Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Analisi: perché noi? L’Italia sta cercando una via d’uscita dalla trappola dell’economia a basso salario

  • L’Italia è l’unico paese europeo in cui i salari sono diminuiti dal 1990
  • Ha cercato di competere con l’Asia tagliando i costi
  • La maggior parte dei nuovi posti di lavoro hanno contratti a tempo determinato ea bassa retribuzione
  • Il paese non ha un salario minimo

ROMA (Reuters) – Diana Parini ha lasciato il mese scorso il lavoro di cameriera in una località alpina italiana perché stanca di paga e condizioni: otto euro l’ora, sei dei quali pagati in contanti senza cure. o contributi pensionistici.

Barini, 44 anni, laureato in lingue moderne, è tornato nella sua città natale, Milano, per lavorare come allevatore di cani.

Milioni di altri hanno storie simili in Italia, dove gran parte del lavoro non è regolamentato – solo in Europa – la crescita salariale è rimasta stagnante per 30 anni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Con l’aumento dei prezzi al consumo in tutta la zona euro, ci sono indicazioni che anche i salari stiano aumentando, ma non in Italia, la terza economia del blocco.

I salari negoziati nell’area della moneta unica sono aumentati del 2,8% nel primo trimestre dell’anno precedente, trainati da guadagni del 4% in Germania. In Italia sono aumentati solo dello 0,6%.

Lo stile è familiare. I dati dell’OCSE sui salari aggiustati per l’inflazione in 22 paesi europei mostrano che tra il 1990 e il 2020 i salari sono aumentati del 6% in Spagna e di oltre il 200% negli Stati baltici.

L’Italia è stato l’unico Paese in cui i salari sono diminuiti, registrando un calo del 3%.

Dati OCSE

I dati dell’OCSE hanno acceso un acceso dibattito sulla “questione salariale” (la questione salariale) – o sul perché l’Italia non sia stata in grado di creare posti di lavoro stabili e ben pagati.

READ  Cristiano Ronaldo: il Manchester City è in trattative per firmare l'attaccante della Juventus prima della chiusura del mercato | notizie di calcio

Gli economisti affermano che la risposta risiede in un circolo vizioso di sottoinvestimenti, in particolare nell’istruzione e nella tecnologia, bassa produttività e debole espansione economica. E ha radici profonde.

“Abbiamo scelto il modello di crescita sbagliato negli anni ’80”, afferma Francesco Saraceno, professore di economia all’Università Louis and Sciences-Po di Parigi.

“Per rispondere alla globalizzazione, abbiamo cercato di competere con i mercati emergenti tagliando i costi piuttosto che seguire l’esempio tedesco di investire in una produzione di alta qualità. Questo significa mantenere bassi gli stipendi”.

Problema di produttività

L’Italia è stata la più lenta tra le 19 economie della zona euro da quando la moneta unica è stata lanciata nel 1999. La produttività del lavoro, misurata all’incirca come produzione per ora lavorata, è aumentata solo del 13% dal 1995, secondo la Banca d’Italia, rispetto al 44% in Germania.

Dietro questi numeri si nasconde una rete di problemi che include una popolazione che invecchia rapidamente e una forza lavoro poco qualificata. Leggi di più

Entrando nell’eurozona, l’Italia ha anche perso la rapida soluzione di poter svalutare la propria valuta per rimanere competitiva.

La grande economia sommersa fa parte del quadro. Alcuni italiani, soprattutto nel sud più povero, aumentano i posti di lavoro regolari con un lavoro occasionale che non compare nelle statistiche salariali ufficiali, di solito con un salario inferiore.

Barini, un appassionato scalatore, trascorse diversi inverni lavorando nelle località alpine. Come molti lavori nel settore dell’ospitalità, sono stati tutti pagati almeno in parte “in contanti”.

Le riforme a partire dagli anni ’90 hanno parzialmente liberalizzato il mercato del lavoro italiano, ampliando la gamma di contratti a tempo determinato a basso salario che rappresentano oggi la maggior parte dei nuovi posti di lavoro.

READ  Anand Mahindra trova un film chiamato "Omicron" in cui la nuova variante di Covid sta causando preoccupazione. vedi post
Ad aprile il numero dei lavoratori temporanei ha superato i 3,15 milioni

Ad aprile il numero dei lavoratori temporanei ha superato i 3,15 milioni, il numero più alto dal 1977.

Tito Boeri, economista del lavoro all’Università Bocconi di Milano, afferma che il mercato del lavoro italiano è disfunzionale tra lavoratori per lo più protetti assunti prima delle riforme e lavoratori a basso salario assunti dopo.

“Il vero problema è che è molto difficile per le persone passare da contratti temporanei a contratti a tempo indeterminato”, ha affermato.

salario più basso? No grazie

L’Italia è uno dei soli sei paesi dell’Unione Europea che non hanno un salario minimo legale e ha una delle percentuali più alte di “lavoratori poveri” con salari inferiori al 60% della media.

Tuttavia, quando la scorsa settimana l’Unione Europea ha approvato una direttiva che stabilisce regole comuni per i salari minimi e affronta l’abuso del lavoro e la povertà sul lavoro, ha incontrato una tiepida accoglienza in Italia. Leggi di più

Molte aziende, sostenute da partiti di destra, temono l’aumento dei costi, mentre i sindacati rifiutano qualsiasi interferenza nel processo di contrattazione salariale e sostengono che il salario potrebbe di fatto scendere verso il minimo legale.

Boeri ha criticato la posizione sindacale definendola “questione di forza”, affermando che con milioni di italiani esclusi dalla contrattazione collettiva “l’attuale sistema non funziona”.

Alcuni datori di lavoro lamentano che il programma di riduzione della povertà del “salario di cittadinanza”, che offre circa 450 euro al mese – circa il 25% del salario medio in Italia – ai disoccupati, renda loro impossibile trovare dipendenti.

«Quando cerchiamo i giovani che diano loro un lavoro, abbiamo un grande concorrente: la paga dei cittadini», dice Carlo Bonomi, capo della lobby dei datori di lavoro di Confindustria.

READ  L'UE dovrebbe concordare un tetto massimo al prezzo del gas il prima possibile, afferma Di Maio

Questo esemplifica la difficile situazione dell’Italia, dice il professore di economia Saraceno: “Significa che alcune aziende pensano che 500 euro al mese siano un buon stipendio, il che è assurdo”.

Per invertire questa situazione, Saraceno afferma che l’Italia deve spostare il carico fiscale dagli stipendi agli affitti e alla ricchezza, lanciando al contempo un programma di investimenti pubblici a lungo termine.

Ha affermato che circa 200 miliardi di euro (208,36 miliardi di dollari) di fondi dell’UE per la ripresa dalla pandemia che Roma dovrebbe ricevere fino al 2026 è un’enorme opportunità, consentendo all’Italia di adottare riforme aumentando la spesa anziché ridurla come in passato.

Funzionari hanno detto a Reuters che il governo di Mario Draghi sta valutando misure a breve termine per ridurre il cosiddetto cuneo fiscale, la differenza tra ciò che paga un datore di lavoro e ciò che riceve un lavoratore.

Boeri afferma che la priorità dell’Italia dovrebbe essere le riforme per aumentare la concorrenza nel settore dei servizi e migliorare il sistema di giustizia civile e la burocrazia statale, ma vede pochi progressi.

“Il governo di unità nazionale ha approvato riforme che ci consentano di crescere in modo significativo? Sfortunatamente, non è così”, ha affermato.

(1 dollaro = 0,9599 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ulteriore segnalazione di Emilio Parodi a Milano. Montaggio di Catherine Evans

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.