Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno degli acquedotti più antichi della storia, risalente a 8.200 anni fa, è stato scoperto nella Turchia occidentale

Uno degli acquedotti più antichi della storia, risalente a 8.200 anni fa, è stato scoperto nella Turchia occidentale

Uno degli acquedotti più antichi della storia, risalente a 8.200 anni fa è stato trovato Durante i lavori di scavo effettuati a Yeşilova Höyük (Collina Yeşilova).

Yeşilova Höyük è una collina nel distretto di Bornova di Izmir, in Turchia, ed è il più antico insediamento umano preistorico conosciuto nella regione di Izmir.

Il tumulo, che è già in fase di scavo, ha rivelato importanti manufatti neolitici nonché una ricchezza di informazioni sui primi coloni della regione di Izmir al largo della costa del Mar Egeo, sui loro dintorni e sulla loro cultura. Ad esempio, a differenza di Catalhoyuk nell’Anatolia centrale, dove le case erano situate una accanto all’altra, vivevano in case separate con sistemi di tetto separati.

I risultati del progetto congiunto tra il Ministero turco della Cultura e del Turismo, l’Università Ece e le autorità locali sono significativi perché indicano che gli insediamenti storici nella regione di Izmir risalgono a 8.500 anni fa, al 6.500 a.C.

La collina di Yesilova. Foto: Autorità sanitaria di Dubai

L’acquedotto di 8.200 anni, recentemente scoperto durante l’esplorazione della collina Yeşilova, è un importante risultato archeologico. Ingegnosamente si scoprì che i primi abitanti della città modificavano manualmente il corso dell’acqua in modo che scorresse direttamente nelle loro immediate vicinanze.

Il professore associato Zafer Deren dell’Università di Egy, che ha identificato il sito del tumulo ed è stato a capo dei lavori di scavo dal 2005, spiega:

“Qui a Yesilova Hill, il sito del primo insediamento del villaggio di Izmir, il nostro obiettivo attuale è quello di decifrare le sfumature della pianificazione urbana. Gli scavi hanno portato alla luce un canale largo 6,5 metri (21,3 piedi) che attraversava il cuore dell’insediamento Con i bordi rivestiti in pietra e un terrapieno di terra alto, questa meraviglia architettonica è durata oltre ottomila anni – oltre quattro generazioni.

La scoperta di uno degli acquedotti più antichi della storia, risalente a 8.200 anni fa, in Turchia.  Foto: Autorità sanitaria di Dubai
La scoperta di uno degli acquedotti più antichi della storia, risalente a 8.200 anni fa, in Turchia. Foto: Autorità sanitaria di Dubai

L’acquedotto alla fine venne allagato, ma la sua eredità sopravvive, come testimoniano gli sforzi di epoca romana per incanalare l’acqua attraverso la stessa area utilizzando acquedotti. La grandiosità dell’acquedotto è enfatizzata dalla sua ampia larghezza e gli insediamenti si svilupparono armoniosamente su entrambi i lati. accogliere le inondazioni Accuratamente probabile, l’insediamento ha mostrato intuizioni senza precedenti, e le nostre misurazioni hanno fissato la lunghezza del canale a 220 metri, anche se abbiamo potuto rivelarne solo una parte a causa del pesante accumulo di ghiaia al suo interno.

READ  HC afferma che l'arresto di Kejriwal da parte di ED è valido e respinge il ricorso | notizie di Delhi

Deren ha sottolineato l’importanza dell’ingegno dei coloni nella pianificazione urbana.

“I pionieri di questa città sfruttarono magistralmente l’accesso all’acqua e modellarono abilmente il loro ambiente. Il loro piano urbano potrebbe essere solo un esempio pionieristico nella storia dell’Anatolia, dimostrando la loro straordinaria capacità di adattamento”, ha aggiunto.

Sono in corso gli scavi sulla collina di Yesilova, con il sostegno del Ministero della Cultura e del Turismo, della municipalità metropolitana di Izmir, della municipalità distrettuale di Bornova e dell’Università Ece.