mostrato che circa 310.000 famiglie tedesche stanno affrontando un aumento dell’11,5% delle bollette del gas, mentre gli esperti di energia hanno avvertito alcuni fornitori di bancarotta a causa di tariffe all’ingrosso record. Per saperne di più

READ  Manchester United, Liverpool e Barcellona sono tra i club che sono entrati a far parte della Premier League europea

Un portavoce del ministero dell’Economia tedesco ha dichiarato il 22 settembre che la Germania non vede la necessità di un intervento del governo per contrastare l’aumento dei prezzi del gas.

In Germania non esiste un prezzo massimo del beneficio. 41,5 milioni di famiglie acquistano la loro energia in un fiorente, ma per lo più incontrollato, settore della vendita al dettaglio che è stato liberalizzato per creare scelta e rompere i monopoli.

Bundesnetzagentur (BNetzA), l’autorità di regolamentazione del paese, ha affermato di non avere il compito di monitorare le strategie di acquisto o i meccanismi di prezzo dei fornitori.

Grecia

Il 14 settembre, la Grecia ha annunciato l’intenzione di fornire benefici alla maggior parte delle famiglie greche entro la fine dell’anno. Ciò includerà un sussidio di 9 euro per i primi 300 kWh consumati al mese, pagamenti una tantum più elevati per i lavoratori a basso reddito e maggiori sconti dalle utenze statali del paese.

Italia

Il 16 settembre il ministro italiano per la transizione energetica ha dichiarato che l’Italia introdurrà misure a breve termine, che potrebbero valere circa 3 miliardi di euro, per compensare il previsto aumento dei prezzi al dettaglio dell’elettricità e lavorerà su una riforma a lungo termine delle bollette elettriche. Di più

Portogallo

Il ministro dell’Ambiente portoghese Joao Matos Fernandez in conferenza stampa Il 21 settembre i prezzi dell’energia elettrica per i consumatori domestici nel mercato vincolato rimarranno fissi nel 2022.

Spagna

La Spagna ha esortato l’Unione europea il 20 settembre a elaborare linee guida per gli Stati membri e ha suggerito misure per ridurre gli speculatori del mercato del carbonio e creare riserve di gas. Per saperne di più

READ  Jeffrey Sachs | Custodia per G21 | Azione

“Abbiamo urgente bisogno di una lista di politiche europee preparata in anticipo per rispondere immediatamente a significativi aumenti dei prezzi”, hanno affermato in un documento inviato alla Commissione il ministro dell’Economia Nadia Calvino e il ministro dell’Energia e dell’Ambiente Teresa Ribera.

Le proposte della Spagna richiedono anche una piattaforma di acquisto del gas in Europa centrale.

La settimana precedente, la Spagna ha approvato misure di emergenza per il taglio delle bollette reindirizzando 2,6 miliardi di euro di profitti straordinari dalle società energetiche ai consumatori e coprendo gli aumenti dei prezzi del gas.

Gran Bretagna

Il 21 settembre il ministro degli affari Kwasi Quarting ha dichiarato che la Gran Bretagna sta valutando la possibilità di fornire prestiti governativi alle società energetiche che accolgono clienti aziendali in bancarotta a causa dell’aumento dei prezzi all’ingrosso del gas naturale.

I funzionari dell’energia e il segretario agli affari hanno affermato il 22 settembre che il balzo senza precedenti dei prezzi all’ingrosso costringerà più fornitori di energia britannici a smettere di lavorare e l’industria deve prepararsi per il dolore prolungato.

L’organizzazione energetica del paese Ofgem ha aumentato le sue tariffe massime più utilizzate del 12-13% da ottobre, dopo averle aumentate ad aprile a causa dei maggiori costi all’ingrosso. Per saperne di più

Scritto da Tommy Lund, Sarah Morland e Dagmarh Makos Montaggio di Nina Chestney e Mark Potter

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.