Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cinque punti salienti quando la leggenda George North si ritira: PlanetRugby

Cinque punti salienti quando la leggenda George North si ritira: PlanetRugby

Warren Gatland ha nominato la sua squadra del Galles che affronterà l'Italia nella fase finale delle Sei Nazioni mentre George North chiude il sipario sulla sua carriera internazionale. Dopo gli annunci, ecco i nostri cinque takeaway.

George North, un'icona del rugby gallese

Il grande uomo ha dovuto iniziare giocando la sua ultima partita di prova. Che giocatore incredibile e che entusiasmante carriera internazionale.

George North è entrato sulla scena internazionale nel 2010, segnando una doppietta al suo debutto a 18 anni al Millennium Stadium contro il Sudafrica.

Anche prima del suo debutto, Norths veniva paragonato alla leggenda degli All Blacks Jonah Lomu, ed è facile capirne il motivo, dato che ha dominato i difensori dell'opposizione fin dalla tenera età e ha ampliato le difese sulla sua scia.

Mentre molti sarebbero crollati sotto la pressione di essere paragonati alla defunta superpotenza All Black, North non lo fece. Ha rapidamente confermato il suo posto in Galles alla Coppa del mondo di rugby 2011. Con questo, è diventato il più giovane marcatore di mete nella Coppa del mondo di rugby 2011. Il suo talento ha brillato nella sua prima serie dei Lions britannici e irlandesi, e a quel punto lo era già. Una delle più grandi ali del gioco e passerà alla storia come il giocatore più giovane a raggiungere 50 e 100 presenze nei test.

North irruppe sulla scena come un'ala rovente, una forza della natura incredibilmente abrasiva e fisica. Ma ciò che lo distingueva davvero dagli altri rispetto a Lomu era il suo insaziabile appetito di modificare e aggiungere al suo già prodigioso talento. La sua adattabilità è una testimonianza della sua resilienza e tenacia.

Man mano che il gioco moderno si adattava e cambiava, North divenne un giocatore tecnicamente più abile poiché faceva meno affidamento sul suo corpo e sulla velocità. Ciò alla fine ha portato a uno spostamento verso i centri nelle ultime fasi della sua carriera internazionale, e pochi giocatori sono in grado di cambiare posizione così tardi nella loro carriera, ma North ha preso la decisione con calma e ha prosperato nel suo ruolo. Giù nel Jersey nonostante la concorrenza agguerrita.

READ  Bargolana55 inizia a Trieste, Italia • Vela in diretta

Molti ricorderanno North come la giovane ala dei Lions che portava in spalla il terzino dei Wallabies Israel Fola e correva con lui, ma i suoi momenti salienti sembrano non finire mai, anche se potrebbe non diventare uno dei più grandi di tutti i tempi. Come Lomu, è senza dubbio uno dei migliori giocatori che il Galles abbia mai prodotto o produrrà.

Sabato guadagnerà la sua 121esima presenza nei test mentre dice addio al rugby gallese prima di un viaggio in Francia e ha la possibilità di raggiungere la sua 50esima meta internazionale, che lo porterebbe al livello di Rory Underwood per il sesto miglior marcatore di mete in storia del rugby internazionale.

Anche se non ha catturato Shane Williams (60), North si è ritirato con un sensazionale curriculum internazionale, avendo partecipato a due tour dei Lions britannici e irlandesi e vinto quattro titoli delle Sei Nazioni e due Grandi Slam. Una vera icona del rugby gallese e riceverà un entusiasmante saluto davanti al pubblico di Cardiff.

La leggenda del Galles George North cala il sipario su una carriera internazionale

Warren Gatland si ritira

Warren Gatland, allenatore del Galles, prima della partita del Guinness Six Nations allo stadio di Twickenham a Londra.  Data del film: sabato 10 febbraio 2024.

Possiamo solo supporre che Gatland fosse a conoscenza del piano di North di interrompere la sua carriera internazionale questa settimana e gli abbia concesso una settimana di riposo in più dopo l'estenuante test contro l'Irlanda, permettendogli di riposarsi per un adeguato e rinfrescante saluto. Anche così, l'allenatore del Galles è tornato nella stessa squadra che aveva battuto l'Irlanda 31–7.

Taffyd Jenkins ritorna in seconda fila, Alex Mann torna sul plainside flanker e Nick Tompkins torna al centro interno. Nel frattempo, Dillon Lewis parte con l'elica tesa al posto di Keiron Ascirati.

READ  L’accordo sul GNL dell’Italia con il Qatar mostra quanto sia difficile uscire dal gas

La scorsa settimana il gruppo di attaccanti titolari ha retto contro la Francia, ma il Galles è stato polverizzato nell'ultimo quarto, motivo per cui Will Rowlands è sceso in panchina con una testa fresca ed esperta. .

Sembra essere la migliore squadra del Galles al momento ed è vicina a un XV titolare che spingerà Scozia e Inghilterra fino in fondo nelle prime fasi del torneo.

Sostituti inesperti

La tranquillità di questa squadra gallese è stata ben documentata in tutto il Sei Nazioni, ma il foglio finale della squadra di Gatland è un altro duro promemoria.

Il XV iniziale ha 577 test cap, 457 se si esclude il Nord; Una media di 38 presenze per giocatore. In panchina, invece, la media scende a nove. Rowlands e Kieran Hardy rappresentano più della metà delle 72 presenze della panchina, per un totale di 52: solo un altro giocatore è in doppia cifra.

Le squadre vengono spesso ricostruite dopo la Coppa del mondo di rugby, ma per il Galles e il Gatland questo è un compito enorme perché non esiste nemmeno una base con cui iniziare. Una campagna senza vittorie si conclude con il Galles e il primo cucchiaio di legno in 21 anni, ma ci sono ragioni chiare per il loro declino. L'esperienza nel rugby internazionale è importante; Ora, il Galles non ne ha molto.

Permutazioni del Sei Nazioni: l'Inghilterra vince più partite dell'Irlanda finendo seconda e un posto storico attende l'Italia

Preoccupazioni prioritarie

Dopo la dura battaglia a cinque contro la Francia della scorsa settimana, il Galles avrà di nuovo preoccupazioni.

Anche se hanno dimostrato di avere giocatori internazionali nel XV titolare, e con l'impressionante giovane Jenkins in testa alla squadra, avranno sicuramente bisogno di approfondire il gioco. Una situazione tutt'altro che ideale, visto che l'Italia non ha esitato a cambiare la formazione titolare all'inizio del secondo tempo.

READ  Contenuti e onestà sono importanti per calmare la tensione dell'East Med: ambasciatore italiano

Tuttavia, il Galles non può permettersi questo lusso, con due presenze nei Test tra i tre sostituti in prima fila, con il pilone di Scarlets Harry O'Connor al suo debutto.

Gatland farà pressione su giocatori del calibro di Gareth Thomas, Elliot Dee e Dillon Lewis affinché rimangano in lizza il più possibile per evitare un altro rullo compressore nelle ultime fasi. Non è un'impresa da poco per i giocatori nominati in panchina, ma, ripeto, l'esperienza è più importante nel Test rugby, soprattutto nel tight five.

Arrendersi all'impensabile

Grandi sfide o meno, finire ultimo nel Sei Nazioni senza vincere è stata ovviamente una stagione disastrosa per il Galles, soprattutto da quando Gatland ha ripreso la guida della squadra nel 2007.

Nel 2019, dì a un tifoso gallese che avrebbero finito il Sei Nazioni senza una vittoria sotto Gatland e ti avrebbero riso in faccia, ma questa è la realtà che devono affrontare questo fine settimana.

Forse è una buona cosa? Forse un Sei Nazioni disastroso metterà davvero in azione la Welsh Rugby Union e le farà capire che non possono permettere che il tipo di talento a cui attualmente consentono di lasciare le loro squadre regionali. Se non riescono a catturarli, il passo successivo dovrebbe essere quello di allentare la loro politica di selezione. È un azzardo, ma forse.

Possiamo sperare che questo sia un ostacolo nello sviluppo del Galles e che le Sei Nazioni abbiano messo insieme alcune basi che devono essere ricostruite, ma come vi diranno i tifosi, è la speranza che uccide.

Per saperne di più: “Fermiamoci qui”: la dura risposta del Ct dell'Inghilterra dopo la rivendicazione dell'Irlanda di Sir Clive Woodward