Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Trovato via SMS il secondo caso umano di influenza aviaria legato a mucche

Trovato via SMS il secondo caso umano di influenza aviaria legato a mucche
Ingrandire / Mucche da latte Holstein in un fienile parcheggiato.

Un lavoratore di un’azienda lattiero-casearia del Michigan è risultato positivo all’influenza aviaria H5, segnando il secondo caso umano di influenza aviaria collegato a un’epidemia senza precedenti di influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicità tra i bovini da latte negli Stati Uniti.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il lavoratore ha subito solo una lieve infezione agli occhi e da allora si è ripreso, proprio come il primo caso in un lavoratore di un’azienda lattiero-casearia in Texas. Il lavoratore nel Michigan era monitorato per i sintomi causati dall’esposizione al virus e la persona lavorava in un’azienda lattiero-casearia che aveva bovini infetti dal virus H5N1.

Mercoledì pomeriggio in una conferenza stampa, il vicedirettore principale del CDC Nirav Shah ha affermato che la persona stava partecipando a un sistema di sorveglianza attiva, in cui il dipartimento sanitario statale invia ogni giorno un messaggio di testo chiedendo la presenza di eventuali sintomi. L’infezione del lavoratore è stata identificata dopo che la persona ha risposto di avere sintomi.

Gli operatori sanitari hanno prelevato tamponi dal naso e dagli occhi del lavoratore. Il CDC, che ha ricevuto i tamponi per i test martedì, ha confermato quel giorno che il tampone nasale era negativo mentre il tampone oculare era positivo.

“Abbiamo trovato questo caso perché lo stavamo cercando”, ha detto Shah, sottolineando che il CDC e il Michigan erano pronti a trovare l’ulteriore caso umano e se lo aspettavano.

In Dichiarazione separataNatasha Bagdasarian, direttore sanitario del Michigan, ha confermato che lo stato sta monitorando da vicino la situazione. “Gli attuali rischi per la salute del pubblico in generale rimangono bassi. Questo virus è attentamente monitorato e al momento non abbiamo visto segni di trasmissione da uomo a uomo. Questo è esattamente il modo in cui dovrebbe funzionare la salute pubblica, all’inizio 2019.” Individuazione e monitoraggio di malattie nuove ed emergenti”.

READ  La nana bianca "estrema" ha stabilito record cosmici di piccole dimensioni e massa enorme

Il CDC ha inoltre affermato che la valutazione del rischio per il grande pubblico rimane bassa. Tuttavia, l’agenzia ha aggiunto che l’infezione sottolinea i rischi e le precauzioni necessarie per le persone che sono esposte ad animali infetti o potenzialmente infetti.

Non è chiaro come il lavoratore sia stato infettato, ma il CDC sospetta che la persona si sia spruzzata del latte crudo negli occhi o si sia sfregata gli occhi con le mani contaminate. È stato scoperto che il latte crudo proveniente da bovini infetti trasporta livelli estremamente elevati del virus H5N1. Non è chiaro a questo punto se la persona abbia accesso ai dispositivi di protezione individuale, come una visiera, che il governo federale sta lavorando per distribuire.

Attualmente, i test del CDC hanno confermato solo che il lavoratore ha un’infezione da influenza H5. Ulteriori test che potrebbero identificare specificamente il virus come H5N1 non sono ancora stati completati. Il CDC prevede che la sequenza genetica del virus sarà disponibile entro un giorno o due. A questo punto i ricercatori potranno valutare se il virus è lo stesso di quello osservato nelle mucche e se ha acquisito mutazioni preoccupanti che potrebbero consentirgli di diffondersi più facilmente tra gli esseri umani.

Con ogni nuova infezione, il virus H5N1 ha la capacità di adattarsi a nuovi ospiti e gli esperti stanno monitorando attentamente l’epidemia nelle vacche da latte – rilevata per la prima volta a marzo – per individuare eventuali segnali che il virus acquisisca la capacità di scatenare epidemie negli esseri umani. A titolo precauzionale, il governo federale si sta muovendo per cessare la produzione di 4,8 milioni di dosi del vaccino H5N1, ha detto mercoledì in una conferenza stampa Don O’Connell, assistente segretario per la preparazione e la risposta presso il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. Si abbina bene con il virus che circola nelle mucche da latte.

READ  La Voyager 1 scopre un "ronzio" mentre si trova nello spazio interstellare: rapporto

Ad oggi, l’USDA si è registrato Cinquantadue mandrie di bovini da latte sono state infettate dal virus H5N1 in nove stati. Lo ha riferito il Michigan 19 allevamenti infetti.

Questo post è stato aggiornato per includere nuove informazioni dalla conferenza stampa e dalle dichiarazioni di oggi.