Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le imprese domestiche italiane si stanno preparando a costi di spedizione più elevati

Le imprese domestiche italiane si stanno preparando a costi di spedizione più elevati

Milano Gli effetti degli attacchi nel Mar Rosso si sono ripercorsi in tutto il mondo e le aziende italiane dell'industria dei mobili di fascia alta e della casa stanno iniziando a considerare le loro opzioni.

All’inizio di questa settimana, il Fondo Monetario Internazionale ha riferito che al 21 gennaio, il volume cumulativo delle spedizioni in 10 giorni attraverso il Canale di Suez era diminuito di quasi il 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Dopo gli attacchi guidati dagli Houthi nel Mar Rosso A bordo delle navi delle principali compagnie di navigazione internazionali come MSC, Maersk, CMA CGM e Hapag-Lloyd, merci provenienti da tutto il mondo vengono trasferite in Sud Africa, sotto e attorno al Capo di Buona Speranza.

L’Italia, l’ottavo esportatore mondiale e il fulcro delle aziende di mobili e decorazioni di lusso, sta cominciando a rendersi conto dell’impatto che la lotta avrà per far arrivare le sue merci ai mercati chiave del Medio Oriente e dell’Asia. Secondo un rapporto pubblicato dalla Banca d'Italia (la banca centrale italiana) il 19 gennaio, circa un terzo delle importazioni di moda del Paese, compresi componenti come tessuti e pelle, passano attraverso il Canale di Suez. Il settore dell’arredamento non è da meno: circa il 15% di tutti i prodotti di arredamento, ceramica, vetro e legno fanno lo stesso viaggio.

Design Italy, che è stata in prima linea nel boom dell’e-commerce di mobili, ha affermato che la crisi finora ha avuto un impatto limitato sul settore del design di fascia alta. Fondata nel 2019, l'azienda rappresenta 140 marchi, tra cui Cassina, Poltrona Frau e Driade, e spedisce merci in più di 100 paesi.

READ  City Square Steakhouse è un piccolo progetto per quest'anno

Roberto Ferrari, fondatore e amministratore delegato di Design Italy, è noto per la sua esperienza nella guida di aziende italiane nello spazio digitale attraverso il suo lavoro come investitore, consulente e responsabile della tecnologia digitale e dell'innovazione presso la banca commerciale Mediobanca. Un ulteriore vantaggio, ha spiegato, è che l’industria del lusso non dipende dall’approvvigionamento di materie prime dalla Cina, anche se le aziende si stanno preparando a sostenere costi di spedizione più elevati per le esportazioni nel breve termine.

“Nel medio termine, dobbiamo sapere se la crisi durerà a lungo e come saranno influenzati la rete logistica internazionale e l’intera rete della catena di fornitura, traducendosi così in tempi di produzione e spedizione più lunghi e possibilmente in costi più elevati”, ha disse.

Roberto Ferrari, amministratore delegato di Design Italia.

Per gentile concessione di DesignItalia

Nel suo ultimo aggiornamento delle prospettive economiche regionali per il Medio Oriente e il Nord Africa, pubblicato mercoledì, l’FMI ha affermato che l’aumento dei costi è già una realtà: “I costi di trasporto per le rotte tra Europa/Mediterraneo e Cina sono aumentati di oltre il 400% da metà novembre.” Novembre”. Ciò probabilmente riflette una combinazione di crescenti costi assicurativi tra maggiori rischi per la sicurezza e maggiori costi di trasporto associati a rotte di spedizione più lunghe.

Artemest, una destinazione online con oltre 50.000 prodotti di 1.400 artigiani, ha affermato che il piano di emergenza è già diventato realtà. L'azienda è stata fondata dalla designer di gioielli Ippolita Rostagno, direttore creativo di Artemest, e dall'amministratore delegato Marco Credendino nel 2015. Le merci destinate al Medio Oriente e all'Asia verranno indirizzate verso l'Africa meridionale via mare e/o via aerea, ha affermato Credendino. .

“Artemest gestisce spedizioni/logistica globale per i nostri 1.400 artigiani e produttori. Al momento, la crisi del Canale di Suez rimane sotto controllo. “Ci stiamo avvicinando alla crisi in due modi diversi: il costo del trasporto marittimo e il tempo necessario è aumentato in modo significativo, ma quando possibile”, ha affermato Credendino, spediamo ancora via mare”. Il trasporto aereo viene utilizzato quando c'è una scadenza ravvicinata per i propri clienti che utilizzano partner logistici globali.

ARTIMISTA

Artemis Galleria di New York.

Per gentile concessione di ArteMist

Al World Economic Forum tenutosi il mese scorso a Davos, in Svizzera, gli attacchi Houthi al traffico marittimo commerciale erano al centro dell'attenzione, con Jesper Brodin, CEO di Ingka Group, che possiede la maggior parte dei negozi IKEA in tutto il mondo, affermando che il rivenditore avrebbe continuato a ridurre… Prezzi nonostante le interruzioni della spedizione, ha riferito Reuters.

In un rapporto di ricerca azionaria di Jefferies, gli analisti hanno affermato che mentre IKEA sta valutando la possibilità di fornire opzioni di routing, ritardi e vincoli di disponibilità per alcuni prodotti sono inevitabili. “Ikea ha generato 6,3 miliardi di dollari di vendite negli Stati Uniti durante i 12 mesi terminati ad agosto 2023 in più di 50 negozi e siti di e-commerce. “Date le sue dimensioni, i tempi di transito saranno avvertiti da una serie di clienti IKEA”, ha affermato Jeffries esaminando le aziende Gli analisti hanno scoperto che le principali società quotate come Hooker Furniture, Bernards Furniture e A-America Furniture stanno già iniziando a vedere gli effetti dei costi dei container e dell'aumento dei prezzi.

Nel complesso, “gli investitori dovrebbero aspettarsi livelli di scorte temporaneamente più elevati a causa dei ritardi di transito e dei maggiori costi del trasporto aereo, ma pochi dirigenti hanno citato la materialità”, ha continuato Jefferies.

Mentre i leader del settore monitorano la situazione, anche le aziende si preparano a un ulteriore aumento dei costi energetici. La Banca d'Italia ha affermato che i prodotti petroliferi grezzi, il petrolio raffinato e la lavorazione dei metalli rappresentano quasi il 30% degli acquisti del Paese dall'estero.

“Se il rischio di attacchi alle navi commerciali resta elevato anche nei primi mesi del 2024, la necessità di tracciare rotte alternative comporterà un allungamento dei tempi di consegna delle merci importate via mare dall’Asia (con conseguenti ricadute sulle catene produttive) e in banca ha detto: Un altro aumento dei noli marittimi.

Carlo Urbinati, fondatore e presidente dell'azienda veneta di illuminazione di fascia alta Foscarini, ha commentato che l'impatto sugli esportatori italiani e sulle aziende di beni di lusso sarà simile all'impatto della pandemia di Covid-19 sulle piccole e medie imprese che producono la spina dorsale dell’azienda italiana.

“Ciò avrà un impatto sui costi, sulla disponibilità e sui tempi, proprio come abbiamo visto con la pandemia, in un modo o nell'altro. E come abbiamo visto con la pandemia, i costi sono andati fuori controllo.”