Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ripartono le navi da crociera di Venezia, provocando proteste ambientali

Di Colin Barry The Associated Press

VENEZIA, Italia – La prima nave da crociera dopo la pandemia ha attraversato sabato il cuore di Venezia, accompagnata da trionfanti battelli scroscianti e da portuali esultanti mentre attraversava il Canale della Giudecca, ma è stata anche protestata da centinaia di persone a terra e una piccola flotta. Barche di legno che sventolano bandiere “No Big Boats”.

La battaglia per il futuro di Venezia è stata dura poiché l’orchestra MSC è salpata con circa 1.000 passeggeri a bordo. Il viaggio ha preannunciato il ritorno delle navi da crociera nella storica città canale dopo oltre 18 mesi, ma la nave ha riacceso un movimento contro le crociere che per più di un decennio si era opposto al passaggio di enormi navi attraverso il fragile lago a causa di fattori ambientali. e problemi di sicurezza.

Il governo del primo ministro italiano Mario Draghi si è impegnato questa primavera a far uscire le navi da crociera dalla laguna veneziana, ma raggiungere questo obiettivo richiederà tempo. Anche una soluzione temporanea per deviare le grandi navi dal Canale della Giudecca non è probabile fino al prossimo anno. Potrebbero volerci anni per sbarazzarsi del lago di navi lunghe oltre 250 metri e pesanti più di 90.000 tonnellate.

Venezia è diventata una delle principali destinazioni crocieristiche del mondo negli ultimi due decenni e nel 2019 è stato uno spartiacque redditizio per 667 navi da crociera che trasportano quasi 700.000 passeggeri, secondo Cruise Lines International (CLIA).

I passeggeri in arrivo sabato per la crociera di una settimana a bordo della MSC Orchestra da 92.409 tonnellate a 16 piani, con tappe nell’Italia meridionale, in due isole greche e a Dubrovnik, in Croazia, sono stati accolti al porto con cartelli con la scritta “Welcome Back Cruises”.

READ  Il cardinale George Bell sta vivendo una rinascita romana

Antonella Frigo della vicina Vicenza ha ritardato più volte la sua partenza a causa della pandemia ed era entusiasta di andare finalmente in vacanza. Ma ha anche simpatizzato con gli attivisti che vogliono spostare enormi navi fuori dal centro di Venezia.

“Ho sempre detto che dovrebbero essere presi, ma mi dispiace, devo lasciare Venezia, perché vengo dal nulla”, ha detto Frigo dopo essere sbarcato con un compagno al terminal crociere. “Ma spero che vengano reindirizzati. Mi chiedo: ‘Non è possibile trovare un’altra soluzione, in modo che non passino dove non dovrebbero?”

Il messaggio ai passeggeri che si sono imbarcati a Venezia dal ponte è stato confuso mentre la nave ha attraversato il Canale della Giudecca, passando per Piazza San Marco e Palazzo Ducale. Centinaia di veneziani si sono radunati in una protesta lungo il canale per chiedere l’immediato arresto delle navi da crociera che attraversano il lago, citando una serie di editti precedenti che secondo loro non sono mai stati attuati.

L’orchestra di MSC ha risposto con un forte squillo del suo clacson, mentre 20 barche si sono riempite di personale e dignitari portuali, celebrando il rinnovo delle crociere e il ritorno al lavoro di centinaia di lavoratori portuali. Secondo la Venice Business Commission, più di 1.700 lavoratori si occupano direttamente delle navi da crociera, dai conducenti di rimorchiatori ai portabagagli, mentre altri 4.000 posti di lavoro dipendono dal traffico crocieristico.

La lunga battaglia per le navi da crociera di Venezia si è intensificata dopo che la nave da crociera Costa Concordia è affondata al largo della Toscana nel 2012, uccidendo 32 passeggeri e membri dell’equipaggio. Si è intensificato dopo che la MSC Opera ha colpito un molo e un battello turistico, ferendo cinque persone, durante la manovra attraverso il Canale della Giudecca due anni fa questa settimana.

READ  Lo studio rileva alti livelli di ansia e depressione tra i medici durante la pandemia di COVID-19

In tutti questi anni, nessuna valida alternativa è uscita dal tavolo da disegno.

La Venice Environmental Society, uno dei gruppi anti-nave, chiede alle autorità culturali italiane e al porto di Venezia di bandire immediatamente le navi dal lago, minacciando azioni legali se non verrà intrapresa alcuna azione entro 15 giorni.

“È una grande provocazione che sia passata una nave”, ha detto Andrina Zeitelli, esperta ambientale e membro dell’associazione. “Non puoi paragonare la difesa della città alla difesa dei posti di lavoro per le grandi compagnie di crociera”.

L’associazione di categoria del settore crocieristico ha affermato di essere favorevole allo spostamento di navi più grandi in altre aree per evitare di attraversare il Canale della Giudecca, ma sottolinea che le navi da crociera devono ancora accedere alla laguna veneziana.

“Non vogliamo essere una compagnia malvagia”, ha detto Francesco Galletti di Cruise Lines International Italy. “Non riteniamo che dovremmo essere trattati in questo modo. Ci sentiamo gentili con le comunità”.

Galletti ha affermato che le navi da crociera rappresentano solo una piccola percentuale del turismo a Venezia, circa il 5%, e che molti passeggeri rimangono in città prima o dopo le loro crociere, contribuendo in media con $ 200 al giorno all’economia dipendente dal turismo.

Prima della pandemia, Venezia soffriva di sovraffollamento turistico, ricevendo 25 milioni di visitatori all’anno. Era sul punto di tassare i viaggiatori giornalieri prima dello scoppio della pandemia, che ha portato il turismo a un brusco arresto.

A Roma, il governo italiano ha detto che stava organizzando offerte per una valida alternativa al largo del lago, e la richiesta di offerta dovrebbe essere pubblicata da un giorno all’altro. Tuttavia, la rotta alternativa temporanea del Canale della Giudecca – lo spostamento di navi più grandi in un porto industriale a ovest di Venezia – non sarà pronta fino al prossimo anno, ha dichiarato all’Associated Press il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile italiano.

READ  Aeroporti italiani e francesi costituiscono società per infrastrutture per taxi volanti

I funzionari dell’industria crocieristica affermano che la preparazione del porto di Marghera, che si trova ancora all’interno della laguna, richiede l’allungamento degli ormeggi esistenti per ospitare navi più grandi e il dragaggio di un canale in avvicinamento. Secondo i piani attuali, verranno dirottate le navi di altezza superiore a 250 metri, che rappresentano circa il 70% del traffico crocieristico.

Mentre alcune compagnie di crociera hanno sperimentato Trieste a est o Ravenna a sud come punti di approdo per coloro che visitano Venezia durante la pandemia, i funzionari del settore affermano che la città lacustre di 1.600 anni rimane un importante porto per le crociere statunitensi. Il mare Adriatico e il Mediterraneo orientale.

Ma gli ambientalisti dicono che il settore delle crociere deve cambiare.

“Venezia è al livello dell’acqua. Ci sono giorni in cui Venezia è sotto il livello dell’acqua”, ha affermato Jane da Mosto, CEO di We Are Here Venice, che era anche il Global Cruise Activist Network. “Abbiamo bisogno di navi che utilizzino energia rinnovabile. Abbiamo bisogno di navi che non portino migliaia di persone contemporaneamente nei nostri stretti vicoli. Abbiamo bisogno di visitatori interessati a conoscere Venezia”.