Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un rapporto delle Nazioni Unite ha concluso che le forze russe hanno ucciso 441 civili nelle prime settimane della guerra in Ucraina

Le forze russe hanno ucciso almeno 441 civili nelle prime settimane di guerra in Ucraina, secondo un rapporto delle Nazioni Unite che documentava attacchi nelle città ed esecuzioni sommarie che secondo loro potrebbero essere crimini di guerra.

L’Ufficio dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) afferma che il numero di vittime uccise nelle regioni di Kiev, Chernihiv e Sumy tra febbraio e aprile sarà probabilmente molto più elevato.

Il rapporto afferma che “gli atti di cui sopra sono stati commessi dalle forze armate russe che controllano queste aree, che hanno portato alla morte di 441 civili”.

Tra queste 441 persone c’erano 341 uomini, 72 donne, 20 ragazzi e otto ragazze.

“Ci sono forti indicazioni che le esecuzioni sommarie documentate nel rapporto costituiscano un crimine di guerra di omicidio volontario”, ha affermato Matilda Bogner, capo della missione di osservatori delle Nazioni Unite in Ucraina.

Bogner ha affermato che le esecuzioni sommarie spesso seguono i controlli di sicurezza delle forze armate russe.

“Solo un messaggio di testo, un capo di abbigliamento mimetico o un record di precedente servizio militare può avere gravi conseguenze”, ha detto.

Attraverso la missione in Ucraina, l’UNHCR ha raccolto prove da 102 città e villaggi.

Due uomini si trovano all'interno di un appartamento bombardato, con detriti e distruzione ovunque.
I soccorritori rimuovono le macerie dagli appartamenti bombardati a Donetsk. (Reuters: Aleksandr Ermoshenko)

I ministeri degli esteri e della difesa russi non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Dall’inizio dell’invasione, la Russia ha ripetutamente negato di aver preso di mira i civili in quella che ha definito una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e rimuovere dal potere pericolosi nazionalisti.

Dall’inizio della guerra fino al 4 dicembre, l’Alto Commissario per i diritti umani afferma di aver contato 6.702 morti civili e di monitorare le violazioni da parte di tutte le parti.

READ  Una donna misteriosa è stata trovata sugli scogli dell'isola di Krk, in Croazia