Gennaio 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ristrutturazione Cinecittà in pista con aumento occupazione e nuove strutture

Ristrutturazione Cinecittà in pista con aumento occupazione e nuove strutture

Secondo l’amministratore delegato Nicola Mecnico, la radicale ristrutturazione degli studi di Cinecittà in Italia, in corso da maggio, sta guadagnando slancio con una maggiore occupazione del palcoscenico del suono e della trama di sottofondo, prospettive realistiche di redditività e moderne strutture per le riprese.

Makaniko, un ex dirigente della Warner Bros., si è unito. e Sky Italia, sono saliti sul podio ad aprile per gestire Cinecittà su mandato del Ministro della Cultura Dario Franceschini per trasformare i famosi studi di Roma nelle migliori strutture cinematografiche del continente europeo grazie a Un investimento di 300 milioni di euro (339 milioni di dollari) dal Fondo per la ripresa post-pandemia dell’Unione europea. Da allora, è stato impegnato a riparare molti dei 19 palchi acustici esistenti e a crearne cinque nuovi, oltre a mettere in atto un piano finanziario quinquennale in base al quale Macanico prevede che Cinecittà inizi a realizzare profitti nel 2023.

In circa sei mesi, gli studi tentacolari hanno raggiunto quasi l’80% di occupazione, avendo attratto produzioni internazionali tra cui “House of Gucci” di MGM, “Domina” e la serie di Showtime “Ripley”, così come produzioni di Amazon. L’originale italiano “The Bad Guy” e il programma Netflix italiano “Fedeltà”. Le entrate di Cinecittà sono quasi raddoppiate nel 2021 a 16,4 milioni di euro (18,5 milioni di dollari) e l’obiettivo ora di Maccanico è raggiungere una crescita del 15% anno su anno fino al 2026.

Intanto, nel 2022, quasi l’80% dello spazio disponibile è già esaurito, afferma Maccanico, con tre grandi produzioni internazionali sconosciute che presto arriveranno nel backlot di Cinecittà,Oltre alla serie originale Disney Plus Italia “Boris 4”, che ha già iniziato le riprese, e il film del regista italiano Nani Moretti, prodotto da Domenico Procacchi Fandango, i dettagli sono segreti e sarà una commedia.

Maccanico, che osserva che gli studi sono strutture a servizio completo, comprese le suite di montaggio, il missaggio del suono e l’elaborazione di film in 35 mm e il generoso credito d’imposta del 40% dell’Italia (aumentato dal 30% durante la pandemia) è ancora valido.

READ  Santiago Ribeiro ha ora aperto la più grande galleria surrealista del mondo, la Video Gallery italiana e Matos

Una componente importante del piano Maccanico è attirare a Cinecittà grandi società di produzione e/o broadcaster o broadcaster con contratti di servizio a lungo termine. In base al quale avranno un’occupazione permanente degli studi per un periodo di tempo “che consentirà loro di pianificare il maggior numero di prodotti qui e gestire i propri budget con meno rischi e una maggiore redditività”, ha affermato.

Nella sua ricerca di far crescere il business, in ottobre Maccanico ha nominato un ex direttore del mercato al MIA di Roma, Lucia Milazsotto, a capo della nuova unità di Cinecittà Sales and Marketing. Milazzotto, che è stato determinante nel trasformare il mercato cinematografico e televisivo MIA in un importante polo industriale, è ben collegato, in particolare con i principali attori dell’industria europea che Cinecittà cerca di attrarre, ancor più degli studi di Hollywood e degli schermi televisivi.

Per quanto riguarda la ristrutturazione delle strutture cinematografiche del Cinesta, Si stanno pompando 195 milioni di euro (220 milioni di dollari) in fondi di sostegno dell’UE per costruire cinque nuovi palchi acustici, due dei quali saranno di oltre 3.000 metri quadrati (32.000 piedi quadrati), mentre sono in corso di ristrutturazione altre cinque strutture esistenti, tra cui la vecchia Cinecittà. Roma è designata a cui è stata aggiunta una pista.

Nel frattempo, il grande palco LED intelligente per la produzione virtuale sarà pronto all’inizio del 2022, e così sarà schermo verde Studio per motion capture e riprese 3D. Makaniko ha detto che si senteL’urgenza di dimostrare che Cinecittà dal punto di vista tecnologico può essere all’avanguardia con Nuove strutture progettate per soddisfare le esigenze dell’imaging digitale nel 21° secolo” Sono in corso anche i lavori per un palcoscenico subacqueo all’avanguardia.

Come annunciato in precedenza, la ristrutturazione di Cinecittà prevede anche l’eventuale ingresso come partner della banca italiana Cassa depositi e prestiti che possiede un terreno adiacente a Cinecittà che aggiungerebbe 40 acri ai 99 acri esistenti e consentirebbe la costruzione di otto oltre 1.000 mq. Fasi del suono del contatore. Makaniko ha detto che ora è vicino alla conclusione di un accordo che renderebbe Cinecittà il più grande spazio di studio in Europa e aiuterebbe anche a ottenere un maggiore vantaggio competitivo rispetto ad altre importanti strutture europee come il Babelsberg Studio in Germania, gli Origo Studios in Ungheria e Nou Poiana in Bulgaria.