Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un esperimento sull’acceleratore di particelle che potrebbe riscrivere la storia della macchina da stampa

Sono un po ‘nervoso. Nella mia mano destra tengo una parte inestimabile della storia umana. Questa non è un’esagerazione. Si tratta di una cassa nera invecchiata, decorata con scritte in oro sul davanti. In un testo in stile gotico si legge “Carta dalla Bibbia di Gutenberg (1450 – 1455)”.

sì, colui il quale Bibbia di Gutenberg. Queste pagine originali, risalenti al XV secolo, sono arrivate a Laboratorio Nazionale Acceleratore SLAC nel nord della California per essere fatto saltare in aria da raggi X ad alta energia. Insieme alle pagine della Bibbia, c’è un testo confuciano coreano del XV secolo, una pagina dei Racconti di Canterbury scritti nel XIV secolo e altri documenti occidentali e orientali preparati a resistere a questo sbarramento. I ricercatori sperano che nelle pagine di questi preziosi documenti si trovino le prove dello sviluppo dell’invenzione più importante dell’umanità: la macchina da stampa.

52248142224-131c3578cd-6k

Una pagina della Bibbia originale di Gutenberg (1450-1455 d.C.) è stata scansionata da un raggio dell’acceleratore di particelle di sincrotrone dello SLAC.

Laboratorio Nazionale Acceleratore SLAC

“Quello che stiamo cercando di imparare è la composizione iniziale degli inchiostri, delle carte e forse di eventuali resti dei caratteri utilizzati in queste stampe occidentali e orientali”, ha affermato il consulente di imaging Michael Toth.

Per secoli si è creduto che Johannes Gutenberg avesse inventato la macchina da stampa intorno al 1440 d.C. in Germania. Si ritiene che abbia stampato 180 scritture (oggi ne esistono meno di 50). Ma di recente, gli storici hanno scoperto prove che i buddisti coreani iniziarono a stampare intorno al 1250 d.C.

52246888367-5465c17b3a-6k

Una pagina della Bibbia di Gutenberg della prima e della seconda lettera di Pietro, metà del XV secolo.

Jacqueline Ramsier Orel / Laboratorio nazionale acceleratori SLAC

“Ciò che non è noto è se queste due invenzioni fossero completamente separate o se ci fosse un flusso di informazioni”, ha affermato Uwe Bergman, professore di fisica all’Università del Wisconsin. “Se ci fosse un flusso di informazioni, sarebbe, ovviamente, dalla Corea all’ovest fino a Göteborg”.

Per dirla più chiaramente: l’invenzione di Gutenberg dipendeva, almeno in parte, dalla tecnologia orientale? Qui è dove Sorgente di luce radiante di sincrotrone di Stanford Accedere.

52248144574-2095e4019c-6k

Annali di primavera e autunno, Confucio, c. 1442.

Jacqueline Ramsier Orel / Laboratorio nazionale acceleratori SLAC

Un sincrotrone è un acceleratore di particelle che spara elettroni in un enorme tunnel a forma di anello per generare raggi X (al contrario di Il più famoso acceleratore di particelle lineare di SLAC, l’LCLS da 2 miglia). Questi raggi X danno agli scienziati la capacità di studiare le proprietà strutturali e chimiche della materia. Per vedere esattamente come usano SSLL per studiare documenti inestimabili, guarda il video qui sopra.

Emettendo un raggio di raggi X più sottile di un SSLL di capelli umani su un blocco di testo in un documento, i ricercatori possono creare mappe chimiche 2D che separano gli elementi in ogni pixel. È una tecnica chiamata imaging a fluorescenza a raggi X, o XRF.

24714809247-310cda2937-o

Fonte di Stanford Synchrotron Radiation Lights (SSRL) presso lo SLAC National Accelerator Laboratory.

Laboratorio Nazionale Acceleratore SLAC

“Gli atomi in quel campione emettono luce e possiamo tenere traccia di quali elementi la luce dovrebbe provenire nella tavola periodica”, ha affermato Minhal Gardisi, uno studente di dottorato che lavora al progetto.

Sebbene i raggi X di SSLL siano potenti, non danneggiano i documenti, offrendo agli studiosi una visione completa delle molecole che compongono i testi antichi. Dà loro anche la possibilità di cercare tracce di minerali che secondo gli storici non avrebbero dovuto essere scritti con l’inchiostro. Ciò potrebbe indicare che potrebbero provenire dalla macchina da stampa stessa. “Ciò significa che possiamo imparare qualcosa sulle leghe usate in Corea e da Gutenberg e poi forse in seguito da altri”, ha detto Bergmann.

52247958293-5ca9fe6ecf-o-1

Gli scienziati possono usare i raggi X per creare mappe chimiche bidimensionali di testi antichi come questo documento confuciano.

Mike Toth / Laboratorio Nazionale Acceleratore SLAC

Se trovano somiglianze nelle strutture chimiche dei documenti, può contribuire alla ricerca in corso su differenze e somiglianze nelle tecniche di stampa e se esiste uno scambio di informazioni dalle culture dell’Asia orientale all’Occidente.

Tuttavia, ogni scienziato con cui ho parlato del progetto ha chiarito che, anche se fossero state trovate somiglianze tra i due documenti, non sarebbe stato dimostrato in modo definitivo che una tecnologia abbia influenzato l’altra.

I documenti sono in prestito da collezioni private, dalla Stanford Library and Archives in Corea. La ricerca allo SLAC fa parte di un progetto più ampio guidato da UNESCO Chiamata Da Jikji a Göteborg. I risultati saranno presentati in Libreria del Congresso il prossimo aprile.

READ  La sonda Juno della NASA si avvicinerà lunedì alla luna di Giove Ganimede