Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Analisi: Rischi elettorali? Non c’è bisogno di preoccuparsi per gli investitori obbligazionari italiani e francesi

Il Primo Ministro italiano Mario Draghi si rivolge alla Camera dei Deputati a Roma, 11 gennaio 2022. REUTERS/Remo Caselli/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Elezioni presidenziali in Italia e elezioni in Francia incombenti
  • Spread obbligazionari come cuscinetto per un minor rischio di disintegrazione dell’eurozona
  • Forte contrasto con il 2017-2018

MILANO (Reuters) – La calma del mercato obbligazionario di fronte a un possibile rimpasto di governo in Italia e alle elezioni francesi di aprile dimostra, se necessario, che la solidarietà europea durante la pandemia ha quasi spazzato via l’euro. rischi di disgregazione.

Il periodo che ha preceduto questi eventi è molto diverso dal 2017 e dal 2018, quando la prospettiva di una presidenza francese di estrema destra e scettica verso l’UE e gli scontri dei politici italiani con Bruxelles rispettivamente hanno acceso l’eurozona.

I timori di Frexit e Quitley – il rischio che questi paesi abbandonino la moneta unica, causando la disintegrazione del blocco – sono stati forti anche sulla scia del referendum shock della Gran Bretagna sulla Brexit nel 2016.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma le elezioni presidenziali francesi di aprile non sono nel radar, nonostante la possibilità che un candidato di estrema destra raggiunga il secondo turno.

I mercati sono anche per lo più innervositi dalle elezioni presidenziali italiane iniziate il 24 gennaio, che potrebbero vedere il primo ministro Mario Draghi diventare presidente e forse innescare elezioni anticipate che potrebbero portare a una coalizione divisa.

L’attenuarsi dei timori di una rottura dell’eurozona questa volta riflette un cambiamento nella retorica dopo che la pandemia ha messo in evidenza i vantaggi dell’appartenenza al blocco per le nazioni più indebitate.

READ  Cristiano Ronaldo torna al Manchester United

“La retorica anti-euro non è più comune dopo la pandemia e il NGEU”, ha affermato Mauro Valli, portfolio manager di General Investment Partners, riferendosi al fondo di recupero dell’UE istituito nel 2020 per erogare fino a 800 miliardi di euro (917,44 dollari). miliardi) agli Stati membri.

Con il voto presidenziale italiano incombente, il rendimento italiano al di sopra del benchmark regionale tedesco – la domanda più esigente degli investitori per l’esposizione all’Italia, la seconda economia più grande dell’eurozona – si è ampliato a circa 140 punti base, in aumento di 10 punti base dalla fine di novembre.

Ma è meno della metà di quello che era nell’ottobre 2018.

Allo stesso modo, gli spread francesi, che hanno superato gli 80 punti base all’inizio del 2017, sono ora intorno ai 30 punti base.

“Su una scala da 1 a 10, dove 10 è il più in preda al panico, penso che probabilmente siamo ancora intorno a 1 o 2”, ha affermato lo stratega di UBS Rohan Khanna.

“Per quanto riguarda l’Italia… sono appena iniziate le domande su come coprire questi rischi (politici)”, ha detto Khanna.

Khanna ha detto di aver risposto ad alcune domande dei clienti l’anno scorso sui rischi francesi, ma da allora quelle domande sono tornate indietro, forse a causa della perdita di forza delle campagne di estrema destra.

Sebbene i rendimenti italiani e francesi siano aumentati dall’inizio di dicembre e gli spread italiani sulla Germania si siano ampliati, ciò fa parte di un rally generalizzato guidato dall’aumento dei costi finanziari in tutto il mondo e dall’imminente rallentamento degli acquisti di obbligazioni della BCE.

READ  Lo scafo basato sui dati si stabilisce come leader della partnership regionale di Roanoke | attività locale

Quindi, mentre nel 2017 e nel 2018 gli spread franco-tedeschi e italo-tedeschi sono aumentati rispettivamente di circa 50 punti base e 180 punti base, la maggior parte degli investitori intervistati da Reuters si aspetta non più di 20-25 punti base dagli spread italiani durante il voto su un nuovo presidente e sulla sua scia.

Si prevede che anche gli spread francesi si muovano modestamente e un sondaggio della Deutsche Bank a dicembre ha rilevato che solo l’1% degli intervistati prevede che le elezioni saranno un evento importante per i mercati finanziari.

FR-DE Spread
Informatica / DEspread

E non vi è alcuna indicazione che qualsiasi offerta di sicurezza abbia causato un impeto nelle obbligazioni tedesche, poiché i rendimenti sono aumentati in linea con altrove.

Euro fiducia

Qualsiasi elezione comporta dei rischi e, per Mike Riddell di Allianz Global Investors, è un motivo per vendere obbligazioni italiane e francesi “non perché pensiamo che ci saranno enormi interruzioni, è solo perché c’è un rischio così piccolo che avranno un prezzo” .

I sondaggi stessi potrebbero offrire un po’ di sollievo agli investitori, con l’ultimo in Francia che mostra che nessuno dei candidati di estrema destra potrebbe arrivare al secondo turno, il che significa che la conservatrice Valérie Pécres potrebbe invece affrontare il presidente in carica Emmanuel Macron. Per saperne di più

Ma il cambiamento più grande questa volta è che i politici di estrema destra in generale hanno mitigato lo scetticismo sull’euro, osserva Valli di General Investment Partners, che pesa pesantemente sulle obbligazioni italiane e vede qualsiasi vendita come un’opportunità per aumentare gli accantonamenti.

La creazione dell’EU Recovery Fund, in particolare, rappresenta un punto di svolta per l’UE, consentendo prestiti congiunti su una scala inimmaginabile nelle crisi precedenti.

READ  Gli Howdy Awards selezionano i finalisti per i servizi di qualità a Greater Springfield

La pandemia ha anche aiutato la Germania ad accettare la necessità di aumentare la spesa e l’indebitamento congiunti; Un nuovo governo guidato dai socialdemocratici ha segnalato la sua apertura alla riforma delle regole di spesa nell’eurozona, attualmente sospese. Per saperne di più

L’Italia, dove il leader di estrema destra Matteo Salvini ha attaccato gli investitori obbligazionari definendoli “padroni dello spread”, è il principale beneficiario del fondo e della decisione dell’Unione Europea di sospendere le regole del debito.

Riceverà fino a 205 miliardi di euro dal fondo tramite prestiti e sovvenzioni, che Khanna di UBS ha descritto come un “regalo di benvenuto” per qualsiasi nuovo leader italiano e un forte incentivo a rimanere in buoni rapporti con il blocco.

“Non possono farne a meno”, ha aggiunto.

(1 dollaro = 0,8720 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Stefano Ribaudo e Yorok Bahceli) Montaggio di Sujata Rao e Susan Fenton

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.