Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cambiamenti climatici: l’influencer keniano che promuove la negazione

Cambiamenti climatici: l’influencer keniano che promuove la negazione

Fonte immagine, X/jospermachugu

I negazionisti del cambiamento climatico hanno trovato un nuovo eroe nell’agricoltore keniano Josper Machugu. Sui social media è diventato noto come il portabandiera dei combustibili fossili dell’Africa, ma nella sua campagna c’è molto di più di quanto sembri.

A prima vista, il 29enne Machugu sembra essere solo un giovane agricoltore con un talento per i social media.

Su X, ex Twitter, pubblica regolarmente video di se stesso mentre diserba la sua terra, pianta aglio o raccoglie avocado, offrendo agli spettatori una finestra sulla vita nelle zone rurali di Kisii, nel Kenya sudoccidentale.

Anche se i contenuti agricoli potrebbero procurargli clic, Mi piace e retweet, è la negazione di Machugu del cambiamento climatico provocato dall’uomo che ha contribuito a migliorare il suo profilo online.

Da quando ha iniziato a diffondere teorie sfatate sul cambiamento climatico, ha ricevuto migliaia di dollari in donazioni, alcune delle quali provengono da individui nei paesi occidentali legati agli interessi dei combustibili fossili.

Mashugo insiste che ciò non ha influenzato le sue opinioni, dicendo che sono corrette.

Gli scienziati hanno dimostrato che la temperatura della Terra si sta riscaldando a causa dei gas serra emessi nell’atmosfera quando bruciamo combustibili fossili, come petrolio, gas o carbone.

Ma il signor Mashugo non è d’accordo.

“Il cambiamento climatico è per lo più naturale. Un clima più caldo fa bene alla vita”, ha affermato erroneamente Machugu in un tweet pubblicato a febbraio, insieme all’hashtag #ClimateScam (che ha utilizzato centinaia di volte).

Eppure lo è”.Uno dei continenti più vulnerabili“del cambiamento climatico e dei suoi impatti, tra cui ondate di caldo più intense e frequenti, siccità prolungate e inondazioni devastanti.

Nonostante tutto ciò, Machugo continua a insistere sul fatto che “non esiste una crisi climatica”.

“[His views] “Sicuramente deriva da una mancanza di comprensione”, afferma Joyce Kimutai, una scienziata del clima del Kenya che ha contribuito ai rapporti dell’IPCC.

Fonte immagine, La dottoressa Joyce Kimutai

Commenta la foto, Joyce Kimutai afferma che le opinioni di Machugu non sono condivise da molti keniani

“Questa non è una religione, non è solo una convinzione. Si tratta di analizzare i dati e vedere i cambiamenti nei dati.

“Dillo questo clima [change] “È un trucco davvero falso”, ha aggiunto il dottor Kimutai.

Machugu ha iniziato a twittare affermazioni false e fuorvianti sul cambiamento climatico alla fine del 2021, dopo aver condotto la sua “ricerca” sull’argomento.

Da allora, ha lanciato la sua campagna – chiamata “Combustibili fossili per l’Africa” – sostenendo che il continente dovrebbe beneficiare delle sue vaste riserve di petrolio, gas e carbone.

“Abbiamo bisogno di combustibili fossili per sviluppare l’Africa”, ha twittato Machugu l’anno scorso.

Alcuni governi africani sembrano condividere questo punto di vista, poiché hanno dato il via libera a nuovi progetti di petrolio e gas nonostante il loro impegno a “Vai via“Dai combustibili fossili.

Leader come il presidente ugandese Yoweri Museveni lo hanno affermato È ipocrisia Che i paesi occidentali impongano restrizioni ai paesi africani, quando sono diventati ricchi di combustibili fossili.

Ma attivisti climatici come il 24enne Nicholas Omonoke, ugandese, sottolineano che l’esplorazione dei combustibili fossili non è sempre stata sinonimo di crescita e sviluppo in Africa.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Impatto dell’inquinamento da petrolio greggio sulle comunità di pescatori e agricoltori nel delta del Niger, Nigeria

Tuttavia, Machugo crede di aver trovato un pubblico disponibile per il suo messaggio: ha più di 25.000 follower su X.

Ha detto alla BBC: “Penso che gli africani accettino il fatto che dico: combustibili fossili per l’Africa”.

Ma monitorando le conversazioni che coinvolgono l’handle X del signor Machogu, BBC Verify ha scoperto che la maggior parte degli utenti che interagiscono con il suo account si trovano in realtà negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada.

Molti di questi utenti promuovono anche teorie del complotto online, non solo sul cambiamento climatico, ma anche sui vaccini, sul coronavirus o sulla guerra in Ucraina.

Qualunque sia il suo punto di vista, questa comunità online ha offerto il suo sostegno a Machugo e ha contribuito a finanziare la sua campagna.

“Dicendo tutte le cose che dico, ho visto crescere il mio seguito e le persone mi chiedono: ‘Come possiamo aiutarti?'”, ha detto.

Commenta la foto, Su X, Machugu ha accusato gli attivisti climatici di essere stati presi dal panico

BBC Verify ha esaminato le pagine di raccolta fondi create da Machugu e ha scoperto che negli ultimi due anni aveva raccolto più di 9.000 dollari (7.000 sterline) in donazioni.

Il signor Machugu ha postato online l’utilizzo di parte del denaro per arredare la sua nuova casa.

Ma afferma anche di aver utilizzato le donazioni per aiutare decine di famiglie locali costruendo un pozzo d’acqua, distribuendo bombole di gas per cucinare o collegando le loro case alla rete elettrica.

Ma Machugo rifiuta le ipotesi secondo cui quelle donazioni avrebbero avuto qualche influenza sulle sue opinioni sul cambiamento climatico.

“Nessuno mi ha chiesto di cambiare opinione”, insiste Mashugo.

“Non ho problemi a guadagnare soldi dicendo quello che penso che dovrei dire o facendo ciò che è bene per la mia comunità”.

Condividendo le sue opinioni online, ha senza dubbio attirato l’attenzione di molti in Occidente che condividono la sua posizione sull’esplorazione dei combustibili fossili e sul cambiamento climatico.

Lo scrittore canadese Jordan Peterson ha ritwittato uno dei suoi post sui combustibili fossili, definendolo un “vero africano”, in contrasto con quello che Peterson ha descritto come “l’africano povero, oppresso e inutile” che gli “utopisti globalisti” presumibilmente immaginano.

Un sostenitore statunitense dei combustibili fossili ha pagato Machugo per recarsi in Sud Africa per partecipare a una conferenza sulla promozione del petrolio e del gas in Africa alla fine dell’anno scorso.

E solo pochi mesi fa, una troupe cinematografica britannica si è recata a Casey per intervistarlo per un nuovo documentario che descriveva il cambiamento climatico come uno “strano spavento ambientale”.

Per alcuni, la ritrovata popolarità di Machugo non è stata una sorpresa.

“C’è stata una vera esplosione nello sviluppo dei combustibili fossili in Africa”, afferma Amy Westervelt, corrispondente climatica statunitense che copre i tentativi di far deragliare la politica climatica.

“E poiché molti paesi stanno approvando politiche che limitano i combustibili fossili, anche l’Africa è vista come un grande mercato.

“Quindi è molto utile che le persone in Africa dicano: ‘Vogliamo questi progetti’”.

Questo è certamente un punto che Machugo ha sottolineato – più volte – sui social media.

Ma il dottor Kimutai sostiene che la sua promozione dei combustibili fossili, unita alla sua negazione del cambiamento climatico di origine antropica, potrebbe avere delle conseguenze.

“Perché abbiamo ancora bassi livelli di alfabetizzazione climatica in Africa e Kenya, e se questa teoria del complotto si diffondesse alle comunità o alle persone, potrebbe davvero minare l’azione per il clima.

“Questo è davvero pericoloso.”

Altre storie da BBC Check: