Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vodafone vende la sua filiale italiana a Swisscom per 8,7 miliardi di dollari

Vodafone vende la sua filiale italiana a Swisscom per 8,7 miliardi di dollari

L'immagine è stata utilizzata a scopo illustrativo.

La società britannica di telefonia mobile Vodafone ha confermato venerdì che venderà le sue attività italiane alla società svizzera Swisscom per 8 miliardi di euro (8,7 miliardi di dollari) e restituirà metà del ricavato ai suoi azionisti riacquistando le azioni della società.

Vodafone ha affermato che la mossa, con i colloqui annunciati per la prima volta il 28 febbraio, rappresenta una “valutazione interessante” e rappresenta l’ultimo passo nella sua strategia di vendita di parti del suo portafoglio europeo.

Swisscom, un'azienda di telecomunicazioni, pagherà in contanti, che finanzierà con nuovo debito. L'obiettivo è integrare l'acquisizione con Fastweb, la filiale italiana dell'azienda.

L’accordo aiuterebbe a sbloccare 600 milioni di euro di risparmi e consentirebbe all’entità combinata di mantenere gli investimenti e fornire servizi migliori.

«La logica industriale di questa fusione è molto forte», afferma Christoph Aeschlimann, CEO di Swisscom. “Fastweb e Vodafone Italia sono particolarmente adatte a creare un elevato valore aggiunto per tutti gli stakeholder”. Nell’ambito dell’accordo, che dovrebbe essere concluso entro la fine del primo trimestre del 2025, le due società hanno concordato che Vodafone continuerà a fornire “determinati servizi” a Swisscom nei prossimi cinque anni. Swisscom pagherà una quota annuale iniziale di 350 milioni di euro, che dovrebbe diminuire nel tempo.

Vodafone ha aggiunto che le due società stanno anche esplorando un rapporto commerciale più stretto per consentire la collaborazione in una vasta gamma di aree, al di fuori dell'Italia. L'amministratore delegato di Vodafone, Margherita Della Valle, ha affermato che la vendita “crea un valore significativo per Vodafone e garantisce che l'azienda mantenga la sua posizione di leader in Italia”. Vodafone sta cercando di fornire liquidità e migliorare la propria performance finanziaria vendendo parti della propria attività, inclusa la filiale spagnola, dopo aver precedentemente concluso accordi per la vendita delle proprie divisioni in Ungheria e Ghana.

READ  Crisi energetica: la metà dei paesi della zona euro è in recessione, prevede il capo del FMI

I mercati sembrano aver accolto favorevolmente l'operazione, visto che le azioni Vodafone hanno chiuso in rialzo del 5,7% a Londra, mentre le azioni Swisscom hanno chiuso in rialzo del 4,9% a Zurigo. “L’attività italiana di Vodafone è in difficoltà, quindi perdere quel peso aiuterebbe il gruppo a rifocalizzarsi”, ha affermato Sophie Lund-Yates, analista azionario senior presso la società di intermediazione Hargreaves Lansdowne. “L'attenzione si sposterà ora sull'efficacia con cui Vodafone può utilizzare le proprie risorse per risolvere sfide più ampie, tra cui l'aumento del debito, dei costi e una certa maggiore concorrenza. La sua strategia aggiornata ha visto anche il tentativo di fondere le sue attività nel Regno Unito con Three UK per creare la più grande rete mobile britannica del valore di circa 15 miliardi di sterline (19 miliardi di dollari). L'unione proposta dovrà affrontare il controllo normativo sulle preoccupazioni relative alla concorrenza.

Consenso del G7 sull’intelligenza artificiale: i ministri del G7 hanno raggiunto a Verona, in Italia, un consenso storico sul cruciale dibattito globale sull’intelligenza artificiale. Nell’ambito del quadro “Sviluppo digitale – Crescere insieme”, i paesi del G7 hanno riconosciuto la necessità di lavorare in collaborazione con i paesi in via di sviluppo per rafforzare gli ecosistemi locali di intelligenza artificiale digitale, secondo il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

Il rapporto afferma che, attraverso la cooperazione con il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, la presidenza italiana del G7 ha sostenuto la necessità di nuovi partenariati multilaterali per migliorare l’impatto locale nei paesi in via di sviluppo. Le aree chiave includono la democratizzazione della potenza di calcolo, lo sviluppo di modelli di dati aperti e sicuri e il miglioramento delle capacità di promuovere l’intelligenza artificiale per lo sviluppo sostenibile. Questi mirano a garantire che l’accesso all’IA sia equo, inclusivo e responsabile, sostenendo così uno sviluppo e una diffusione sicuri e affidabili.

READ  Hart House at Deer Lake offre una lista dei migliori ristoranti

“In linea con il Piano Mattei Italia-Africa, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy è grato di aver raggiunto questo consenso sullo sviluppo digitale nella Riunione Ministeriale del G7. Cooperazione con l'Africa – governi e settore privato, comprese Startup e Industrie – ha rafforzato la nostra determinazione a democratizzare le risorse di intelligenza artificiale e a “seguire le chiacchiere”.

In un anno ricco di sviluppo digitale, la Presidenza italiana del G7 e la Presidenza brasiliana del G20 stanno rafforzando i dialoghi e le azioni, identificando l’AI come una priorità comune per lo sviluppo sostenibile.

“La Presidenza brasiliana del G20 si congratula con l'Italia per il consenso raggiunto a Verona. In linea con il nostro tema del G20 di mobilitare l'azione per un mondo giusto e un pianeta sostenibile, non vediamo l'ora di lavorare con i paesi del G7 e gli altri partner del G20 per portare avanti la nostra priorità sull'intelligence La tecnologia artificiale per promuovere lo sviluppo sostenibile e ridurre le disuguaglianze, ha affermato l’ambasciatore Luciano Maza de Andrade, presidente del gruppo di lavoro sull’economia digitale del G20 in Brasile.