Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuova variante BA.4.6 COVID che si preannuncia come l’incubo di Deja Vu

Il mondo ha costruito molta immunità nei nove mesi da quando è stato rilasciato Omicron nuovo coronavirus È diventata controllante, il che ha portato a un’ondata record di infortuni.

Questa immunità da vaccini e infezioni precedenti aiuta a ridurre i ricoveri e le morti anche se la progenie di Omicron – una serie di sottovarianti – è diventata dominante, una per una.

Il virus sta ora cercando di trovare un modo per superare i nostri anticorpi. Una nuova filiale, BA.4.6, sta iniziando a superare la precedente BA.5. I suoi vantaggi includono una mutazione specifica nella proteina appuntita, che fa parte del virus che aiuta ad afferrare e infettare le nostre cellule.

Abbiamo già visto questo boom R346T. E ogni volta che appare, è collegato a forme dell’agente patogeno SARS-CoV-2 con una maggiore capacità di eludere i nostri anticorpi. Invito di epidemiologi di alta qualità “Fuga immunitaria”.

Se BA.4.6 diventa dominante, potrebbe riflettere la tendenza incoraggiante che abbiamo visto nella maggior parte dei paesi nelle ultime settimane verso un minor numero di infezioni, meno ricoveri e meno decessi.

Ci ricorda che il nuovo coronavirus è una cosa viva e in evoluzione. Quando ci adattiamo ad esso, si adatta a noi. “I virus generalmente si evolvono per diventare più contagiosi e per eludere la nostra immunità”, ha detto al Daily Beast Ali Mokdad, professore di scienze della metrica della salute presso l’Università di Washington Institute of Health.

Non farti ancora prendere dal panico. “Una delle cose che cerco di non fare è eccitarmi troppo per ogni nuova variante che si apre”, ha detto al Daily Beast Peter Hotez, esperto di sviluppo di vaccini al Baylor College.

La maggior parte delle varianti e delle sottovariabili del coronavirus compaiono e scompaiono senza che l’andamento generale dell’epidemia cambi molto. Inoltre, c’è Un nuovo tipo di vaccino Negli affari che possono aiutarci a combattere le peggiori forme di COVID a lungo termine. Alla fine.

Tuttavia, BA.4.6 merita molta attenzione. È la settima variante maggiore di Omicron, che ha debuttato in Africa a novembre. Si è diffuso rapidamente, superando la precedente variante principale, Delta. Gli epidemiologi hanno descritto l’Omicron e le sue sottovarianti come il virus respiratorio più infettivo che abbiano mai visto.

READ  Il telescopio James Webb della NASA cattura le prime prove di anidride carbonica su un esopianeta WASP-39b

Omicron è quattro volte più trasmissibile di Delta ma semi-fatale. Quindi Omicron ha portato al peggior giorno di sempre per il nuovo COVID infezioni quando Un record di 4,1 milioni di persone Mi sono ammalato il 19 gennaio. Questo è un aumento di cinque volte rispetto al peggior giorno del Delta nell’aprile dello scorso anno.

Ma solo 13.000 persone sono morte nel giorno peggiore di Omicron casi di morte 9 febbraio – Migliaia di persone sono morte meno di quelle morte nel giorno più mortale del Delta nel gennaio 2021.

Non è difficile spiegare il divario crescente tra feriti e decessi mentre la pandemia si avvicina al suo quarto anno. Miliardi di persone sono state almeno parzialmente vaccinate. Miliardi di persone sono state infettate dal coronavirus e sono sopravvissute. La combinazione di anticorpi naturali e indotti dal vaccino ha creato un muro immunitario globale che ha indebolito i peggiori risultati.

Ma con BA.4.6, il virus sta cercando di aggirare questo muro. “C’è un’enorme pressione selettiva per la fuga immunitaria, specialmente ora che la stragrande maggioranza della popolazione ha un certo grado di immunità, da immunizzazione o infezione o entrambi”, ha detto al Daily Beast il virologo dell’Università di Washington Keith Jerome.

SARS-CoV-2, in sostanza, sta combattendo per la sua sopravvivenza, sperimentando mutazioni fino a quando non si stabilisce su una che potrebbe dargli il sopravvento.

R346T è una di quelle mutazioni. Non è del tutto chiaro come il virus abbia determinato il cambiamento. È possibile che Omicron sia stato mescolato con un tipo più vecchio di SARS-CoV-2 in qualcuno che si è ammalato più di una volta. In altre parole, è possibile che BA.4.6 fosse una sottovariabile “ricombinante” che catturava la sua qualità più utile da uno dei suoi predecessori.

Questo cambiamento nella proteina spike sembra rendere il virus un po’ più difficile da identificare sui nostri anticorpi. Con l’R346T, il virus ha maggiori possibilità di oltrepassare il nostro sistema immunitario e causare un’infezione. Anche se siamo vaccinati. Anche se abbiamo anche scoperto il COVID e l’abbiamo battuto in passato.

READ  Il problema della formazione di vene estremamente opache nell'oro potrebbe essere finalmente risolto

Una maggiore fuga immunitaria significa infezioni sempre più gravi. Siamo stati fortunati con Omicron nel senso che, anche se la variabile e le sue variabili dipendenti hanno guidato ondate successive di casi da novembre, i ricoveri e i decessi non sono aumentati proporzionalmente.

È ancora una questione aperta in che misura BA.4.6 possa essere peggiore e in che misura possa diffondersi. Le agenzie sanitarie di tutto il mondo stanno monitorando la variabile da mesi ormai. Con BA.5 stati stabili, BA.4.6 supera BA.5, ma non ovunque.

Gli hotspot BBA 4.6 includono alcuni stati australiani e parti del Midwest americano. Finora, BA.4.6 rappresenta circa il quattro percento dei nuovi casi negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito.

BA.4.6 è impostato in aumento con BA.5 in diminuzione. Sembra che BA.4.6 abbia solo 10% di vantaggio di crescita Più di BA.5, ma questo vantaggio è in aumento nel tempo.

Se c’è una buona notizia nell’ascesa di BA.4.6, è con tutti i boom preoccupanti residente Sottoceppo Omicron – e ha ancora molte mutazioni in comune con BA.5, BA.4, BA.2 e BA.1.

Ciò significa che i booster Omicron che Pfizer e Moderna stanno sviluppando per i vaccini a RNA messaggero, che le autorità di regolamentazione statunitensi sono sulla buona strada per approvare nelle prossime settimane, dovrebbero funzionare almeno in una certa misura contro BA.4.6.

BA.4.6 non è lo scenario peggiore. Questa sarebbe una variante secondaria – o una variante completamente nuova – con una forte fuga immunitaria. Una forma di SARS-CoV-2 che è mutata così tanto che quasi tutti gli anticorpi che abbiamo generato negli ultimi tre anni a malapena lo riconoscono.

La comunità epidemiologica è divisa sulla probabilità che si sviluppi questa variante. Alcuni sono fiduciosi che i virus respiratori come l’influenza e il nuovo coronavirus tendano a diventare più miti nel tempo man mano che diventano “endemici” – questo è sempre presente ma di solito gestibile.

Altri temono che una fuga immunitaria quasi completa sia inevitabile per i virus più intelligenti mentre lottano così instancabilmente per sopravvivere. “L’idea che ogni variante successiva causi una malattia meno grave – non la sto comprando”, ha detto Hotez.

È tutta una questione di genetica: il virus scambia una qualità con un’altra mentre cerca di diffondersi a un numero sempre maggiore di host. “Il trucco del virus è trovare un modo per sfuggire all’immunità mantenendo la capacità di infettare in modo efficiente nuove persone”, ha spiegato Jerome.

Finora il virus ha avuto molto successo nel farlo, ma la grande domanda è se può continuare a farlo, o invece alla fine esaurirà tutti i possibili trucchi per farlo, stabilendosi a un livello di endemicità più gestibile. Non c’è ancora modo di saperlo con certezza”.

Una variante o una variante con una fuga immunitaria quasi completa potrebbe riportarci indietro ai giorni più spaventosi di una pandemia precoce, quando nessuno aveva l’immunità – o comunque sviluppo immunità senza sopravvivere a un’infezione molto grave.

Ma BA.4.6 con la mutazione R346T e la possibilità di fuga immunitaria potrebbe essere un’anteprima di questo scenario peggiore. Potrebbe anche essere un argomento per l’industria farmaceutica e le agenzie sanitarie per raddoppiare i loro sforzi per creare vaccini universali che funzionano contro SARS-CoV-2 e tutti gli altri principali coronavirus, di cui ce ne sono dozzine.

Ci sono circa una dozzina di importanti vaccini “pan-coronavirus” in fase di sviluppo. I due sforzi principali sono la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations in Norvegia e il National Institute of Allergy and Infectious Diseases del governo degli Stati Uniti.

Spendono rispettivamente $ 200 milioni e $ 43 milioni per sviluppare le loro nuove rotte globali. Le prove sono ancora a distanza di mesi, se non anni. “Ci stiamo gradualmente muovendo verso un vaccino contro il coronavirus più completo”, ha affermato Hotez.

I vaccini pan-coronavirus potrebbero essere leggermente meno efficaci dei vaccini mRNA che erano al loro apice (contro malattie gravi e morte) di oltre il 90 percento, alla fine del 2020.

Ma sarà efficace su larga scala, mantenendo le persone in vita e fuori dall’ospedale anche se il virus muta continuamente per sopravvivere.