Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio di Yale collega gli atteggiamenti positivi al recupero cognitivo

Uno studio di Yale collega gli atteggiamenti positivi al recupero cognitivo

Un nuovo studio ha rilevato che gli individui più anziani con decadimento cognitivo lieve (MCI) avevano il 30% in più di probabilità di riacquistare la normale cognizione se avevano convinzioni positive sull’invecchiamento, rispetto a quelli con convinzioni negative, accelerando anche il loro recupero fino a due anni.

Una ricerca condotta dalla Yale School of Public Health ha scoperto che le persone anziane con decadimento cognitivo lieve (MCI), una forma prevalente di perdita di memoria, avevano una probabilità maggiore del 30% di riacquistare le normali capacità cognitive se avevano atteggiamenti positivi sull’invecchiamento della loro vita . Background culturale, a differenza di quelli con atteggiamenti di invecchiamento negativi.

Inoltre, i ricercatori hanno stabilito che queste opinioni positive sull’invecchiamento hanno anche facilitato i partecipanti allo studio a riguadagnare le proprie capacità cognitive fino a due anni prima rispetto a quelli con convinzioni pessimistiche sull’invecchiamento. Questo beneficio per il recupero cognitivo è stato osservato indipendentemente dalla gravità basale dell’MCI.

“La maggior parte delle persone presume che non ci sia recupero dall’MCI, ma in realtà la metà di coloro che lo sperimentano guarisce. Non si sa molto sul motivo per cui alcuni si riprendono mentre altri no. Ecco perché abbiamo esaminato le convinzioni positive sull’età, per vedere se aiuterebbe a fornire una risposta”.

Levy ha ipotizzato che le convinzioni positive sull’età possano svolgere un ruolo importante nel recupero cognitivo perché i suoi precedenti studi sperimentali con gli anziani hanno scoperto che le convinzioni positive sull’età riducono lo stress da sfide cognitive, aumentano la fiducia in se stessi riguardo alla percezione e migliorano le prestazioni cognitive.

Il nuovo studio è il primo a trovare la prova che un fattore basato sulla cultura – credenze positive per l’età – contribuisce al recupero dal lieve deterioramento cognitivo (MCI). Lo studio è stato pubblicato in

Older persons in the positive age-belief group who started the study with normal cognition were less likely to develop MCI over the next 12 years than those in the negative age-belief group, regardless of their baseline age and physical health.

The National Institute on Aging funded this study. It had 1,716 participants aged 65 and above who were drawn from the Health and Retirement Study, a national longitudinal study.

“Our previous research has demonstrated that age beliefs can be modified; therefore, age-belief interventions at the individual and societal levels could increase the number of people who experience cognitive recovery,” Levy said.

Reference: “Role of Positive Age Beliefs in Recovery From Mild Cognitive Impairment Among Older Persons” by Becca R. Levy and Martin D. Slade, 12 April 2023, JAMA Network Open.
DOI: 10.1001/jamanetworkopen.2023.7707

READ  Tutte le cellule viventi possono contenere il meccanismo molecolare del "sesto senso": ScienceAlert