Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ue sanziona il capo petrolifero russo legato alla confisca di mega yacht | Russia

L’Unione Europea ha imposto sanzioni a un capo petrolifero russo che è stato separatamente rivendicato dalle autorità statunitensi come “proprietario di paglia” dei due yacht legati a Vladimir Putin e alla sua cerchia ristretta.

Edward Khdianatov è stato presidente e amministratore delegato della compagnia petrolifera statale Rosneft prima di fondare la propria compagnia energetica, la Independent Oil and Gas Company, che è diventata rapidamente uno dei maggiori produttori di petrolio della Russia con interessi nell’estrazione, raffinazione e commercio.

Il Lo ha detto l’Unione Europea L’uomo d’affari di 61 anni era legato a Putin, che ha contribuito a organizzare la sua prima campagna presidenziale nel 2000, e al suo stretto alleato Igor Sechin, succeduto a Khdianatov alla guida di Rosneft. Diceva che era stato inserito nella lista nera a causa del suo “beneficio dal governo della Federazione Russa” e della sua “associazione con le persone nella lista”. Sechin e Putin sono stati soggetti alle sanzioni dell’Unione Europea dall’invasione dell’Ucraina.

Khdianatov mantenne una posizione bassa rispetto agli oligarchi russi come Roman Abramovich. Tuttavia, dopo l’invasione, ha attirato l’attenzione internazionale dopo essere stato nominato in un procedimento giudiziario come proprietario di due navi di lusso: la Amadea da 325 milioni di dollari (260 milioni di sterline) e la Scheherazade da 700 milioni di dollari. L’elenco delle sanzioni europee non menzionava la presunta proprietà di Khdinatov degli yacht di lusso.

Amadea è stata oggetto di una battaglia legale alle Fiji, essendo stata sequestrata il 19 aprile per volere del governo degli Stati Uniti, che sostiene di appartenere all’oligarca russo sanzionato Suleiman Karimov.

Secondo quanto riferito, una serie di società offshore e trust collegano Khdinatov ad Amadea e Scheherazade, che Putin avrebbe utilizzato. Gli avvocati che lavorano per la società delle Isole Vergini britanniche proprietaria di Amadea hanno detto alla corte che il proprietario legale è Khdianatov.

READ  Gli oppositori francesi dell'anti-vaccinazione stanno acquistando online carte Covid false | Francia

Tuttavia, secondo gli atti giudiziari visti dai media americani, il governo degli Stati Uniti ha respinto Khdinatov come a “Il proprietario della paglia” Chi dici sta a nome dei veri proprietari delle due navi. La Corte Suprema delle Figi dovrebbe pronunciarsi sul caso il 7 giugno.

Scheherazade, composta da sei piani e due eliporti, era Catturato dal governo italiano a maggio. Era in riparazione nel porto di Marina di Carrara, e la polizia si è avventata su di essa temendo che stesse per salpare. Il ministero delle Finanze italiano, in una dichiarazione che annunciava l’ordine di sequestro, non ha nominato il proprietario, dicendo solo che aveva legami con “elementi di spicco del governo russo”.

L’organizzazione creata dal leader dell’opposizione russo incarcerato Alexei Navalny ha pubblicato un rapporto a marzo affermando di avere prove che Scheherazade apparteneva a Putin.

Secondo quanto riferito, i due yacht e il loro equipaggio erano gestiti da Imperial Yachts con sede a Monaco. Il nome della società è stato menzionato nelle sanzioni statunitensi giovedì sera, insieme al suo proprietario Yevgeny Kochman.

Il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che Coachman “fornisce servizi relativi agli yacht alle élite russe, inclusa la cerchia ristretta del presidente Putin”. Ha individuato quattro yacht “preferiti da Putin” – il Nigga, il Gracefull, l’Olympia e lo Shellist – sui quali il leader russo ha “fatto numerosi viaggi”, anche di recente lo scorso anno. La dichiarazione non menzionava il nome di Scheherazade.

Secondo un elenco delle sanzioni dell’UE, l’attività petrolifera di Khdinatov ha acquisito partecipazioni significative in società operanti nel settore energetico, insieme alle sue licenze di estrazione, dalla società statale Rosneft. Ha aggiunto che negli ultimi anni Rosneft aveva pagato a Khudianatov 9,6 miliardi di dollari per una società che possiede un giacimento petrolifero a Taimyr.

READ  La startup italiana EGO Airways pubblica il prodotto IBS

Non è stato possibile raggiungere Khdianatov per un commento.