Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tribeca Italian Studies Review: La misteriosa Vanessa Kirby vaga per le strade di New York in una foschia dimenticata

Tribeca Italian Studies Review: La misteriosa Vanessa Kirby vaga per le strade di New York in una foschia dimenticata

In “Italian Studies”, diretto da Adam Lyon, una giovane scrittrice trascurata (interpretata da Vanessa Kidby) si ritrova persa a New York. Mentre lotta per mettere insieme i suoi ricordi, si reca nelle strade della città per trovare il suo posto in un mondo che le sembra completamente estraneo. Fortunatamente, il film crea un’atmosfera invitante e ti invita a partecipare.


Mi piace un film con un eroe inaffidabile. Il personaggio principale di Adam Lyon Studi Italiani Inaffidabile come viene. L’attrice nominata all’Oscar Vanessa Kirby funge da punto di ingresso nel film onirico (prima del suo lavoro pionieristico in tagliato da donna) che interpreta un autore pubblicato affetto da amnesia temporanea. Mentre vaghi per le strade e i marciapiedi della New York pre-pandemia, il film offre le riflessioni di Wabi Sabi su qualcosa che tutti noi sentiamo di tanto in tanto: persi e soli in mezzo alla folla.

Non sappiamo cosa sta succedendo con la misteriosa Alina Reynolds di Kirby, infatti, non sappiamo nemmeno il suo nome fino alla metà del suo film. Non riesce a ricordare il suo nome, dove sta andando o da dove viene. Nella sequenza di apertura del film di Claire, un’adolescente le chiede se si ricorda di lei o del suo ragazzo Simon, sostenendo che erano intimi. Questo non suona un campanello e l’unico ricordo che ha è la perdita del suo cane. Poco dopo nel film, un fan le presenta il suo lavoro fuori dal negozio, il che le dà un’idea di chi sia. Ma al di fuori di queste interazioni, Alina si chiede se la sua realtà sia solo un prodotto della sua immaginazione, un ricordo o qualcosa di immaginario sperimentato dai personaggi del suo libro. Questo la fa camminare in una città frenetica e rumorosa, sentendosi più caotica e sconcertata di quanto farebbe normalmente.

READ  Crewe Capital assiste esclusivamente l'acquisizione di Acucote Inc. dall'azienda italiana, Fedrigoni Group

Italian Studies è una meditazione immersiva sulla connessione, la separazione e la perdita per le strade di New York. Guidato dall’inaffidabile protagonista della brillante protagonista Vanessa Kirby, il film si svolge come un sogno che è istantaneamente reattivo e confuso allo stesso tempo.

Mentre Studi Italiani Ti farà girare la testa proprio come l’eroina del film, il film ci dà un’idea di cosa sta succedendo. Alina mette il suo cane al guinzaglio fuori da un negozio di ferramenta prima di entrare ed uscire senza il suo cane. Non perché è una pessima proprietaria di animali domestici, ma perché ha semplicemente dimenticato di possedere un cane. Quindi, risulta da una lunga e gelida passeggiata per la città che sembra trascendere il tempo. Kirby rende questi momenti guardabili semplicemente stando nell’inquadratura e pochissimi dialoghi su cui contare. Lungo la strada, entra in un negozio di maialini dove incontra Simon (Simon Breckner), un adolescente eccentrico che potrebbe essersi perso come lei, ma in un modo diverso. L’ha fatta parlare cercando di venderle un hot dog, e mentre lei sente che uscire con questo sconosciuto non è saggio, decide rapidamente di andare con lui poiché non ha un posto dove stare, e anche se lo facesse, non può ricordalo. Simon si apre rapidamente sulla sua famiglia e sui problemi esistenziali generali che derivano dall’essere giovane. Attraverso Simon e i suoi amici, un gruppo di adolescenti presumibilmente intervista Alina per il suo prossimo libro, otteniamo approfondimenti sulle paure, sui sogni e sulle meditazioni della loro generazione. Questi estratti dell’intervista appaiono di tanto in tanto accanto ad attori adolescenti in primo piano tra cui Maya Hawke, che appare senza preavviso, fondendosi nella narrazione.

READ  Kevin Spacey ha scritto il primo party dallo scandalo delle violenze sessuali, un film italiano sullo sfruttamento sessuale dei bambini accusati ingiustamente | Arte e intrattenimento

In realtà non succede nulla Studi Italiani. Il film non ha una trama complicata solo per confondere il pubblico. Invece, crea un’esperienza, uno stato d’animo se lo si desidera. Nonostante la performance di Kirby abbia un modo per attirare una persona in un personaggio che sfugge alla descrizione, gran parte del fascino del film è modellato dal suo linguaggio visivo. Vediamo New York in tutti i suoi gloriosi dettagli e in modo sfocato mentre auto e persone passano sullo sfondo di semafori, vetrine e insegne (comprese le indicazioni che sono diventate inutili per il nostro eroe dimenticato). La musica ambientale mantiene un tono coinvolgente che ti tiene connesso allo schermo mentre la modifica riflette lo stato d’animo sconcertante di Alina. Di tanto in tanto la vediamo avere conversazioni brevi ma perspicaci con persone che ha appena incontrato, mettendo insieme la sua realtà attraverso la loro percezione, proprio come uno spettatore che è al buio tutte le volte che lo è la maggior parte del tempo.

Verdetto finale.

È stato menzionato dal regista Adam Lyon Studi Italiani Influenzato da Alice nel Paese delle Meraviglie, il viaggio di Alina nella tana del coniglio verso una città isolata è tanto bizzarro quanto intrigante. Lei, come tante persone intorno a lei, sta per scoprire se stessa, cercando la sua identità, e forse trovando un posto in mezzo a tutte le luci e i rumori. Se sei una persona a cui piace una buona atmosfera per perdersi per un po’ e contemplare la vita mentre ci sei dentro, allora apprezzerai questo pezzo di cinema comico. Ma non aspettarti che si spieghi.

READ  Novak Djokovic gareggia con l'arbitro italiano a causa del maltempo durante la partita: `` ho perso la testa ''

Studi Italiani È stato proiettato al Tribeca Film Festival 2021.

Vedi anche: La recensione di “Last Film Show” di Tribeca: una lettera d’amore visivamente sbalorditiva al cinema

Foto di copertina: Tribeca Film Festival